itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Figure professionali e commissioni nazionali assenti solo in Italia

Se l’Italia è l'unico Paese europeo a non possedere una Commissione Geodetica o comunque un unico organo scientifico ufficiale, cogente e dirimente che si occupi del rilevamento e della rappresentazione, ma nemmeno una figura professionale corrispondente a quelle presenti nella FIG, la Federazione Internazionale dei Geometri, ormai e da molto tempo solo di formazione universitaria, ci sarà pure una ragione?

"A partire dall’Ottocento, in Europa si svilupparono a livello nazionale le operazioni topografiche e quindi cartografiche (catasto, carte per la difesa). Tutti gli Stati vi parteciparono, creando organi scientifici che ne dettassero le linee fondamentali. Nacquero così le commissioni geodetiche. Queste esistono ed operano tuttora nella UE, con l’eccezione dell’Italia. Infatti da noi è successo un fatto che dire vergognoso è poco". Così esordisce il prof. Attilio Selvini sull'ultimo numero di GEOmedia, di prossima uscita, ricordandoci anche che "Il geometra italiano, oggi sostituito dal perito delle costruzioni, del territorio e dell’ambiente (ma rimangono gli albi professionali insieme al Consiglio Nazionale dei Geometri) è un diplomato da scuola secondaria.

In Europa l’equivalente, dai nomi diversi (Geomètre Expert in Francia, Vermessungsingenieur nei Paesi di lingua tedesca, Chartered Surveyor nel Regno Unito) è invece di formazione universitaria. In Francia, Germania, Inghilterra e Spagna questi tecnici operano nel settore topo-cartografico e sono per ognuno di quei Paesi alcune migliaia. In Italia i geometri lavorano prevalentemente nel settore dell’edilizia e sono all’incirca centodiecimila regolarmente iscritti negli albi professionali, secondo una indagine de L’Espresso.
Come non vedere la differenza fra Italia e Unione Europea, una situazione che ci differenzia per ignoranza, per specifica volontà o per il fatto che una conoscenza specifica del Territorio non sia necessaria oppure ancora perchè si crede che tutto sia stato già acquisito e il Territorio non si modifichi più?

Un approfondimento necessario che troverete a breve su GEOmedia 6-2020 in uscita entro la fine di questo mese.


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kykww

Commenti  

# Docente universitario (prof. ordinario)Giovanni Paoloni 2021-02-18 05:59
In Italia la Commissione Geodetica e Geofisica esisteva e fu istituita nel periodo liberale, dopo il compimento dell'unificazio ne nazionale. .È stata improvvidamente abolita negli anni Settanta come 'ente inutile'. Fu una delle tante manifestazioni dell'ignoranza del nostro ceto politico, e dell'impreparaz ione di cui dava prova quando si dovette affrontare la crisi strutturale seguita alla fine del miracolo economico.
Rispondi
# cartografoLorenzo Luisi 2021-02-18 10:26
Ricordo che quando cominciai a lavorare in Tecnologie Avanzate srl di Noci (BA) nel 1984 venivamo formati sulle direttive della CGI già abolita, ahinoi, sette anni prima. Ricordo i titolari che lamentavano l'abolizione come una vera e propria perdita per il settore cartografico. Per curiosità ho appena cercato un elenco qualsiasi degli enti inutili soppressi, ma gli articoli si sprecano e sembra che non c'è verso di abolirli ... eccetto uno evidentemente.
Rispondi

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

asita stazione totale coste mare dissesto idrogeologico agricoltura sinergis arcgis mappe webGIS geolocalizzazione gestione emergenze smartphone internet of things catasto europeo leica geosystems asi beni culturali open geo data territorio faro tecnologie avanzate intelligenza artificiale galileo Toponomastica trasporti CAD servizi ict sicurezza oceanografia monitoraggio fotogrammetria urbanistica open data scansione 3D droni technologyforall reti tecnologiche GTER formazione gps digital geography uso del suolo GNSS open source leica informazione geografica metadati esa topografia dati planetek terremoti geologia telerilevamento terrelogiche openstreetmap slam uav geomatica modellazione 3d sensore rndt mobilita realtà virtuale in cantiere drone app telespazio ISPRA 3D posizionamento satellitare dati geografici INSPIRE ingv protezione civile geofisica pianificazione Stonex sar FOIF autocad storytelling monitoraggio satelitare smart mobility flytop osservazionedella terra hexagon progettazione mobile mapping geoportale teorema scienze della terra 3DTarget BIM ricevitori autodesk GIS esri italia realta aumentata topcon interferometria terremoto qgis cantiere utility sentinel INTERGEO big data meteorologia top ambiente terra e spazio tecnologia cosmo skymed aerofotogrammetria lidar vidalaser osservazione dell'universo ortofoto copernicus smart city nuvole di punti energia rischio Epsilon Italia spazio laser scanner esri infrastrutture remote sensing cnr satelliti cartografia apr codevintec catasto rilievo 3d termografia geodesia misurazione trimble archeologia microgeo geomax rilievo osservazione della terra Harris geospatial
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy