Catena montuosa delle Ande (Perù)

ESA - Immagine della settimana: Ande peruviane (29 giugno 2020)

Stampa

La catena montuosa delle Ande, nel Perù meridionale, è mostrata in questa immagine in falsi colori catturata dalla missione Copernicus Sentinel-2. Questa immagine è stata processata in modo tale da far apparire la vegetazione di colore blu, mentre la vegetazione da irrigazione ed agricola appare in blu chiaro.

Le Ande sono considerate il sistema montuoso continentale più lungo al mondo. Si estendono per circa 7000 km attraversando sette nazioni del Sud America, dal Venezuela a nord fino al Cile a sud.

Il sistema montuoso deve la sua origine alle placche tettoniche di Nazca ed Antartica che si muovono sotto la placca del Sud America per via di un processo geologico che prende il nome di subduzione. Anche l’erosione dovuta ai venti ed all’acqua costituiscono uno dei fattori importanti all’origine dell’aspetto del paesaggio.

In questa immagine, acquisita il 16 giugno 2020, sono mostrate parti delle regioni Ica, Ayacucho ed Arequipa, in Peru. Si possono osservare corsi d’acqua scorrere dalle elevate altitudini fino alle valli, fornendo acqua per irrigazione ad i campi agricoli che si trovano nelle vicinanze. Alcuni di questi appezzamenti agricoli si possono distinguere in colore blu chiaro.

La piccola città di Puquio, con una elevazione di circa 3000 m, si può scorgere un alto a destra nell’immagine, circondata dalla vegetazione. Subito a sinistra di Puquio si trova la Riserva Nazionale di Pampa Galeras. Questa riserva protegge il naturale habitat della specie minacciata del vicuña, un cammello selvaggio che vive nelle aree alpine ad alta quota delle Ande.

Le nuvole nella parte bassa a sinistra dell’immagine sono un esempio di stratocumuli marini. Queste nuvole da bassa quota sono causate dalla spinta in superficie delle acque più fredde dell’Oceano Pacifico, le quali raffreddano l’aria circostante causando la condensazione del vapour acqueo in droplet d’acqua ed infine in nuvole. Le nuvole di stratocumuli marini spesso si sviluppano all’esterno del Perù e sono i venti dominanti che le spingono verso il territorio interno. Essendo le nuvole basse esse trovano un facile ostacolo nelle montagne e colline costiere, come le Ande.

Al di sotto delle piccole nuvole nella parte a sinistra ed in alto dell’immagine sorge la città di Nazca. A nord ovest della città si trova il famoso sito delle linee di Nazca (non visibile). Le line di Nazca sono costituite da gruppi di geoglifi o disegni incisi sulla superficie della pianura arida. Le figure mostrano varie piante, animali e molte altre forme, con una estensione che interessa un’area di circa 500 kmq.

Copernicus Sentinel-2 è una missione a due satelliti. Ogni satellite trasporta una camera da ripresa ad alta risoluzione che riprende immagini della superficie della Terra in 13 differenti bande spettrali. La missione è soprattutto utilizzata per seguire i cambiamenti nell’uso del suolo e per monitorare lo stato di salute della vegetazione.

Scarica immagine MediumRes (41,91 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (249,45 MB - .TIF)


---


Peruvian Andes

The Andes mountains, in southern Peru, are featured in this false-colour image captured by the Copernicus Sentinel-2 mission. This image was processed in a way that makes vegetation appear blue, while irrigated vegetation and agriculture is visible in bright blue.

The Andes are considered the longest continental mountain range in the world. They extend around 7000 km through seven South American countries – from Venezuela in the north all the way to Chile in the south.

The mountain range is the result of the Nazca and Antarctic tectonic plates moving under the South American plate in a geological process called subduction. Wind and water erosion are also a major factor for the shaping of the landscape.

In this image, captured on 16 June 2020, parts of the Ica, Ayacucho and Arequipa Regions in Peru are featured. Streams of water flowing from the high altitudes, and through the valleys, provide water for irrigation to the nearby agricultural fields. Some of these agricultural plots can be seen in bright blue in the image.

The small town of Puquio, with an elevation of over 3000 m, can be seen in the top right of the image – surrounded by vegetation. Directly to the left of Puquio, lies the Pampa Galeras National Reserve. This reserve protects the habitat of the threatened vicuña, a wild camelid which live in the high alpine areas of the Andes.

The clouds in the bottom-left of the image are an example of marine stratocumulus. These low-lying clouds are caused by cooler waters in the Pacific Ocean being pulled up to the surface, cooling the air above it, and causing water vapour to condense into water droplets and, eventually, clouds. Marine stratocumulus clouds often develop off of Peru, with prevailing winds pushing the clouds inland. As the clouds are low, they are easily blocked by coastal mountains and hills, such as the Andes.

Under the small cloud in the upper left of the image, lies the city of Nazca. Northwest of Nazca, the famous site of the Nazca lines can be found (not visible). The Nazca lines are a group of geoglyphs, or drawings, etched into the surface of the arid plain. The figures depict various plants, animals and many other shapes and extend over an area of around 500 sq km.

Copernicus Sentinel-2 is a two-satellite mission. Each satellite carries a high-resolution camera that images Earth’s surface in 13 spectral bands. The mission is mostly used to track changes in the way land is being used and to monitor the health of vegetation.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Peruvian Andes". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche