Roma, IT

27.13°C
Clear Sky Humidity: 52%
Wind: NNE at 1.54 METER/SEC
Lunedi
23.49°C / 37.78°C
Martedi
22.95°C / 36.71°C
Mercoledi
22.95°C / 35.79°C
Giovedi
23.21°C / 34.37°C
Venerdi
22.79°C / 34.13°C
Sabato
20.56°C / 30.67°C
Domenica
21.01°C / 27.83°C
World Meteorological Day

Il 23 marzo si festeggia il World Meteorological Day. Tema dell’edizione 2022 sarà la gestione e la riduzione del rischio catastrofi

Si svolgerà come di consueto il 23 marzo, in presenza e in diretta streaming, l’evento italiano per celebrare la Giornata Meteorologica Mondiale 2022

Il convegno, organizzato da AISAM (Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia) e Sapienza Università di Roma, metterà al centro l’importanza delle informazioni idrometeorologiche e climatiche per la riduzione del rischio di catastrofi.

Celebrata il 23 marzo in tutto il mondo il World Meteorological Day (Giornata Meteorologica Mondiale) è una ricorrenza annuale istituita nel 1950 dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale (World Meteorological Organization) e dedicata al mondo della meteorologia e ai suoi temi più attuali. Nel 2017 AISAM, insieme a Sapienza Università di Roma, ha ripreso la celebrazione di questa ricorrenza con un evento dedicato: un appuntamento divenuto annuale e atteso da parte della comunità scientifica e di settore ma anche da non addetti ai lavori.

L’appuntamento è quindi per mercoledì 23 marzo, a partire dalle 9.30, presso l’Aula Magna della Sapienza Università di Roma (Piazzale A. Moro, 5 – 00185 Roma) e in diretta streaming sul Canale YouTube Sapienza: https://youtu.be/ngJ51tBMmnM.

Partecipazione gratuita con registrazione obbligatoria entro il 22 marzo compilando il form sul sito web: http://gmm.aisam.eu/index.html

(Per partecipare in presenza è necessario essere in possesso di Green Pass e indossare mascherina FPP2).

EARLY WARNING AND EARLY ACTION

Il tema scelto dalla World Meteorological Organization per il 2022 è “Allertamento e azione tempestiva. Informazioni idrometeorologiche e climatiche per la riduzione del rischio di catastrofi”.

Che si tratti di prevenire disastri naturali causati da eventi meteorologici estremi, di gestire emergenze improvvise o pianificare politiche ambientali, i dati e le previsioni meteorologiche sono oggi indispensabili: dall’ambiente, ai trasporti, dall’energia, all’agricoltura fino alla sicurezza.

Per poter prendere decisioni adeguate e rapide è importante sapere che tempo farà e su questo dibatteranno gli ospiti dell’evento: rappresentanti del mondo della meteorologia e della climatologia ma anche delle Istituzioni, della protezione civile e della gestione emergenziale.

Tra gli ospiti d’eccezione dell’evento ci saranno, infatti, anche Gabriele Scarascia Mugnozza presidente della Commissione Nazionale dei Grandi Rischi; Fabrizio Curcio capo del Dipartimento della Protezione Civile – DPC, il Gen. Luca Baione rappresentante permanente per l'Italia presso Organizzazione Meteorologica Mondiale – Aeronautica Militare e Giuseppe Sangiovanni direttore di Rai Pubblica Utilità, i quali introdurranno i lavori della giornata sviluppata su quattro interventi per approfondire il tema da diversi punti di vista.

«ll tema della Giornata Meteorologica Mondiale di quest'anno è di stringente attualità e valorizza i sentimenti di sempre maggiore attenzione da parte della comunità internazionale per i cambiamenti climatici – sottolinea il Gen. Baione, rappresentante permanente per l'Italia presso Organizzazione Meteorologica Mondiale-. L'Italia gioca un ruolo di crescente stimolo su questi temi nell'ambito dell'OMM: la celebrazione di questo evento organizzato e curato da un ateneo prestigioso come La Sapienza insieme ad AISAM è la prova tangibile dell'attenzione che il mondo accademico nazionale rivolge alla diffusione delle scienze dell'atmosfera e della meteorologia in tutti gli ambiti della società. L'impegno di coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo evento è suggellato dal prestigioso patrocinio che il WMO ha voluto concedere alla celebrazione italiana della Giornata Meteorologica Mondiale».

DALLE BUONE PRATICHE DI PROTEZIONE CIVILE A COME GESTIRE GLI EVENTI METEOROLOGICI ESTREMI E IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

La rilevanza delle previsioni idrometeorologiche e climatiche è il fil rouge che attraversa tutto il programma della giornata: «Abbiamo coinvolto enti istituzionali e di ricerca in un confronto sull’essenzialità del dato – spiega Frank Marzano, professore della Sapienza Università di Roma e membro del comitato organizzatore –. Dagli enti di ricerca scientifica ad Aeronautica Militare e l’Agenzia ItaliaMeteo che producono, analizzano e interpretano i dati meteorologici fino alla loro applicazione pratica nella protezione civile e nella prevenzione. La parola chiave dell’evento è infatti “allertamento” e non allarme; oggi è quanto mai essenziale saper interpretare i dati per poter prevenire conseguenze più catastrofiche degli eventi meteorologici estremi e non solo».

A entrare nel vivo del tema sarà Titti Postiglione, vicecapo Dipartimento della Protezione Civile e coordinatrice del Comitato Nazionale d’indirizzo per la meteorologia e climatologia, con cui si parlerà diprevenzione del rischio e di buone pratiche di Protezione Civile.

Il Col. Adriano Raspanti, capo dell’Ufficio Generale Aviazione Militare e Meteorologia, avrà il compito di illustrare i principali programmi dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale per la difesa e la prevenzione del rischio dai disastri naturali causato da eventi meteorologici estremi.

L’intervento di Erika Coppola, ricercatrice al centro di fisica teorica ICTP di Trieste e tra gli autori dell'ultimo rapporto AR6 WGI dell'IPCC, si focalizzerà invece su uno dei più grandi rischi che sta correndo il nostro Pianeta ovvero il global warming e illustrerà i cambiamenti nel clima europeo e nel bacino del Mediterraneo causati dall’aumentare del riscaldamento globale.

Infine, Carlo Cacciamani, direttore Agenzia ItaliaMeteo, porterà l’attenzione sul ruolo della meteorologia nella riduzione del rischio e in particolare della nuova Agenzia ItaliaMeteo, che si inserisce nel sistema di prevenzione e di azioni di contrasto dei fenomeni pericolosi svolgendo un’azione di coordinamento tra i diversi attori che fanno previsioni meteo (Centri Funzionali, Centrale del Dipartimento della Protezione Civile e settori meteo di alcune Regioni), al fine di giungere a una più omogenea valutazione del rischio nel Paese.

E l’esigenza del fare sistema è sottolineata anche dal Gen. Baione: «La presenza, a questo evento, dei più autorevoli rappresentanti delle Istituzioni impegnate in questo settore testimonia la ferma intenzione di promuovere la conoscenza e il miglioramento delle capacità di prevenzione e mitigazione dei fenomeni causati dai cambiamenti climatici. Questo evento valorizza, altresì, le numerose e diversificate eccellenze nazionali che il "sistema Italia" può mettere in campo anche per promuovere iniziative di formazione e di sviluppo a favore di quei Paesi che maggiormente patiscono le conseguenze dei cambiamenti climatici, spesso catastrofiche per gli equilibri geopolitici, tanto che le organizzazioni internazionali di difesa e sicurezza studiano con crescente preoccupazione questi fenomeni».

L’Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (AISAM) ha fortemente voluto mantenere l’appuntamento con la Giornata Meteorologica Mondiale come racconta il presidente Dino Zardi, professore ordinario di fisica dell’atmosfera all’Università di Trento: «Vogliamo tenere viva l’attenzione sull’impegno che la meteorologia dispiega, sia a livello nazionale sia internazionale soprattutto nel campo delle emergenze e nella gestione dei rischi in un momento in cui l’Agenzia ItaliaMeto è in fase di avvio».

Rai Pubblica Utilità sarà media partner della Giornata: l’informazione, anche in forma accessibile, sarà curata da Rai Meteo, Rai Televideo e Rai Accessibilità sui profili social, siti web e pagine di televideo.

Programma e infohttp://gmm.aisam.eu/index.html

Diretta streaming: https://youtu.be/ngJ51tBMmnM

Quando: 23 marzo 2022 dalle 9.30

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kyyq9

Image

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione mediaGEO società cooperativa
Via Palestro, 95 00185 Roma.
P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 Email: info@mediageo.it
www.mediageo.it
Testata telematica registrata al
Tribunale di Roma
n° 231/2009 del 26-6-2009.