itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Zeeland, provincia  occidentale dell’Olanda

ESA - Immagine della settimana: Zeeland, Olanda (18 ottobre 2020)

La missione Copernicus Sentinel-2 ci porta su Zeeland, la provincia più occidentale dell’Olanda.

Situata a circa 150 km da Amsterdam, Zeeland è formata da un complesso sistema di isole , penisole e corsi d’acqua. Inoltre comprende il Zeeuwsch-Vlaanderen, una striscia di territorio delle Fiandre che si trova tra lo Scheldt Occidentale (Westerschelde) ed il Belgio.

La provincial di Zeeland si estende su un grande delta fluviale allo sbocco di numerosi fiumi, tra cui lo Scheldt (Schelde) ed il Meuse (Maas). Nell'immagine i colori più chiari dell’acqua indicano le acque poco profonde del delta ed appaiono anche visibili degli alvei e numerosi banchi di sabbia. Il colore marrone delle acque indica un alto contenuto di sedimenti e contrasta con il colore più scuro delle acque del Mare del Nord.

Il porto di Rotterdam, il più grande porto marittimo in Europa, è visibile nell’immagine in alto a destra. Antwerp, in Belgio,è visibile in basso a destra e la caratteristica città di Bruges può essere invece osservata in basso a sinistra.

Zeeland è una delle principali province agricole dell’Olanda e presenta una delle più vaste aree di terreno coltivabile. Gli appezzamenti di campi agricoli visibili sia sulle isole che sul territorio continentale mostrano i campi nei vari stadi di crescita delle coltivazioni. L’area è di supporto alla produzione di cereali, patate, barbabietole, l'allevamento di bestiame e l'orticoltura.

Gran parte di Zeeland, termine che si traduce ‘terra di mare’, giace al di sotto del livello del mare. La provincia fu vittima di una alluvione mortale nel 1953 causata da una combinazione di alte maree primaverili e di una forte tempesta di vento e danneggiò severamente la bassa regione costiera .

Il risultato fu che il governo olandese iniziò la implementazione del Progetto Delta, un sistema complesso di argini, dighe, canali e ponti per trattenere il Mare del Nord. In questa immagine la Barriera di Mareggiata Orientale Scheldt (Oosterscheldekering) è visibile tra le isole di Schouwen-Duiveland e di Noord-Beveland.

E' noto che l’innalzamento del livello del mare è un indicatore chiave del cambiamento climatico, per cui un accurato monitoraggio attraverso vari decenni delle variazioni dell’altezza della superficie del mare è di importanza essenziale per gli studi scientifici sul clima, per le scelte politiche ed in ultima analisi per la protezione delle vite di chi risiede in queste regioni basse e rischiose.

Il satellite Copernicus Sentinel-6 'Michael Freilich', il cui lancio è programmato il prossimo novembre, è il primo di due satelliti gemelli che verranno lanciati in sequenza con il compito di fornire accurate misure dei cambiamenti del livello del mare.

I due satelliti raggiungeranno le posizioni 66°N e 66°S, orbite particolari occupate dalle prime missioni che hanno fornito dati sull’altezza di riferimento del livello del mare nel corso degli ultimi tre decenni. Queste orbite consentiranno la mappatura ogni 10 giorni del 95% della superficie libera dai ghiacci degli oceani della Terra.

Questa immagine è stata acquisita il 30 maggio 2020.

Scarica immagine MediumRes (21,75 MB - .JPG)
Scarica immagine HighRes (306,16 MB - .TIF)


---


Zeeland, Netherlands


The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over Zeeland – the westernmost province in the Netherlands.

Located around 150 km from Amsterdam, Zeeland consists of a complex system of islands, peninsulas and waterways. It also comprises Zeeuwsch-Vlaanderen – a strip of the Flanders mainland between the Western Scheldt (Westerschelde) and Belgium.

The province of Zeeland lies on the large river delta at the mouth of several rivers, like the Scheldt (Schelde) and Meuse (Maas) rivers. The lighter aqua colours in the image depict the shallow waters of the delta with riverbeds and several sandbanks visible. The brown coloured waters indicate a higher sediment content, which contrasts with the darker coloured waters of the North Sea.

The Port of Rotterdam, the largest seaport in Europe, is visible top-right in the image. Antwerp, in Belgium, is visible in the bottom-right and the quaint city of Bruges can be seen in the bottom-left of the image.

Zeeland is one of the main agricultural provinces in the Netherlands with one of the largest areas of arable farmland. The patchwork of agricultural fields visible on the islands and mainland show the fields in the various stages of growth or harvest. The area supports cereals, potatoes, beets, cattle and horticulture.

Large parts of Zeeland, which translates to ‘sea land,’ lie below sea level. The province was the site of a deadly flood in 1953 brought on by a combination of high spring tides and a strong windstorm that severely damaged the low-lying coastal region.

As a result, the Dutch government began to implement the Delta Project – an elaborate system of dykes, canals, dams and bridges to hold back the North Sea. In this image, the 9km-long Eastern Scheldt Storm Surge Barrier (Oosterscheldekering) is visible between the islands of Schouwen-Duiveland and Noord-Beveland.

Since sea-level rise is a key indicator of climate change, accurately monitoring the changing height of the sea surface over decades is essential for climate science, for policy-making and, ultimately, for protecting the lives of those in low-lying regions at risk.

The Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich satellite, set to launch in November, is the first of two identical satellites to be launched sequentially to provide accurate measurements of sea level change.

Both satellites will reach 66°N and 66°S – a specific orbit occupied by the earlier missions that supplied the reference sea-surface height data over the last three decades. This orbit will allow for 95% of Earth’s ice-free ocean to be mapped every 10 days.

This image was acquired on 30 May 2020.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Zeeland, Netherlands". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfchu

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

sicurezza meteorologia territorio rischio GNSS autodesk uav smartphone archeologia sinergis geologia rilievo 3d arcgis CAD ricevitori realta aumentata Bentley geolocalizzazione INSPIRE geospatial sar mappe termografia ortofoto catasto top world urbanistica numerazione civica spazio catasto europeo coste rndt progettazione formazione geodesia webGIS 3DTarget openstreetmap modellazione 3d rilievo monitoraggio satelitare stazione totale autonomous vehicle cantiere aerofotogrammetria geomax smart mobility intelligenza artificiale hexagon fotogrammetria tecnologia trimble INTERGEO leica dati geografici telerilevamento app faro esri italia ict infrastrutture Epsilon Italia trasporti laser scanner metadati qgis digital geography mobilita technologyforall planetek geomatica interferometria GIS geoportale esa asi pianificazione BIM esri terremoto teorema leica geosystems ingv eGEOS microgeo oceanografia cosmo skymed agricoltura asita cartografia gestione emergenze servizi monitoraggio terremoti uso del suolo energia reti tecnologiche misurazione internet of things dati open geo data osservazione della terra smart city autocad posizionamento satellitare ambiente topografia in cantiere terra e spazio sentinel dissesto idrogeologico sensore open data satelliti droni FOIF big data Harris gps nuvole di punti terrelogiche cnr tecnologie avanzate geofisica remote sensing lidar codevintec Stonex flytop GTER 3D osservazione dell'universo top scansione 3D Toponomastica utility beni culturali ISPRA open source protezione civile drone storytelling mobile mapping copernicus topcon galileo apr mare realtà virtuale scienze della terra
VidaLaser
intergeo
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy