itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Hai mai provato a comprare un immagine satellitare?

Leggevo un breve racconto di Aleks Buczkowski (contributing author su GEOawesomness) sui problemi e le difficoltà che ha incontrato per acquistare immagini satellitari. Figlio di un professore di cartografia e con più di un decennio di esperienza nel settore geospaziale si riteneva profondo conoscitore di come funzionano le cose nel mondo del mapping, ma è rimasto scioccato quando di recente ha acquistato immagini satellitari per un progetto. Ha cercato pertanto di condividere questa sua esperienza per confermare se era una regola o un'eccezione.

"Volevo acquistare dati satellitari ad alta risoluzione di poche centinaia di chilometri quadrati in Asia. Il mio budget stimato era inferiore a 10K USD. Il progetto aveva una scadenza breve, quindi ho avuto un tempo massimo di due settimane per ottenere i dati.

Ho pensato che nel terzo decennio del XXI secolo e con tutti i budget di marketing dei fornitori di dati satellitari, l'intero processo sarebbe stato semplice come trovare i dati, pagare e scaricare le immagini selezionate. A quanto pare, il processo di acquisto è molto più difficile e sembra che in realtà nessuno sia interessato a venderti i dati!

La prima sfida è già nella prima fase del processo: come trovare i dati di cui ho bisogno? Ho scoperto che in realtà non esistono cataloghi di dati relativi a quali immagini satellitari sono disponibili e dove è possibile ottenerle! E ho capito che, fino a quando tu non sia "fluente" nelle immagini satellitari e non abbia il tempo di imparare dai tuoi errori, non c'è assolutamente niente da fare.

La situazione mi sembrava così ridicola che ho deciso di creare un progetto open source per dare un contributo alla scoperta dei dati. Ed ecco che ho messo a disposizione un file excel che contiene un elenco di tutti i dati satellitari dalla maggior parte dei sistemi satellitari di osservazione della Terra con risoluzioni e parametri chiave.

Questo elenco mi ha anche aiutato a scoprire che, oltre ai grandi provider come Airbus e Maxar, ci sono molti giocatori più piccoli che possono offrirmi i dati di cui ho bisogno, ad es. in Cina.

Il mio team di progetto non aveva molto tempo e quindi, per mitigare il rischio, ho chiesto al team di visitare il sito Web di tutti i principali fornitori di satelliti per vedere quali dati sono disponibili e verificare l'elaborazione degli acquisti. Allo stesso tempo avevo già scoperto che non esisteva un "sistema di siti web" per acquistare i dati dalle società satellitari cinesi. Così, invece, ho iniziato a esplorare la mia rete professionale.

Il mio team ha iniziato a visitare i siti Web e i portali online di Maxar, Airbus, Harris, Planet e molti altri. E con nostro sgomento, nessun sito web aveva la possibilità di acquistare direttamente i dati. Tutti quanti sembrano reindirizzarti ad un certo punto e in qualche modo al contatto diretto con il reparto vendite.

Quindi, il mio team ha scritto un'e-mail a ogni azienda, indicando l'area di interesse e altri dettagli. E dopo due giorni, solo un fornitore ha risposto ... (e anche se sono trascorse poche settimane nessun altro fornitore ha ancora risposto alla nostra domanda).

Il tempo volava e la scadenza del progetto si stava avvicinando. E poco prima della conclusione dell'accordo, questo rappresentante del fornitore ha iniziato a inviare e-mail "Fuori sede" che reindirizzavano ad un'altra persona. E anche questo bravo ragazzo non ha risposto perché apparentemente c'era un errore di battitura nell'indirizzo e-mail fornito.

Sono successe così tante cose ed è passato molto tempo. Ma per grazia di Dio, abbiamo centrato il punto giusto e dopo altre 24 ore siamo entrati in contatto con la persona giusta.

Allo stesso tempo, ho potuto contattare alcuni fornitori in Europa che offrivano dati satellitari cinesi. Ho comunicato la mia area di interesse e firmato accordi di non divulgazione. Subito intavolato una trattativa. Ma abbiamo raggiunto un altro vicolo cieco perché hanno detto che ci vorranno altre due settimane per ottenere i dati georeferenziati elaborati per la mia area di interesse.

D'altra parte, la mia squadra era in trattative con Harris. Avevamo concordato i termini e le condizioni e i prezzi. Inoltre, abbiamo ricevuto un link per il pagamento il giorno successivo. Il timer stava ticchettando ed erano già 4 giorni alla scadenza!

Avremmo dovuto ricevere i dati elaborati entro 1-3 giorni lavorativi (giusto in tempo per la scadenza). Dopo 3 giorni, abbiamo appreso che il calcolo del tempo iniziale è stato sottostimato e avevano bisogno di un paio di giorni in più. Alla fine, abbiamo ricevuto i primi dati dopo 5 giorni e l'intero ordine dopo 7 giorni ...

Ad essere onesti, devo ammettere che anche se le mie frustrazioni sono state enormi, alla fine, la comunicazione con il team del fornitore (Harris) riguardo al ritardo è stata buona ed è stata comunicata chiaramente."

La conclusione di questa storia da parte di Aleks Buczkowski è scioccante. Ha imparato che non c'è nessuno che vuole vendere questi dati. Cioè, queste aziende hanno creato un'infrastruttura molto costosa, ma l'hanno chiaramente fatto pensando ai grandi clienti. Se non sei il governo, l'esercito o Google non c'è nessuno che si interessi a te. Sembra proprio che nessuno voglia vendere i dati a un singolo progetto.

In un altro post Joe Morrison ci dice che comprare un'immagine satellitare è più vicino a una negoziazione di ostaggi che a una transazione di vendita. Ci saranno presentazioni via e-mail, telefonate, elenchi di richieste, permettetemi di tornare a voi, ricorsi agli avvocati, richieste di documenti e, infine, un riscatto.
Spesso il prigioniero non viene mai rilasciato...

In conclusione spero che questa esperienza possa essere smentita oppure che possa servire per indirizzare e semplificare le modalità di acquisto di immagini satellitari per il grande pubblico e piccoli progetti.

Di seguito la lista open realizzata da Aleks Buczkowski, nella quale si può contribuire con commenti su Google Doc

I riferimenti esposti sono:
https://www.geoawesomeness.com/a-short-tale-about-how-i-wanted-to-buy-satellite-imagery-and-how-difficult-it-was/
https://medium.com/@joemorrison/the-commercial-satellite-imagery-business-model-is-broken-6f0e437ec29d


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfy98

Commenti  

# RE: Hai mai provato a comprare un immagine satellitare?Massimo Zotti 2020-09-03 10:06
Mi auguro che nessuno dei clienti di Planetek, che da anni acquistano immagini satellitari da noi, possa dire d'aver vissuto esperienze del genere :)
E' vero, ci sono centinaia di satelliti per l'osservazione della Terra in orbita e non è facile all'inizio capire qual è il satellite e la tipologia di dato più adatta per la propria applicazione.
E' per questo che il ruolo di un intermediario è ancora importante: un esperto che sia in grado di consigliare il dato giusto in base al budget, all'urgenza ed al tipo di applicazione.
Al tempo stesso, non è vero che si debba passare necessariamente da un ufficio vendite: sono sempre più numerosi i fornitori di dati che offrono piattaforme online utili a scaricare i dati di interesse; e anche a programmare nuove acquisizioni, se serve.

Dal punto di vista dell'utente oggi non c'è differenza di costo tra l'acquisto fatto in autonomia dalle piattaforme online e quello fatto sfruttando l'assistenza di aziende come la nostra. Ed in quest'ultimo caso il rischio di commettere costosi errori nella scelta del dato migliore si riduce praticamente a zero.

E' importante altresì ricordare in questo contesto che siamo nel 2020 e molto spesso, quello che alla stragrande maggioranza degli utenti interessa, non è il dato satellitare ma l'informazione che se ne può estrarre. E' per questo che esistono piattaforme online come Rheticus (www.rheticus.eu) che offrono in abbonamento indicatori e analytics sempre aggiornati sui fenomeni in corso sul territorio: stabilità delle infrastrutture viarie, qualità dei suoli o dei mari, impatti degli incendi boschivi ecc. Con questi servizi l'utente si libera dall'onere di avere a che fare con dati spaziali, ed ottiene a costi molto contenuti direttamente l'informazione che gli serve.
Rispondi

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

catasto monitoraggio satelitare INTERGEO qgis open data dati FOIF dissesto idrogeologico BIM geofisica geospatial cosmo skymed hexagon storytelling autodesk termografia beni culturali drone topografia scienze della terra nuvole di punti top world in cantiere leica geosystems CAD mappe uso del suolo open geo data geomax mobile mapping eGEOS geodesia progettazione codevintec ambiente copernicus planetek energia rilievo 3d oceanografia rndt sentinel terremoto flytop tecnologie avanzate osservazione dell'universo trimble asi spazio droni trasporti numerazione civica infrastrutture rischio sensore ingv geomatica posizionamento satellitare servizi 3D osservazione della terra webGIS smart mobility aerofotogrammetria geoportale cartografia geologia modellazione 3d openstreetmap sicurezza catasto europeo lidar technologyforall GTER rilievo coste ict esa open source app topcon internet of things big data telerilevamento Harris leica ortofoto scansione 3D pianificazione intelligenza artificiale realta aumentata meteorologia archeologia teorema gps geolocalizzazione fotogrammetria INSPIRE microgeo mare realtà virtuale tecnologia protezione civile cantiere stazione totale sinergis agricoltura reti tecnologiche terrelogiche misurazione digital geography autonomous vehicle galileo remote sensing top uav ISPRA utility GIS interferometria autocad smart city laser scanner GNSS territorio 3DTarget metadati satelliti Here terra e spazio ricevitori cnr esri Stonex monitoraggio urbanistica smartphone Bentley faro gestione emergenze esri italia sar formazione dati geografici apr arcgis terremoti Toponomastica mobilita asita
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy