Il tuo telefono Android potrebbe potenziare la più grande rete di rilevamento dei terremoti del mondo

Stampa

Pochi secondi di avvertimento possono fare la differenza nel dare alle persone il tempo di lasciarsi cadere, coprirsi e resistere prima che arrivi lo scuotimento di un terremoto. Giappone, Messico e California hanno costruito una costosa rete di centinaia di sismometri terrestri per generare tali allarmi precoci. I minuscoli accelerometri nei telefoni Android, ovvero i sensori che misurano la direzione e la forza di movimento per determinare se stai tenendo il telefono in modalità orizzontale o verticale, potrebbero anche rilevare potenziali segnali di terremoto. E Google ha trovato un modo per sfruttare la potenza del mini sismometro racchiuso nei telefoni Android!

Lavorando con esperti di sismologia e di catastrofi di fama mondiale, il gigante della tecnologia ha ideato un approccio crowdsourcing per rilevare i terremoti in tutto il mondo: il sistema Android Earthquake Alerts.

Se un telefono partecipante rileva vibrazioni che sono tipicamente legate all'attività sismica, invia un segnale al server di rilevamento dei terremoti di Google, insieme a una posizione approssimativa del punto in cui si è verificato lo scuotimento. Il server combinerà quindi le informazioni di centinaia di altri telefoni Android per capire se si sta verificando un terremoto.

"Stiamo essenzialmente facendo una corsa alla velocità della luce (che è più o meno la velocità alla quale viaggiano i segnali di un telefono) contro la velocità di un terremoto. E fortunatamente per noi, la velocità della luce è molto più veloce! " afferma Marc Stogaitis, Principal Software Engineer, Android.

 Per cominciare, questa tecnologia verrà sfruttata per condividere una visione rapida e accurata dell'area interessata su Ricerca Google. Quindi, cercando "terremoto" o "terremoto vicino a me", si avranno risultati pertinenti per la propria zona, insieme a risorse utili su cosa fare dopo un terremoto.

Google ha colmato il divario di informazioni durante le crisi da oltre un decennio. Da quando il devastante incendio di Carmel Mountain ha iniziato a divampare fuori dai suoi uffici in Israele nel 2010 e i dipendenti di Google hanno sperimentato in prima persona un divario di informazioni potenzialmente influente sulla vita, la società ha deciso di mettere in contatto le persone con informazioni di alta qualità durante le crisi.

Negli ultimi 10 anni, Google ha avviato avvisi pubblici e SOS per centinaia di migliaia di crisi in tutto il mondo, dalla mappatura di incendi e previsioni di inondazioni al rilevamento e allarmi di terremoti.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI