itarzh-CNenfrdejaptrues

The world has experienced several devastating disasters in this century, first an Earthquake of a very high magnitude and then Tsunami afterwards or heavy rain flows, followed by floods and landslides are common occurrences. These are conditions where even the most advanced EWS cannot make a significant difference. So, most of the potential to mitigate such a disaster in the future would have to be in the field of vulnerability reduction by adaptation, e.g. in urban planning and construction, based on risk and vulnerability maps.

Pubblicato in Eventi

Dopo i fatti di Livorno del 9 settembre scorso, ritorna di grande attualità la problematica dei tratti tombati e l'importanza di avviare un'attività di censimento e georeferenziazione di tutti i corsi d’acqua interessati da interferenze o deviazioni.

Pubblicato in BIM CAD GIS

Negli ultimi anni stiamo assistendo nel nostro paese a un cambiamento del regime degli incendi che richiede nuove strategie per governare tale fenomeno.

Pubblicato in Scienze della Terra
Grazie al nuovo servizio cartografico online del portale dell’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile che si appoggia all’applicazione Moka Web, è possibile visualizzare su una mappa interrogabile lo stato dei più recenti interventi urgenti di messa in sicurezza di argini, sponde, strade e dissesti sul territorio emiliano-romagnolo.
Pubblicato in Dati geografici

La Sigea in collaborazione con italiasicura e con il patrocinio dell'Ordine dei Geologi della Puglia ed altri Enti ha organizzato il 6 giugno a Foggia il Convegno “Analisi e attività di mitigazione del dissesto idrogeologico”.

Pubblicato in Scienze della Terra

Quello che colpisce in questo momento in cui tra l'altro si sta vivendo una allerta meteo "rossa" in Liguria è la completa mancanza di strumenti che consentano di prevedere dove e come si possono manifestare episodi di sovraccarico idrico dovuti ad effetti meteorologici. La conoscenza dell'andamento altimetrico del territorio è la base per qualsiasi piano di azione che possa evitare di diramare allerta in ogni zona il che significa annullare l'azione.

Pubblicato in Scienze della Terra

L’Autorità di Bacino Regionale delle Marche nell’ambito dell’Aggiornamento 2016 del Piano di Assetto Idrogeologico ha sviluppato una sezione “Cartografia” che permette alle varie tipologie di utenti di consultare/accedere alle risorse cartografiche disponibili.

Pubblicato in Servizi

Dissesto idrogeologico e valutazione del rischio connesso tramite approcci a scala differente: dati da remoto e dati in sito. L’informazione oggi disponibile è sufficiente per gli scopi di protezione dei rischi idrogeologici? I dati sono utilizzabili o necessitano di approfondimenti? Monitoraggio in tempo reale e allerta: tecnologie esistenti e futuri sviluppi. Nella sessione "Difesa del suolo e recupero del territorio" del Forum TECHNOLOGYforALL (Roma 4-6 ottobre 2016) verranno indagati temi relazionati alla reale utilità e precisione delle attuali e innovative tecnologie di acquisizione dati da remoto (sia in orizzontale che in verticale) e sulla loro completezza per sviluppare una valutazione corretta della pericolosità e del rischio da frana e sprofondamento.

Pubblicato in Scienze della Terra
L’immagine satellitare che offriamo questa settimana ai nostri lettori è stata ottenuta da Sentinel-2A e porta l’osservatore al di sopra della regione più orientale delle Sundarbans in Bangladesh, con una vista in colori naturali (guardala/scaricala in alta risoluzione).

L’area complessiva delle Sundarbans è una regione che comprende il sud del Bangladesh ed una piccola parte dello stato indiano del Bengala occidentale: ha una estensione di circa 10 000 kmq ed è formata da mangrovie e foreste paludose.

In questa immagine la regione delle Sundarbans appare come aree di colore verde scuro, mentre le zone adiacenti appaiono di colori più chiari, sono densamente popolate e dominate da paesaggi agricoli.

Sundarbans è la più grande singola foresta mareale al mondo costituita da mangrovie alofite. Normalmente, le piante hanno bisogno di acqua dolce per sopravvivere, ma queste foreste di mangrovie possono anche prosperare in acqua salina.

Quest’area si trova nella Baia del Bengala, la baia più grande al mondo. Un certo numero di grandi fiumi – tra cui il Gange, i suoi tributari e vari altri corsi d’acqua- si riversano tutti in quest’area, formando il delta del Gange-Brahmaputra.

Le forze erosive del mare e del vento presenti lungo la costa modellano continuamente il paesaggio, grazie anche agli elevati quantitativi di limo ed altri sedimenti, depositati negli innumerevoli estuari visibili nell’acqua. Si può distinguere attraverso l’immagine la rete di questi estuari, di fiumi mareali e torrenti - incrociati da numerosi canali- che racchiudono paludose isole piatte e boschive ed anche appezzamenti agricoli.

Gran parte del delta è formato da terreni alluvionali costituiti da sedimenti molto fini, che si depositano sul fondo mentre la corrente del fiume scorre lentamente nell’estuario. Questi terreni posseggono grandi quantità di minerali e di sostanze nutrienti, molto utili all’agricoltura.

Queste fertili pianure alluvionali ospitano piantagioni di juta, tè e riso – le più importanti coltivazioni che crescono nel delta del Gange – che appaiono come macchie più chiare sulle aree di terreno, nella parte destra dell’immagine. Altra importante attività è la pesca, che è anche una fondamentale risorsa di alimentazione per gran parte degli abitanti delle varie città, che possiamo riconoscere lungo le aree più chiare.

Il Parco Nazionale delle Sundarbans, istituito nel 1984 e designato dall’UNESCO come Sito Patrimonio dell’Umanità, è una regione focale all’interno della Riserva della Tigre del Bengala. La Tigre del Bengala, ormai quasi estinta, è l’animale nazionale del Bangladesh ed è considerata la seconda tigre al mondo per dimensioni.

Questa immagine – che è anche disponibile nell’ambito dell’ Earth from Space video programme – è stata acquisita da Sentinel-2A il 18 marzo 2016.

---

Sundarbans web


The Sentinel-2A satellite takes us over the very eastern part of the Sundarbans in Bangladesh, in this natural-colour image (view/download in Hi-Res).

A region comprising southern Bangladesh and a small part of the Indian state of west Bengal, the whole area of the Sundarbans incorporates some 10 000 sq km, consisting of mangrove and swamp forests.

The region of the Sundarbans appears in dark shades of green in this image, while the adjacent areas in brighter colours are densely populated and dominated by agriculture.

Sundarbans is the world’s largest single chunk of tidal halophytic mangrove forest. Generally, fresh water is required for plants, but these mangrove forests can also thrive in saline water.

This area lies on the Bay of Bengal, the world’s largest bay. A number of large rivers – including the Ganges, its tributaries and various other rivers, all flow into its waters, forming the Ganges–Brahmaputra Delta.

The erosional forces of the sea and wind along the coast continuously mould the landscape, together with the huge amounts of silt and other sediments, deposited in the countless estuaries, visible in the water. Distinct throughout the image, the network of these estuaries, tidal rivers and creeks, criss-crossed by numerous channels, enclose flat, densely forested, marshy islands and agricultural plots.

Most of the delta is composed of alluvial soils made up of fine sediment that settles to the bottom as river currents slow in the estuary. The soil has large amounts of minerals and nutrients, ideal for agriculture.

These fertile floodplains host jute, tea and rice – the major crops grown in the Ganges Delta, visible as brighter patches on the land areas in the right part of the image. Fishing is also an important activity, and a major source of food for many of the inhabitants of the various towns, which we can see along the brighter areas.

The Sundarbans National Park, established in 1984 and a designated UNESCO World Heritage Site, is a core region within the Bengal Tiger Reserve. The almost extinct Bengal tiger is the national animal of Bangladesh and is considered the second largest tiger in the world.

This image – also featured on the Earth from Space video programme – was captured by Sentinel-2A on 18 March 2016.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Sundarbans web". Traduzione: Gianluca Pititto)

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Il satellite Sentinel-2A ci porta con questa immagine in Alaska sud-orientale, sopra il ghiacciaio Malaspina (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Nel corso degli ultimi 12.5 milioni di anni il clima e la topografia di questa regione sono stati particolarmente favorevoli per la formazione di ghiacciai. Durante l’Era Glaciale questa regione è stata ricoperta da un vasto strato di ghiaccio. Con l’aumento delle temperature ebbe successivamente inizio un periodo interglaciale.

I rilievi montuosi costieri ed il clima marittimo dell’area forniscono un contesto perfetto per la glaciazione: alcuni dei ghiacciai più lunghi e spettacolari al mondo si trovano proprio in questa regione.

Malaspina è un ghiacciaio pedemontano, termine utilizzato per indicare che il ghiaccio fluisce da una ripida valle e si riversa in una piana sottostante. E’ il più grande di questo genere, con un’area di circa 3900 kmq.

In questa immagine a falsi-colori, il rosso indica aree coperte da vegetazione, mentre il rosa mostra aree rocciose. Le linee rosa ondulate, attorno alla metà inferiore del ghiacciaio, sono dovute a roccia, terreno e detriti che sono stati depositati dal ghiacciaio e che sono detti morene.

I dati satellitari nostrano che l’elevazione di Malaspina si è ridotta negli ultimi decenni e la conseguente perdita di ghiaccio ha fornito un contributo significativo all’innalzamento del livello del Mare.

Questa immagine, che è anche disponibile nell’ambito dell’ Earth from Space video programme, è stata acquisita in data 8 marzo 2016. La bassa elevazione del Sole durante questa stagione alle alte latitudini dell’Alaska risulta evidente dalla proiezione verso nord delle ombre della catena montuosa Elias.

---

Malaspina Glacier

The Sentinel-2A satellite takes us over southeastern Alaska to the Malaspina Glacier (view/download it in Hi-Res).

The climate and topography of this area over the last 12.5 million years have been favourable for glaciers. During the Ice Age, a vast ice sheet covered this spot. When temperatures rose, an interglacial period began.

The coastal mountains and the maritime climate of this area provide the perfect setting for glaciation: some of the world’s longest and most spectacular glaciers are found here.

Malaspina is a piedmont glacier – meaning that ice flows down a steep valley and spills out onto a relatively flat plain. It is the largest of its kind, with an area of about 3900 sq km.

In this false-colour image, red depicts vegetated areas while purple shows rock. The wavy purple lines around the lower half of the glacier are rock, soil and other debris that have been deposited by the glacier – called moraines.

Satellite data show that the elevation of Malaspina has dropped over the past decades, and this ice loss has made a significant contribution to sea-level rise.

This image, also featured on the Earth from Space video programme, was acquired on 8 March 2016. The low Sun level at Alaska’s high latitudes during this season is evident by the shadows cast north by the Elias Mountains.


(Fonte: ESA - Image of the week: "Malaspina Glacier". Traduzione: Gianluca Pititto)

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/99qf

 

Pagina 1 di 3
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici diga digital geography dissesto idrogeologico droni emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola petrolio pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps