Maremoti nel Mediterraneo: è online il sito del Centro Allerta Tsunami INGV

Stampa

Il sito http://www.ingv.it/cat/ ha lo scopo di monitorare e analizzare in tempo reale i dati delle reti di monitoraggio, in modo da rilevare i terremoti in mare o lungo la costa, valutare la possibilità che essi generino onde di maremoto e diffondere tempestivamente i messaggi di allerta. Ad oggi, le conoscenze e le tecnologie disponibili consentono di monitorare solo gli tsunami causati da terremoti e non consentono di operare sulle altre possibili fonti di uno tsunami, quali le frane, le eruzioni vulcaniche, i fenomeni meteorologici, ecc. Gli tsunami di origine sismica costituiscono circa l’ottanta per cento degli eventi conosciuti, oltre a essere quelli di estensione maggiore.

Il sistema di allertamento si articola su tre attività fondamentali.

La prima comprende il monitoraggio sismico, operato dal Centro Allerta Tsunami dell'INGV, attraverso il quale vengono rilevati i terremoti con epicentro in mare o nelle immediate vicinanze; valutato il loro potenziale tsunamigenico; stimati i tempi di arrivo della prima onda di maremoto lungo le coste esposte; comunicata, nel più breve tempo possibile, l’allerta al Dipartimento della Protezione Civile.

La seconda fase prevede la diffusione dei messaggi di allertamento, da parte del DPC, alle strutture e ai componenti del servizio nazionale della Protezione Civile con l’obiettivo di raggiungere, nel minor tempo possibile, anche la popolazione potenzialmente interessata.

La terza attività del SiAM consiste nell'analisi dei dati delle reti mareografiche presenti nel Mediterraneo, inclusa la rete mareografica nazionale (RMN) gestita dall’ISPRA, che consente di rilevare il verificarsi di anomalie nel livello del mare alle diverse stazioni di rilevamento, confermando o meno l’arrivo dell’eventuale onda di maremoto. Questi dati sono analizzati in tempo reale dal CAT-INGV per la conferma e per quantificare l’entità dello tsunami, o viceversa per cancellare l’allerta diramata, nel caso in cui gli strumenti non rilevino alcuna anomalia nel livello del mare.

L’area di monitoraggio di competenza del SiAM comprende tutte le coste del Mediterraneo e si estende da cento km a Ovest dello stretto di Gibilterra al Mar di Marmara, abbracciando le coste di venti Paesi. Il CAT-INGV, inoltre, nella sua qualità di Tsunami Service Provider dell'ICG/NEAMTWS, invia i messaggi d’allerta a diversi paesi del Mediterraneo, in particolare alle agenzie e istituzioni di Cipro, Egitto, Germania, Israele, Libano, Malta, Spagna, con l’obiettivo futuro di coprire tutti i paesi dell’area mediterranea. I messaggi vengono altresì inviati agli altri centri di allertamento (TSP) dell'ICG/NEAMTWS, con i quali esiste una stretta collaborazione: il Centre d'Alerte aux Tsunamis ( CENALT ) in Francia, l’Hellenic National Tsunami Warning Centre, istituito presso il National Observatory of Athens, Institute of Geodynamics ( NOA/HL-NTWC ) in Grecia e il Boğaziçi University Kandilli Observatory and Earthquake Research Institute - Regional Earthquake-Tsunami Monitoring Center, ( KOERI-RETMC ) in Turchia e l' Instituto Português do Mar e da Atmosfera ( IPMA ), in Portogallo.

Data la forma delle coste del Mediterraneo, la posizione geografica delle principali sorgenti sismiche conosciute, i tempi inevitabilmente necessari per registrare, elaborare e valutare i dati e l’incertezza che caratterizza questo tipo di stime, non è possibile garantire che l’arrivo di un maremoto sulla costa sia sempre preceduto dal messaggio di allerta, e nemmeno che ogni messaggio di allerta sia sempre seguito da uno tsunami.

Il Sistema di Allertamento nazionale per i Maremoti generati da terremoti nel Mar Mediterraneo (SiAM), è composto dal Dipartimento della Protezione Civile nazionale (DPC) che svolge anche le funzioni di coordinamento, dal Centro Allerta Tsunami dell’INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (CAT-INGV) e dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il SiAM ha operato in via sperimentale dal 2014 al 2016, ma è stato istituito formalmente dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 febbraio 2017, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale ( n.128 del 05-06-2017 ) . La direttiva definisce i compiti e le funzioni dei soggetti coinvolti, attribuendo al Dipartimento della Protezione Civile nazionale il ruolo di coordinamento e il compito di diramare l’allerta in caso di evento.

(Fonte INGV)  

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche