Harris
3D Target
Mapillary: Intelligenza Artificiale per automatic detection

Oltre le nuvole di punti, l’Intelligenza Artificiale

 Nell'ultimo numero di GEOmedia, in corso di stampa, riportiamo un articolo di Marc. B. Delgado tradotto dall’inglese per gentile concessione dell’autore e dell’editore della rivista americana xyHt. Un articolo nel quale si sottolineano le grandi promesse dell’Intelligenza Artificiale applicata alle immagini della geomatica illustrando esempi molto avanzati, realizzati nell’ultimo triennio.

E’ curioso constatare che, mentre la maggior parte delle aziende si presenta per il rilievo di edifici con la creazione di nuvole di punti o con la realizzazione di tour virtuali basati sui 3D delle nuvole, una startup tedesca, la  Voxelgrid, si differenzia utilizzando i propri algoritmi di Intelligenza Artificiale per generare rapidamente modelli BIM del costruito esistente.

Del digitalizzare il mondo reale con i processi di machine learning ne abbiamo già parlato su GEOmedia qualche tempo fa, ma gli esempi che ci porta Delgado sono grandiosi, come quello che ha realizzato l’azienda canadese Ecopia che creò un certo scalpore nel 2018 quando rilascò il primo dataset ad alta precisione del costruito totale degli Stati Uniti, ed è ora impegnata nella realizzazione della prima mappa digitale dell’intera Africa subsahariana. La tecnologia di base di Ecopia è stata sviluppata durante un dottorato di ricerca presso l'Università di Waterloo, da uno studente che aveva notato che ogni giorno sono milioni le immagini geospaziali acquisite da satelliti, aeroplani, droni e altri veicoli. Questo gli ha dato un'opportunità per fare qualcosa di significativo nel 2015 e con una borsa di studio dell’Università e del Governo Canadese, lanciò Ecopia, oggi operativa  a livello mondiale.

EcopiaEcopia - estrazione automatica di infrastrutture, edifici e uso del suolo

Altro singolare esempio viene da Mapillary, il più grande database di immagini libere al mondo, usate per migliorare le mappe, sempre grazie all'Intelligenza Artificiale. La computer vision di Mapillary è stata addestrata a rilevare oggetti come segnaletica stradale, idranti, pali della luce e molti altri oggetti nelle immagini, georeferenziando queste informazioni su una mappa globale.

Giocando sulle parole "mappa" e "capillare", l'azienda mira a raggiungere le estremità più piccole del mondo e portare questa scalabilità alla mappatura. Recentemente Mapillary  ha lanciato la propria mapping dashcam con l'obiettivo di aiutare le società di logistica ad ottenere mappe e dati geolocalizzati quasi in tempo reale tramite la piattaforma.

Sono storie da cui dobbiamo apprendere e che stanno facendo la vera innovazione andando oltre, ad esempio, a quel tipo di mobile mapping a cui siamo ormai abituati, ove, pure se presente una tecnologia di acquisizione laser e di immagini di altissima qualità, il trattamento successivo del dato è demandato a vecchie tecnologie CAD. E’ deludente pensare che dopo aver immagazzinato grandissime quantità di dati in pochissimo tempo si debba spendere una quantità enorme di risorse per acquisire le  informazioni vettoriali annaspando tra milioni di punti con software completamente privi di intelligenza. Certo è necessario insegnare ai computer a lavorare, ed il machine learning dovrebbe diventare una applicazione continua di tutti gli operatori che, durante le loro attività di acquisizione classica, potrebbero insegnare alle macchine che diventando intelligenti potranno alleviarci dalle operazioni di routine.

Queste storie sono positive e ci danno l’incoraggiamento per continuare a credere nella potenza delle idee e dell’innovazione. Il mondo della geomatica sta rapidamente cambiando e dobbiamo credere nelle idee che sembrano irrealizzabili, per rinnovarci sfruttando al volo le possibilità offerte dalle nuove tecnologie.


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kypyh

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

realta aumentata BIM monitoraggio satelitare open data nuvole di punti infrastrutture urbanistica rilievo geodesia hexagon Digital Twins formazione vidalaser esri italia dati smart mobility leica geomatica planetek telerilevamento teorema sensore rilievo 3d GIS faro copernicus ict autodesk geofisica mobilita cosmo skymed tecnologia posizionamento satellitare territorio INSPIRE cartografia slam topografia openstreetmap termografia geologia microgeo Epsilon Italia sinergis cnr top GNSS stazione totale archeologia dissesto idrogeologico modellazione 3d leica geosystems 3DTarget remote sensing spazio fotogrammetria osservazionedella terra Stonex misurazione ambiente satelliti utility geospatial INTERGEO sentinel technologyforall esa monitoraggio servizi terra e spazio trimble ISPRA big data mobile mapping reti tecnologiche app sar protezione civile informazione geografica webGIS smartphone lidar Harris digital geography flytop internet of things meteorologia beni culturali geoportale osservazione della terra asi scansione 3D ingv cantiere galileo open source gestione emergenze asita in cantiere uav droni autocad aerofotogrammetria catasto tecnologie avanzate dati geospaziali agricoltura rischio FOIF esri topcon energia open geo data GTER ricevitori 3D trasporti smart city gps ortofoto metadati CAD Toponomastica arcgis dati geografici drone rndt storytelling osservazione dell'universo apr realtà virtuale pianificazione mare mappe qgis oceanografia coste laser scanner codevintec geomax scienze della terra terremoto sicurezza catasto europeo progettazione terrelogiche intelligenza artificiale interferometria uso del suolo geolocalizzazione
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy