Ispirata al pi-greco e ai vulcani la prossima versione di QGis

Stampa

La prossima versione sarà la 3.14 e, pertanto, sarà chiamata "Pi" anche se di solito le versioni di QGis prendono il nome dalle località ove si effettuano le riunioni della comunità di sviluppatori del noto Open Source e la schermata iniziale mostra una mappa relativa a questa posizione. Per la 3.14 sono state cercate mappe creative che catturassero l'essenza del Pi greco.

Aperta una consultazione pubblica in materia, sono state ricevute molte proposte e da queste è stata compilata una lista dei primi 3 candidati che sono stati maggiormente votati dal pubblico.

map contest submissions

Il candidato n. 1 Ezequiel Orquera scrive della sua presentazione:

“Come agronomo, Pi viene utilizzato ogni volta che è necessario sviluppare un sistema di irrigazione a perno (quei bei cerchi che possiamo vedere sulle immagini satellitari), sfruttando al massimo il numero Pi e il raggio. In questa immagine, possiamo vedere i cerchi in contrasto con le forme dei rettangoli. La cosa interessante è che sulla maggior parte dei cerchi è possibile vedere il braccio del sistema di irrigazione che proviene dal centro di ciascun cerchio, rendendolo il raggio. Inoltre sappiamo tutti che Pi x r ^ 2 = area del cerchio. Ciò è utile per stimare, ad esempio, i raccolti. "

Il candidato n. 2 Francis Josef Gasgonia scrive della sua presentazione:

“Questa mappa non sarebbe completa senza l'uso di Pi. I buffer di anello multicentrici rappresentano potenziali zone di pericolo in questa mappa del Monte. Isarog nelle Filippine. I calcoli necessari per sviluppare i buffer degli anelli dipendono da Pi. Mt. Isarog è classificato come uno strato-vulcano potenzialmente attivo. Questa mappa rappresenta al meglio l'uso di Pi in una mappa perché questi buffer sono cruciali nella pianificazione dei disastri, specialmente ora in un mondo pandemico di Covid-19 in cui i buffer di anello e altri tipi di buffer sono in uso per la pianificazione umanitaria e logistica. "

 Il candidato n. 3 Michel Stuyts scrive della sua presentazione:

“Dato che Pi è molto legato ai cerchi, ho cercato il posto più circolare che potessi trovare. Il posto in cui ho disegnato una mappa è Vahanga, un atollo nell'Oceano Pacifico. Ho decorato la mappa con angoli di un cerchio in radianti come divisioni di Pi. Poiché le schermate iniziali di QGIS mostrano di solito una mappa di un luogo in cui si è svolta una riunione degli sviluppatori, la possibilità che abbia mai una mappa di questa parte del mondo è altrettanto irrazionale quanto Pi, poiché il luogo abitato più vicino si trova a più di 1000 km di distanza. La mia mappa è anche collegata a Corona (la ragione per cui non c'era nessun dev in primo luogo), perché l'atollo è a forma di corona e Corona significa corona. Oltre ad essere collegata a Pi e Corona, la mia mappa è anche molto legata a QGIS, perché è realizzata al 100% con QGIS. Gli angoli in radianti sono stati realizzati con "generatori di geometrie" dal punto centrale. I riempimenti sono stati realizzati utilizzando "riempimenti di marcatori casuali" combinati con un'espressione usando "randf ()" per impostare la dimensione dei marcatori con un "Sostituzione definita dai dati". Per le acque poco profonde all'interno dell'atollo ho usato un "riempimento Shapeburst". "

Il vincitore finale è stato il numero 2, ove  la mappa di Francis Josef Gasgonia ha ricevuto il maggior numero di voti (46%).

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI