Roma, IT

33.79°C
Clear Sky Humidity: 35%
Wind: W at 4.12 METER/SEC
Sabato
21.25°C / 37.23°C
Domenica
22.88°C / 38.08°C
Lunedi
24.39°C / 37.85°C
Martedi
24.68°C / 38.92°C
Mercoledi
24.86°C / 36.35°C
Giovedi
24.56°C / 32.92°C
ESA - Immagine della settimana:  Monte Aso, Giappone (02 maggio 2022)

ESA - Immagine della settimana: Monte Aso, Giappone (02 maggio 2022)

Il monte Aso,il più grande vulcano attivo del Giappone, è mostrato in questa immagine catturata dalla missione Copernicus Sentinel-2.

Collocato nella prefettura di Kumamoto nell’isola di Kyushu, la più meridionale delle isole maggiori della nazione, il monte Aso raggiunge l’altezza di 1592 m. La sua caldera è una delle più grandi al mondo con una circonferenza che misura circa 120 km e si estende per 25 km da nord a sud e 18 km da est ad ovest.

La caldera si formò nel corso di quattro importanti eruzioni tra i 270 000 ed i 90 000 anni fa. Esse produssero flussi piroclastici voluminosi e cenere vulcanica che ricoprì gran parte della regione di Kyushu, estendendosi anche nella vicina prefettura di Yamaguchi.

La caldera è circondata da cinque vette note collettivamente con il nome di Aso Gogaku. Sono: Nekodake, Takadake, Nakadake, Eboshidake, Kishimadake. Nakadake è l’unico vulcano attivo, si trova al centro del monte Aso ed è la principale attrattiva della regione. Il vulcano attraversa cicli di attività. Nella fase di maggior calma il cratere si riempie di un lago verde lime che fuma debolmente, ma come la sua attività cresce il lago passa in ebollizione finchè sparisce. Il vulcano per decenni ha eruttato sporadicamente – l’evento più recente nel 2121 – fatto che negli ultimi anni ha causato una diminuzione del numero dei visitatori.

Non lontano dal cratere troviamo Kusasenri: una vasta prateria all’interno del grande cratere di Eboshidake. Il cratere, attivo circa 20 000 anni fa, è stato riempito da pomice vulcanica proveniente da altre eruzioni, con il magma ancora in ebollizione alcuni chilometri più in basso. L’acqua piovana si è spesso accumulata sulla pianura formando laghi temporanei. I pascoli sono utilizzati per l'allevamento del bestiame, l'allevamento lattiero-caseario e per l'equitazione.

Una delle città popolote più vicine è Aso, visibile circa 8 km a nord del vulcano e che ospita una popolazione di circa 26 000 persone.

In Giappone ci sono 110 vulcani attivi, di cui 47 sono strettamente monitorati in quanto hanno eruttato recentemente oppure hanno mostrato segni che destano allarme: tra cui attività sismica, deformazione del terreno o emissioni di grandi quantità di fumo.

I dati satellitari possono essere utilizzati per rilevare i lievi segni di cambiamento che possono predire una eruzione. Quando invece una eruzione è iniziata, le strumentazioni ottiche e radar possono individuare i vari fenomeni ad essa associati, tra cui i flussi di lava, smottamenti, fessurazioni del terreno e terremoti. I sensori atmosferici a bordo dei satelliti possono anche identificare i gas e gli aerosol rilasciati dall’eruzione, così come sono anche in grado di quantificare il loro più ampio impatto ambientale.

Scarica immagine MediumRes (15,10 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (66,86 MB - .TIF)


---


Mount Aso, Japan


Mount Aso, the largest active volcano in Japan, is featured in this image captured by the Copernicus Sentinel-2 mission.

Located in the Kumamoto Prefecture on the nation’s southernmost major island of Kyushu, Mount Aso rises to an elevation of 1592 m. The Aso Caldera is one of the largest calderas in the world, measuring around 120 km in circumference, 25 km from north to south and 18 km from east to west.

The caldera was formed during four major explosive eruptions from approximately 90 000 to 270 000 years ago. These produced voluminous pyroclastic flows and volcanic ash that covered much of Kyushu region and even extended to the nearby Yamaguchi Prefecture.

The caldera is surrounded by five peaks known collectively as Aso Gogaku: Nekodake, Takadake, Nakadake, Eboshidake, Kishimadake. Nakadake is the only active volcano at the centre of Mount Aso and is the main attraction in the region. The volcano goes through cycles of activity. At its calmest, the crater fills with a lime green lake which gently steams, but as activity increases, the lake boils off and disappears. The volcano has been erupting sporadically for decades, most recently in 2021, which has led to the number of visitors drop in recent years.

Not far from the crater lies Kusasenri: a vast grassland inside the mega crater of Eboshidake. Active just over 20 000 years ago, the crater has been filled with volcanic pumice from other eruptions, with magma still brewing a few kilometres below. Rainwater often accumulates on the plain forming temporary lakes. The pastures are used for cattle raising, dairy farming and horse riding.

One of the nearest populated cities is Aso, visible around 8 km north from the volcano, and has a population of around 26 000 people.

There are 110 active volcanoes in Japan, of which 47 are monitored closely as they have erupted recently or shown worrying signs including seismic activity, ground deformation or emissions of large amounts of smoke.

Satellite data can be used to detect the slight signs of change that may foretell an eruption. Once an eruption begins, optical and radar instruments can capture the various phenomena associated with it, including lava flows, mudslides, ground fissures and earthquakes. Atmospheric sensors on satellites can also identify the gases and aerosols released by the eruption, as well as quantify their wider environmental impact.

[Credits: contains modified Copernicus Sentinel data (2022), processed by ESA - Translation: Gianluca Pititto]

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kcpda

Image

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione mediaGEO società cooperativa
Via Palestro, 95 00185 Roma.
P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 Email: info@mediageo.it
www.mediageo.it
Testata telematica registrata al
Tribunale di Roma
n° 231/2009 del 26-6-2009.