itarzh-CNenfrdejaptrues

Vogliamo segnalarvi questi eventi dedicati allo spazio e al telerilevamento satellitare a cui parteciperà Survey Lab con lo scopo di fare networking e promuovere il progetto I.MODI dedicato al monitoraggio della stabilità di strutture e infrastrutture.

Pubblicato in Terra e Spazio

Grazie alla costellazione satellitare COSMO-SkyMed gestita dall’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) e dal Ministero della Difesa, l’Italia gioca un ruolo di grande rilievo nel supporto all’emergenza Harvey. Le sei mappe già disponibili sull’area forniscono i dati relativi all’impatto sulle zone di Houston, Corpus Chirsti e su tutte le maggiori città e aree abitate sommerse.

Pubblicato in Terra e Spazio

 e-GEOS è l'operatore dati della costellazione satellitare più avanzata oggi disponibile sul mercato, COSMO-SkyMed, e ha anche una lunga storia sulla distribuzione e l'utilizzo dei prodotti DigitalGlobe a partire dai primi satelliti VHR.

Pubblicato in Terra e Spazio

e-GEOS, una joint-venture tra Telespazio (80%) e Agenzia Spaziale Italiana (20%), e Beijing Vastitude Technology, società cinese attiva nel settore del telerilevamento e della geoinformazione, hanno siglato un accordo pluriennale per la distribuzione in Cina dei dati satellitari e dei relativi servizi operativi generati dalla costellazione italiana COSMO-SkyMed.

Pubblicato in Terra e Spazio

e-GEOS, una joint-venture tra Telespazio (80%) e l’Agenzia Spaziale Italiana (20%), ha firmato un contratto multimilionario con Japan Space Imaging (JSI), partner esclusivo dell’azienda italiana in Giappone, per la fornitura al governo giapponese di dati satellitari generati dalla costellazione italiana COSMO-SkyMed.

Pubblicato in Terra e Spazio

Thales Alenia Space, joint venture tra Thales 67% e Leonardo-Finmeccanica 33%, in qualità di mandataria del raggruppamento temporaneo d’impresa con Telespazio (joint venture tra Leonardo-Finmeccanica 67% e Thales 33%) ha annunciato di aver firmato con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) un ulteriore atto aggiuntivo al contratto per il programma COSMO-SkyMed Second Generation (CSG).

Pubblicato in Terra e Spazio

e-GEOS promuove e organizza il workshop “La geoinformazione per il monitoraggio del territorio, dell'ambiente e del patrimonio” che si svolgerà durante il Forum TECHNOLOGYforALL (Roma 4-6 ottobre 2016), presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Il workshop sarà introdotto e moderato da Massimo Comparini (CEO di e-GEOS) che insieme a importanti clienti e-GEOS come ISPRA, Ministero dell'Ambiente, Regione Lazio e esperti del settore del CNR. Obiettivo sarà condividere le esperienze fatte e discutere di come l’informazione georeferenziata (geoinformazione) rappresenta un’importante base per la pianificazione, le misure e le decisioni in diversi settori pubblici e privati.

Pubblicato in Terra e Spazio

Dai satelliti della costellazione italiana COSMO SkyMed le prime immagini dei danni provocati nei centri abitati dal terremoto di magnitudo 6.0 del 24 agosto. L'Agenzia Spaziale Italiana ha reso disponibili le prime immagini satellitari delle aree colpite dal sisma del 24 agosto scorso.

Pubblicato in Terra e Spazio
L’immagine  satellitare  che  pubblichiamo questa settimana ricorda una pittura astratta  ed  è  stata  ottenuta da Sentinel-1: mostra l’aspetto vorticoso del paesaggio di Dasht-e Kavir, un deserto  salato  iraniano                             (image guardala/scaricala in alta risoluzione).

Quest’area è caratterizzata da basse precipitazioni, con temperature che in estate raggiungono circa i 50 °C, ma deflussi provenienti dalle montagne circostanti danno origine a laghi e paludi stagionali. L’elevata temperatura causa l’evaporazione dell’acqua, portando alla luce depositi di argilla e sabbie con una elevata concentrazione di minerali.

I giochi di “pennellate” che si osservano sono costituiti da stratificazioni geologiche erose principalmente dai venti.

L’ Iran è uno dei più importanti paesi produttori di minerali. I satelliti per l’Osservazione della Terra sono molto utili per l’individuazione ed il monitoraggio di risorse naturali, come appunto i minerali.

Lungo la parte sinistra dell’immagine si può osservare parte di un’area chiamata “le dune del diavolo”, perchè un tempo si credeva che tale zona fosse infestata da spiriti maligni. L’origine di questa convinzione è verosimilmente da ricondursi all’ostilità dell’ambiente ed i primi viaggiatori che tentarono di attraversarla probabilmente non fecero mai ritorno a causa della fame e della sete.

L’immagine è stata ottenuta mediante la combinazione di tre distinte scansioni effettuate dal radar di Sentinel-1A nelle date del 21 gennaio, 14 febbraio e 9 marzo 2016. I cambiamenti occorsi tra le diverse scansioni sono indicate dai colori luminosi e vibranti, come le tonalità di blu, rosso e verde che principalmente compaiono nella metà di sinistra dell’immagine. Queste aree sono in realtà laghi salati ed i colori indicano la fluttuazione nel tempo del quantitativo di acqua in essi presente.


---

 

Dasht-e Kavir


The swirling landscape of Iran’s salt desert, Dasht-e Kavir, is reminiscent of an abstract painting in this Sentinel-1 image (image view/download it in Hi-Res).

With temperatures reaching about 50ºC in the summer, this area sees little precipitation, but runoff from the surrounding mountains creates seasonal lakes and marshes. The high temperatures cause the water to evaporate, leaving behind clays and sand soils with a high concentration of minerals.

The ‘brushstroke’ patterns are geological layers eroded primarily by wind.

Iran is one of the world’s most important mineral producers. Earth-observing satellites are useful for finding and monitoring natural resources like minerals.

Along the left side of the image we can see part of an area known as the ‘devil’s dunes’ because it was believed to be haunted by evil spirits. This belief likely originated from its hostile conditions, and the early travellers who did attempt to cross it probably never returned due to starvation or dehydration.

This image combines three scans from Sentinel-1A’s radar on 21 January, 14 February and 9 March 2016. Changes between the acquisitions appear in vibrant bright colours – such as the blues, reds and greens we see primarily on the left half of the image. These areas are salt lakes and the colours show fluctuations in the amount of water present over time.



(Fonte: ESA - Image of the week: "Dasht-e Kavir")

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Il satellite Sentinel-1A ci porta sul territorio dell’Irlanda, grazie a questa immagine del territorio dell’isola, multi-temporale ed a colori compositi (image guardala/scaricala in alta risoluzione).

Con una linea costiera di 7500 km, l'Irlanda ospita circa 4,8 milioni di abitanti, con un ricco patrimonio di storia e tradizioni.

L’isola si sviluppa per 486 km da nord a sud, per 275 km in senso trasversale ed è caratterizzata da piogge molto abbondanti durante tutto l’anno, che determinano un onnipresente rivestimento del paese di praterie verde smeraldo.

Le frange montuose costiere ad ovest, nord-ovest ed est sono costituite in prevalenza da granito, mentre il sud è dominato da distese di vecchia arenaria rossa. Numerosi laghi, estese aree di torba e bassi rilievi danno origine ad un pittoresco bassopiano, come si può notare osservando lo scenario nella sua interezza.

Questa immagine è stata ottenuta assemblando assieme 16 scansioni radar effettuate dal satellite durante il mese di maggio 2015 e fornisce un’idea della copertura del suolo dell’isola e del suo utilizzo.

I differenti colori mostrano i cambiamenti che sono occorsi durante i 12 giorni di copertura satellitare.

Il colore blu presente su tutta l'immagine segnala i forti cambiamenti avvenuti nei bacini idrici oppure particolari attività agricole (come ad esempio l’aratura).

Il colore giallo indica i centri urbani, con la città di Dublino capitale della nazione ben distinguibile centralmente, sulla estrema destra. Una caratteristica interessante sono i tanti “punti” gialli, riflessioni presenti un po’ dappertutto sull’isola, visibili più chiaramente effettuando uno zoom sull’immagine. Tutti questi cluster rappresentano fattorie.

Foreste ed aree coperte da vegetazione appaiono di colore verde. Le aree di colore rosso ed quelle in arancio rappresentano caratteristiche che non hanno subito modifiche, come il terreno nudo o formazioni rocciose che delimitano le foreste, e sono chiaramente visibili a sinistra nell’immagine, lungo le estremità dell’isola.

Sentinel-1A si trova in orbita a partire dal 3 aprile 2014. Si tratta di una missione per acquisizione di immagini radar che può operare in ogni condizione atmosferica, sia di notte che di giorno: tra i suoi molteplici obiettivi ricordiamo in particolare quello di fornire servizi sia sui mare che su terraferma, monitorare l’ambiente marino e mappare sia le superfici marine che quelle di terra. La sonda sorella, Sentinel-1B, secondo l’attuale programmazione verrà lanciata il 22 aprile prossimo.


---


Irish mosaic

The Sentinel-1A satellite takes us over to Ireland, in this multi-temporal colour composite of land coverage across the island (image view/download in Hi-Res).

With a coastline of 7500 km, Ireland is home to some 4.8 million people and a wealth of history and tradition.

Stretching 486 km from north to south and 275 km across, Ireland is washed by abundant rainfall all year, coating the country in omnipresent emerald-green grasslands.

The coastal mountain fringes in the west, northwest and east are composed mainly of granite, while old red sandstone predominates in the south. Many lakes, large bog areas and low ridges make up the very scenic lowland, as seen throughout the image.

This image was stitched together from 16 radar scans by the satellite during May 2015, and gives us an idea of the island’s land cover and use.

Different colours show changes that occurred within the 12 days’ coverage.

The blues across the entire image represent strong changes in bodies of water or agricultural activities such as ploughing.

The yellows represent urban centres, with the capital city of Dublin very distinct on the far middle right. An interesting feature is the many yellow ‘spots’ scattered throughout the entire island, visible even more clearly when zooming in. These clusters all represent farmhouses.

Vegetated fields and forests appear in green. The reds and oranges represent unchanging features such as bare soil or possibly rocks that border the forests, as is clear on the left side of the image, along the tips of the island.

Sentinel-1A has been in orbit since 3 April 2014. It is a polar-orbiting, all-weather, day-and-night radar imaging mission for land and ocean services, monitoring the marine environment and mapping water and soil surfaces, among other major applications. Its sister, Sentinel-1B, is scheduled for launch on 22 April.


(Fonte: ESA - Image of the week: "Irish mosaic")

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Pagina 1 di 4
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma
Master GEO_GST

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps