Highlights dal Workshop “Schema creation and transformation processes, a step towards High-Value Datasets” del Progetto GO-PEG

Stampa

Lo scorso 29 Giugno si è svolto il terzo workshop del progetto Europeo GO-PEG. Il progetto mira alla creazione di dati open, tematici e armonizzati relativi all’ambiente e alla gestione delle emergenze, conformi ai requisiti degli High Value Datasets della Open Data Directive (libero accesso e riuso, machine readability, accessibilità tramite APIs, disponibilità come ‘bulk download’, ove necessario).

Un interessante intervento del Joint Reasearch Center (JRC) della Commissione Europea ha illustrato le nuove direzioni del data sharing in Europa e le semplificazioni previste nell’attuazione della Direttiva INSPIRE.

Gli interventi dei partner di progetto hanno illustrato la metodologia (Model Driven Approach) seguita per la creazione dei modelli dati nei vari use case, focalizzando l’attenzione sulle sfide e sui risultati già ottenuti nel processo di creazione degli output di progetto.

Particolarmente partecipata e stimolante la sessione Open Questions.

Epsilon Italia, partner di progetto, ha illustrato i casi d’uso geoCOVID Watch, che si propone di investigare i benefici dell’integrazione di dati geospaziali e tecnologie/standard avanzati per una migliore comprensione delle diverse fasi del COVID-19 e dei suoi impatti , e il caso d’uso GO-DEPTH, gestito in stretta collaborazione con ISPRA, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, mirato alla condivisione di dati geologici di sottosuolo in 3D.

La registrazione del workshop è disponibile sul canale YouTube di Epsilon Italia.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI