Harris
3D Target

Teorema Milano presenta Multistation Leica MS60 e GPS GNSS GS18 T. Il segreto non così sorprendente di gestire con successo una società di servizi topografici.

David E. Titcomb, PLS, gestisce un’azienda topografica piccola, ma fiorente, a Falmouth, Maine, negli USA. Fondata nel 1969 dal padre, ha due uffici, tre ispettori topografici professionisti e sei squadre in campo, ed ha fornito servizi a centinaia di clienti nel Maine, New Hampshire e Vermont, compresi numerosi studi d’ingegneria e il Dipartimento dei Trasporti del Maine (MaineDOT). Una delle principali decisioni aziendali della società ha riguardato l'impegno costante di fornire un servizio eccellente e di utilizzare la migliore tecnologia del settore. Si tratta di una strategia lungimirante che spesso richiede investimenti significativi - il tipo di investimento che fa fare una pausa a molti piccoli imprenditori. Ma David Titcomb ha una visione diversa.

“Siamo sempre alla ricerca di soluzioni per rendere la vita più facile ai nostri clienti," afferma. "Ad esempio, siamo una delle poche società topografiche della nostra regione che lavora con MicroStation, così come AutoCAD e MaineDOT e molti studi di ingegneria preferiscono collaborare con noi perché ottengono i file nel formato più adatto alle loro esigenze".

Un altro modo in cui mira a fornire un servizio migliore è quello di ottenere tempi di consegna più rapidi e di alta qualità. A tal fine, l'azienda ha recentemente investito in due nuove tecnologie. Uno è il ricevitore GNSS Leica GS18 T, presentato come il Rover RTK più veloce del mondo, e l'altro è la Leica Nova MS60 MultiStation, che combina in un'unica piattaforma un laser scanner e una stazione totale robotizzata. Questi investimenti hanno dato i loro risultati sia in modo prevedibile che inaspettato.

Low_Resolution-IMG_GS18I_application_images_54.jpg

IL GNSS veloce il doppio... E anche più sicuro.

Il Rover GNSS GS18 T GNSS uno dei ricevitori tecnologicamente più avanzati sul mercato. È al contempo il Rover RTK più veloce e il precursore nell’offerta della prima soluzione reale di calibrazione “plumb-free” (senza messa in bolla) – vale a dire che il GS18 T utilizza il GNSS e sensori inerziali per creare un’antenna che sa sempre esattamente dove si trova e, particolare importante, sa dove finisce la palina. Non necessita di calibrazione prima dell’uso, non necessita di messa in bolla prima della misurazione, ed è sicuro contro disturbi magnetici.

Queste capacità, combinate con il "fattore fiducia", nella fase d'investimento sono state molto più importanti del prezzo. “Papà ha iniziato con un teodolite della Wild, quindi abbiamo sempre avuto fiducia negli strumenti Wild e ora Leica Geosystems - sono a prova di proiettile. Perciò mi sono fidato che questo ricevitore fosse veloce come pubblicizzato, e sapevo che la velocità ci avrebbe ripagati, abbiamo già visto la differenza con il GS18 T che è in grado di raccogliere costellazioni e frequenze aggiuntive rispetto al nostro precedente ricevitore. Ora stiamo ricevendo dati in posti in cui non avremmo potuto usare l'RTK prima - questo cambia il gioco."

Ciò è particolarmente vero, date le particolari condizioni del Maine. “Ovviamente abbiamo molti alberi qui, e avevamo sviluppato una buona percezione di dove potevamo lavorare con la nostra precedente soluzione RTK - il più delle volte non potevamo, per via della copertura degli alberi, con il GS18T, il più delle volte possiamo. Ciò significa non dover tornare con una stazione totale e, naturalmente, evitare viaggi è un bel risparmio di tempo.” Ma non sono solo un rilievo migliore e letture più veloci che fanno la differenza, la palina senza calibrazione è di per sé un risparmio di tempo. “Il fatto di non dover prendere quel paio di secondi per mettere in bolla l’asta - per ogni singolo scatto - ci velocizza del 20-30 percento. E fa una differenza ancora maggiore quando possiamo inclinare l’asta per ottenere uno scatto esattamente nel punto che vogliamo - ad esempio, costruendo angoli o una linea sotto un guardrail. Otteniamo localizzazioni precise senza ulteriori misurazioni o offset, o dover tornare con la stazione totale. Considerati tutti questi fattori, ci sono progetti che ora stiamo eseguendo nella metà del tempo rispetto ai metodi precedenti.”

Un beneficio inatteso del Rover che registra l’inclinazione è stata la sicurezza. “Effettuiamo molti rilievi stradali e spesso lavoro proprio vicino al traffico, adesso posso stare un passo indietro semplicemente sporgendo la palina e facendo lo scatto senza messa in bolla. La velocità di rilievo è sicuramente apprezzata, ma lavorare in modo più sicuro è probabilmente il vantaggio maggiore.”

È evidente che per noi l’investimento in un ricevitore GNSS più avanzato è stato positivo e ha ripagato con lavoro più veloce, operazioni più efficienti nelle foreste del Maine, minore lavoro delle stazioni totali e maggiore sicurezza. L’azienda ha migliorato ulteriormente la superba prestazione del nuovo ricevitore facendo un ulteriore investimento in un kit da ecoscandaglio per rilievi batimetrici.

“Abbiamo collegato il GS18 T all’ecoscandaglio e ora possiamo raccogliere uno scatto al secondo durante i rilievi batimetrici, e che dire del Leica Nova MS60? È stata una scommessa in un’altra tecnologia avanzata che ha funzionato. 

La ricompensa di una Stazione Totale e della Scansione

Alla domanda se abbia avuto perplessità prima d’investire in una MultiStation costosa quasi il doppio di una ottima stazione totale robotizzata, Titcomb risponde francamente. “Certo - è un’opzione costosa per la nostra società relativamente piccola, e non ero sicuro che le nostre squadre esterne fossero in grado di trarne il massimo vantaggio.” E cosa l’ha persuasa a fare il grande passo?

“Mio padre è sempre stato convinto che un’azienda topografica debba esser in grado di raccogliere molte informazioni nel minor tempo possibile perché, si sa, il tempo è denaro. Sono d’accordo con questo e ho anche deciso che comprerò stazioni totali robotizzate solo ora perché offrono maggiore flessibilità e potenza. Quindi, prima cosa, Leica MS60 è una stazione totale robotizzata eccellente, e molto veloce. Aggiungerci la scansione ha avuto senso per noi. Ci permette di eseguire lavori che non potevamo fare prima, è molto più veloce per alcuni progetti e, cosa più importante, sapevo già che stavamo conducendo dei lavori che sarebbero stati molto più sicuri con un laser scanner.” Il lavoro a cui pensava erano progetti stradali, la società esegue regolarmente rilievi di ponti, piani stradali e intersezioni per diversi studi di consulenza tecnica. “Per progetti interstatali o per strade a pedaggio, vengono sempre chiuse delle corsie per noi, ma ci sono dei luoghi, come sulle rampe, dove è davvero difficile chiudere una corsia e farlo in modo sicuro,” Ora, in queste situazioni, si posiziona la stazione totale Nova MS60 distante dalla strada e si utilizza le capacità di scansione per effettuare un rilievo topografico celere ed accurato senza avvicinarsi al traffico. I vantaggi a livello di sicurezza offerti da questo tipo di scansione sono ancora più evidenti nei rilevamenti dei ponti. "Quando facevamo rilievi di ponti, eravamo sempre su delle scale, vicino al traffico, era molto pericoloso. Ora non lo dovremo mai più fare in quel modo.”

Ora, infatti, si può semplicemente fare la scansione dell’intero piano del ponte in appena pochi minuti con più precisione di prima e da un punto favorevole sicuro a terra. Oltre a progetti per strade e ponti, utilizza Leica Nova MS60 per supportare progetti tecnici standard ed architettonici. L’azienda si è presto resa conto che la maggior parte dei suoi clienti non era veramente interessata al modo in cui vengono raccolti i dati e nella regione solo pochi richiedevano la consegna di una nuvola di punti. Ma l' MS60, usato come scanner, può fare gran parte di questo lavoro - rilievi topografici, as-built, sezioni d’incroci stradali, monitoraggio, rilievi interni di edifici, ecc. - in modo molto più veloce dei metodi convenzionali, con maggiore precisione e sicurezza, raccogliendo al contempo molti più dati. Un importante beneficio collaterale è la possibilità di visualizzare i dati della nuvola di punti sul campo con il software Leica Captivate, per esser sicuri che il team abbia catturato tutti i dati necessari prima di rientrare in ufficio, evitando quindi ulteriori viaggi. “Se possiamo fare tutto ciò, allora non importa se il cliente sa che usiamo uno scanner - stiamo comunque sbrigando molto più lavoro di qualità e traendone guadagno.”

Teorema
Via Romilli 20/8 20139 MILANO Tel 02/5398739
www.geomatica.it 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kykd4

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

faro ortofoto rilievo 3d stazione totale open data posizionamento satellitare GNSS topografia top flytop ingv Harris gestione emergenze qgis app catasto terra e spazio geofisica sinergis cnr catasto europeo rndt rischio osservazionedella terra intelligenza artificiale misurazione trasporti progettazione ict coste dissesto idrogeologico autocad lidar Digital Twins technologyforall autodesk tecnologia dati geospaziali modellazione 3d big data microgeo webGIS INSPIRE sar Toponomastica esri italia meteorologia storytelling planetek smartphone BIM aerofotogrammetria GTER geomax leica geosystems slam geomatica trimble termografia informazione geografica rilievo satelliti terrelogiche smart mobility vidalaser remote sensing apr smart city cantiere beni culturali ISPRA geoportale cartografia scansione 3D ricevitori tecnologie avanzate agricoltura nuvole di punti topcon geolocalizzazione 3D Epsilon Italia uso del suolo sentinel geologia esa cosmo skymed droni laser scanner dati geografici fotogrammetria galileo realta aumentata ambiente teorema scienze della terra gps sensore mare archeologia pianificazione digital geography leica geodesia formazione openstreetmap esri energia urbanistica INTERGEO mobilita FOIF geospatial oceanografia monitoraggio infrastrutture codevintec internet of things 3DTarget realtà virtuale GIS hexagon utility open source Stonex metadati terremoto in cantiere servizi CAD spazio reti tecnologiche osservazione della terra mobile mapping drone protezione civile sicurezza dati monitoraggio satelitare asita mappe interferometria asi open geo data territorio copernicus uav arcgis telerilevamento osservazione dell'universo
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy