NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Recensioni

Recensioni (32)

 

Nel mondo globale odierno, con la Terra vigilata da numerose costellazioni di satelliti artificiali, ci si è completamente dimenticati di quelle che erano le conoscenze cartografiche del pianeta anche quarant'anni fa. In un libro di quei tempi si apprendeva che solo il dieci per cento del mondo era rappresentato in cartografia a scala tecnica, mentre la parte restante aveva soltanto carte generiche a scala geografica.

Questo libro non ha la pretesa di essere una storia completa della topografia nel periodo sopra indicato; intanto è limitato al vecchio continente, poi riflette soprattutto la grande evoluzione che questa tecnica ha vissuto in tre secoli quasi esatti: incominceremo infatti dalla formazione della grande carta censuaria del Milanese voluta da Carlo VI di Asburgo, per giungere al 2018. Quindi sarà una sintesi, anche se non troppo sinottica, dei fatti, degli strumenti, delle modalità operative che si sono succeduti in tale tempo.

Mercoledì, 30 Agosto 2017 14:07

Un secolo e mezzo di geodesia

Dopo oltre un secolo e mezzo, e prima che le nuove tecnologie abbiano il sopravvento sul lavoro costante, spesso faticoso, sempre impegnativo sia dal punto di vista didattico che da quello della ricerca, si vogliono qui ricordare persone e fatti che hanno sicuramente illustrato il vecchio, tradizionale e glorioso Istituto di Geodesia e Topografia (che nel tempo ha più volte cambiato denominazione).

Martedì, 30 Maggio 2017 12:32

La fondazione delle città

Il libro dal titolo "La fondazione delle città" analizza le preferenze insediative che hanno determinato la fondazione delle città più importanti dall’antichità a oggi, nonché il loro sviluppo urbanistico. Rilievi e pianori, porti naturali ben riparati, territori ricchi di risorse naturali e geologiche orientarono le scelte dei fondatori di Uruk, Roma, New York, mentre alluvioni, sedimentazione di foci fluviali, frane, terremoti furono tra le cause del declino e dell’abbandono di Leptis Magna, Sibari, Paestum, Selinunte.

La misura della Terra: Scienza o Tecnica? E' la domanda che si pongono gli autori di questo testo che riesce a riassumere in 189 pagine la meravigliosa storia degli sforzi compiuti dall'uomo per indagare, conoscere e infine misurare, come dicono gli autori stessi, ciò che i greci chiamavano "ecumene".

Fra i professionisti del territorio, i geologi sono sicuramente quelli che hanno maggiore necessità nell'uso di strumenti GIS e di dati geografici. Non è un uso di sola rappresentazione perché, più di altri, i geologi analizzano il territorio attraverso modelli e elaborazioni sofisticate.

Lunedì, 23 Novembre 2015 16:16

Droni per l'innovazione

Una introduzione al mondo dei droni per le applicazioni geomatiche e non solo. E’ questo il senso del volume distribuito nel circuito di Amazon che porta una grande quantità di notizie atte a dare un’idea del mondo che si sta aprendo all’attività effettuata dai droni.

Il nuovo “Italia - Atlante Dei Tipi Geografici” è molto di più di un “semplice” aggiornamento del volume redatto da Marinelli. “Nell’accezione comune, per Atlante si intende una raccolta di carte, prevalentemente a piccola scala, ordinata secondo determinate intenzioni che sembrano non aver subito radicali modifiche, se non a livello esteriore, nonostante l’evolversi del tempo e della dinamica storicopolitica, sociale e culturale”; le carte geografiche, come scrisse il geografo Marinelli, sono un documento insigne e meraviglioso: non solo conservano testimonianza degli elementi geografici che in un determinato spazio, in un determinato momento, si sono proposti all’occhi del topografo o alla scienza del cartografo, ma costituiscono esse stesse testimonianza della capacità tecniche artistiche, oltre che dei gusti e degli interessi, tipici delle diverse fasi storiche. Ogni carta è, in altre parole, un documento sullo stato evolutivo delle conoscenze scientifico-disciplinari che l’hanno prodotta. L’Atlante soddisfa il bisogno primordiale dell’uomo di rappresentare, nelle tavole che lo compongono, lo spazio in cui vive e di cui “si vuole appropriare intellettualmente”, stabilendo le correlazioni tra i diversi elementi. L’Atlante è, quindi, l’opera geografica per eccellenza che nasce dal bisogno di farci abbracciare tutta la realtà e permetterci di scoprire anche luoghi a noi sconosciuti. Il Nuovo “Italia - Atlante Dei Tipi Geografici”, largamente ampliato e commentato è improntato su uno stile più vigoroso. E’ composto da 868 pagine e suddiviso in tre parti: la prima propedeutica, la seconda tematica e la terza ed ultima composta da indici ed elenchi. La prima parte, dedicata ai principali strumenti utilizzati per l’analisi geografica, è suddivisa in 3 temi e 19 saggi. La seconda parte, considerata il cuore dell’opera, è costituita dalle tavole illustrative dei tipi geografici considerati ed è suddivisa in 152 tavole e 20 temi. I primi sette riguardano la geografia fisica nelle sue molteplici manifestazioni tipologiche. I successivi tre, hanno per oggetto i tipi geografici nei quali la realtà fisica del territorio è stata plasmata o significativamente modellata dall’attività antropica, modificatrice della superficie terrestre. Di sicuro il titolo dell’opera pone le fondamenta per una domanda ben specifica: cosa si intende per Tipi Geografici? La risposta è semplice ed in essa sono evidenziati i cambiamenti avvenuti per cause naturali e per cause antropiche, dovuti all’interazione dell’uomo sulla Terra e che hanno generato notevoli mutamenti sulla superficie del nostro paese. I notevoli studi geografici umani occupano i restanti dieci temi: cinque temi sviluppano la trattazione degli insediamenti e uno parla delle dinamiche urbanizzate, altri due temi affrontano le problematiche inerenti alle vie e reti di comunicazione ed alla rappresentazione degli aspetti naturali e antropici dei tipi riguardanti il paesaggio ed i beni culturali. L’insieme delle tavole tematiche dell’Atlante viene concluso con i tipi di discontinuità territoriale e la toponomastica. L’ultima parte contiene le voci essenziali per una corretta consultazione dell’opera. Il Prof. Gino De Vecchis ha poi concluso l’incontro ricordando a tutti che la geografia va studiata sin dalle scuole primarie, proponendo che, a nome dell’Associazione ed in veste di Presidente della stessa, gli insegnanti vengano aiutati ad introdurre nelle scuole le nuove metodologie e tecnologie per insegnare la geografia, al fine di non farla diventare una materia in via di estinzione.

Titolo del libro:  ITALIA - Atlante dei Tipi Geografici 

Autore del libro: Olinto Marinelli

Pagine: 868

Editore: Istituto Geografio Militare - Il libro è stato realizzato sotto l'alto patronato dell'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi

ISBN: 88-523-8913-X

   

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kxu89

 

Lunedì, 20 Febbraio 2006 11:27

Geniali debolezze

Carl Friedrich Gauss ( 1777 - 1855) ed Alexander Von Humbolt (1769 - 1859), ormai vegliardi, sono i protagonisti dell’originale, ironico, a tratti amaramente esilarante romanzo storico di Kehlmann. La narrazione descrive un incontro tra i due, ormai famosi ma irrimediabilmente provati dal decadimento fisico, aprendo poi un amplissimo flashback sul dipanarsi delle loro vite e dei loro studi. Numerose, e assai gustose, sono le incursioni sulle loro vicende private, e persino intime; sulle loro debolezze e manìe. Non mancano, nel racconto, illustri comparse quali Goethe, Kant, Weber, Daguerre, nonché personaggi storici dell’epoca, in un intreccio di vicende vere e di aneddoti verosimili. 

Il 23 giugno 2006, presso la Sala Conferenze dell’Agenzia per la protezione dell’Ambiente e per i Servizi Tecnici (APAT) è stato presentato il volume “Mapping Geology in Italy”. La finalità del volume è quella di esemplificare, attraverso i 38 contributi prodotti da oltre un centinaio di autori italiani, europei ed extraeuropei, l’iter concettuale e metodologico che presiede alla realizzazione di indagini geologiche sul territorio ed alla loro restituzione cartografica. Per tale motivo sono state sperimentate differenti metodologie, sia di acquisizione dei dati che di restituzione cartografica, mirate a coprire i numerosi settori delle Scienze della Terra. Tutti i contributi pubblicati, infatti, hanno in comune la produzione di specifiche cartografie, concentrando l’attenzione su aree del territorio nazionale considerate rappresentative dei principali caratteri della geologia stratigrafica e strutturale, della geologia del Quaternario e del vulcanismo, non trascurando i temi relativi alla geologia dei fondali marini. L’ente sponsorizzatore del progetto, il Servizio Geologico d’Italia/Dipartimento Difesa del Suolo dell’APAT, è, da oltre 130 anni, l’unico organo cartografico dello Stato deputato alla rappresentazione geologica del territorio nazionale, ed è quindi il soggetto più sensibile rispetto all’evoluzione metodologica di raccolta e rappresentazione dei dati geologici. L’idea del volume prende avvio proprio dalle numerose innovazioni che vengono suggerite durante la realizzazione del progetto di cartografia geologica nazionale alla scala di 1:50.000 (progetto CARG) che il Servizio Geologico d’Italia sta realizzando da alcuni anni. I contributi che compongono il volume sono organizzati in aree tematiche: un primo gruppo di contributi si occupa dell’analisi del territorio interessato dalla geologia e dalla morfogenesi recente (analisi dei depositi quaternari, geologia marina, geomorfologia e neotettonica), mentre un’altra serie di lavori sviluppa metodi legati alle successioni vulcaniche recenti ed attuali. Si passa poi all’analisi delle classiche successioni appenniniche mesocenozoiche, analizzandole sotto l’aspetto tettono-stratigrafico e cinematico e si prosegue poi con un argomento molto attuale: lo studio delle deformazioni del basamento alpino e le possibili modalità di rappresentazione cartografica. Rispetto agli argomenti fin qui affrontati spicca lo sviluppo di metodologie di rappresentazione tridimensionali, che, proprio riferendosi agli obiettivi dell’opera, sono ottimi elementi mirati alla rappresentazione completa e coerente dei dati, oltre che alla facilitazione della lettura delle strutture geologiche più o meno complesse. La conclusione dell’opera è affidata alla rappresentazione cartografica di due particolari geositi: considerando che l’Italia è uno dei paesi d’Europa la cui storia geologica è la più completa e complessa, i due esempi riportati rappresentano un elemento di sensibilizzazione alla tutela e conservazione del patrimonio geologico
italiano. Motivo conduttore di quasi tutti i contributi è l’imponente uso di tecnologie digitali sia nella fase di acquisizione dei dati che nella loro rappresentazione, senza però ridurre o trascurare l’indispensabile fase di raccolta dei dati (rilevamento geologico) di campagna, indice di un lavoro qualitativamente accurato. L’opera, pur riunendo in un unico volume una serie di carte geologiche, non si presenta come una raccolta cartografica, ma presenta ed illustra, in maniera didattica e divulgativa, nuovi modelli metodologici, guidando il lettore attraverso i singoli percorsi di riconoscimento ed interpretazione dei dati alla base della stessa cartografia. Il pregio dell’opera, oltre che nell’accurata veste grafica e nella rigorosa scelta della significatività dei singoli contributi, consiste anche nel taglio didattico che gli editori hanno voluto dare; l’obiettivo di fornire agli studiosi, ai ricercatori, ai tecnici e, non ultimi, agli studenti delle diverse discipline afferenti alle Scienze della Terra, un moderno strumento di analisi territoriale è stato brillantemente raggiunto.

Titolo del libro: Mapping Geology of italy

Autore del libro: Corrado Venturini, Giorgio Pasquarè, Gianluca Groppelli

Prezzo: 59,50€

Pagine: 336

Editore: Ist. Poligrafico dello Stato (31 dicembre 2004)

Lingua: Italiano

ISBN-10: 8824025528

ISBN-13: 978-8824025522

   

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kxu89

 

Pagina 1 di 4
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA landsat laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS

Aziende e professionisti in azione

  • Rilievi laser scanner in superficie e sotterraneo

    Rilievi topografici in superficie e sotterraneo in Via Lugnano in Teverina - Via Nocera Umbra - Municipio Roma VII, eseguiti per Roma Capitale U.O. Opere idrauliche e dissesto idrogeologico.

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo