itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Il Gran Lago Salato (Utah,USA)

ESA - Immagine della settimana: Utah, Gran Lago Salato (20 luglio 2020)

Il Gran Lago Salato dello Utah ed i suoi territori circostanti sono mostrati in questa immagine in falsi colori acquisita dalla missione Copernicus Sentinel-2.

Il Gran Lago Salato è il più vasto lago di acqua salata dell’emisfero occidentale ed uno dei più salati bacini d’acqua di entroterra al mondo. E’ la parte più estesa di ciò che resta del lago preistorico di acqua dolce Bonneville, che un tempo ricopriva gran parte dello Utah occidentale.

Il Lago è alimentato dai fiumi Bear, Weber e Jordan, che assieme depositano ogni anno nel lago circa 1 milione di tonnellate di minerali . Essendo il lago di tipo endoreico, ovverosia privo di sbocco, l’evaporazione dell’acqua porta ad una alta concentrazione di sale. Quest’ultima varia enormemente in valore, dipendendo dal tasso di evaporazione e dal flusso dei fiumi che alimentano il lago.

Le evidenti differenze di colore del lago sono causate dal Lucin Cutoff, un viadotto in direzione est-ovest realizzato per creare un percorso più breve. La ferrovia è visibile come una linea marcata che taglia attraversandola la parte alta del lago. Questa infrastruttura ha anche funzione di diga, che impedisce alle acque di mescolarsi e che quindi porta il bacino settentrionale ad avere una salinità più elevate rispetto a quello meridionale (che è la parte del lago costituita da acqua dolce).

Giacchè i principali tributari del lago entrano da sud, il livello dell’acqua della sezione meridionale è leggermente più alto di quello della sezione settentrionale. Diverse piccole isole, le più grandi delle quali sono Antelope e Fremont, sorgono nella parte meridionale del lago.

La variabilità del litorale del lago è dovuta alla presenza di spiagge, paludi e distese fangose. Le brillanti tonalità turchesi visibili su entrambe i lati del lago sono dovute a bacini di evaporazione, dai quali varie tipologie di sali sono raccolti per attività commerciali. Sebbene sia comunemente chiamato il Mar Morto d’America, ciononostante il lago costituisce un importante habitat per milioni di uccelli migratori e nativi. Inoltre, ospita numerosi tipi di alghe, ma anche il gambero e la mosca salamoia.

Il bacino del lago è delimitato ad est dai contrafforti del sistema montuoso Wasatch dalle cime innevate, ad ovest dal Deserto del Gran Lago Salato, residuo del letto dell’antico lago Bonneville. Questa parte del deserto è nota come Saline di Bonneville ed è utilizzata come pista automobilistica, giacchè i letti di sale piatti e lisci rendono l'area ideale per prove di velocità. La capitale dello Utah, Salt Lake City, è visibile in basso a destra.

Questa immagine è stata processata in modo da includere il canale dell’infrarosso vicino, che restituisce la vegetazione con colore rosso, mentre le rocce ed il terreno nudo appaiono di colore marrone.

Copernicus Sentinel-2 è una missione a due satelliti. Ogni satellite trasporta una fotocamera ad alta risoluzione che produce immagini della superficie della Terra in 13 differenti bande spettrali. I frequenti passaggi dei satelliti sopra la stessa area e la elevata risoluzione spaziale consentono un accurato monitoraggio dei cambiamenti dei corpi d’acqua dell’entroterra.

L'immagine è stata acquisita il 17 marzo 2019.

Scarica immagine MediumRes (24,87 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (476,39 MB - .TIF)


---


Utah's Great Salt Lake


Utah’s Great Salt Lake and its surroundings are featured in this false-colour image captured by the Copernicus Sentinel-2 mission.

The Great Salt Lake is the largest salt water lake in the western hemisphere, and one of the most saline inland bodies of water in the world. The Great Salt Lake is the largest of the lake remnants of prehistoric freshwater Lake Bonneville, that once covered much of western Utah.

The lake is fed by the Bear, Weber and Jordan rivers which, together, deposit around 1 million tonnes of minerals in the lake each year. As the lake is endorheic, meaning without an outlet, the water evaporates which leads to a very high salt concentration. It greatly fluctuates in size, depending on the rates of evaporation and the flow of the rivers that feed it.

The distinct colour differences in the lake are caused by the Lucin Cutoff, an east-west causeway built to create a shorter route. The railroad line is visible as a sharp line cutting across the top part of the lake. This acts as a dam, preventing the waters to mix, leading to the north basin having a much higher salinity than the southern, freshwater side of the lake.

As the lake’s main tributaries enter from the south, the water level of the southern section is slightly higher than that of the northern part. Several small islands, the largest of which are Antelope and Fremont, lie in the southern part of the lake.

The lake’s varying shoreline consists of beaches, marshes and mudflats. The bright, turquoise colours visible on both sides of the lake are evaporation ponds, from which various salts are collected in commercial operations. Although it is commonly referred to as America’s Dead Sea, the lake is nevertheless an important habitat for millions of native and migratory birds. It is also home to several types of algae, brine shrimp and brine flies.

The lake’s basin is defined by the foothills of the snow-capped Wasatch Range, to the east, and by the Great Salt Lake Desert, a remnant of the bed of Lake Bonneville, to the west. This part of the desert is known as the Bonneville Salt Flats and is used as an automobile raceway, as the flat and smooth salt beds make the area ideally suited for speed trials. Utah’s capital, Salt Lake City, is visible in the bottom right of the image.

This image was processed in a way that included the near-infrared channel, which makes vegetation appear in red, while rocks and bare soil appear in brown.

Copernicus Sentinel-2 is a two-satellite mission. Each satellite carries a high-resolution camera that images Earth’s surface in 13 spectral bands. The mission’s frequent revisits over the same area and high spatial resolution allow changes in inland water bodies to be closely monitored.

This image was captured on 17 March 2019.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Utah's Great Salt Lake". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kffrq

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

fotogrammetria tecnologia droni ambiente agricoltura nuvole di punti GNSS intelligenza artificiale spazio qgis catasto europeo tecnologie avanzate dati Epsilon Italia 3DTarget sar INSPIRE aerofotogrammetria ISPRA stazione totale apr misurazione geomatica cantiere trasporti monitoraggio satelitare trimble Harris webGIS dati geografici geospatial sinergis smartphone archeologia in cantiere energia Here osservazione dell'universo Toponomastica esa geologia teorema Stonex eGEOS posizionamento satellitare arcgis cnr mobilita pianificazione rilievo CAD terremoti open data open geo data territorio rndt geoportale esri italia lidar ricevitori telerilevamento digital geography cosmo skymed hexagon oceanografia realtà virtuale geodesia FOIF asi modellazione 3d galileo ingv technologyforall copernicus geomax GIS coste storytelling planetek ict scienze della terra mobile mapping open source autocad ortofoto esri interferometria Bentley catasto termografia topcon utility scansione 3D smart mobility monitoraggio uav BIM autodesk microgeo 3D openstreetmap big data terrelogiche servizi terra e spazio reti tecnologiche gps gestione emergenze infrastrutture terremoto asita mare INTERGEO mappe sensore progettazione dissesto idrogeologico realta aumentata smart city top world topografia remote sensing protezione civile codevintec GTER formazione geolocalizzazione metadati rilievo 3d geofisica laser scanner cartografia meteorologia urbanistica flytop autonomous vehicle app leica geosystems osservazione della terra faro leica sentinel drone satelliti top uso del suolo rischio beni culturali internet of things sicurezza
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps