itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Relazione attività relative alla bonifica dei siti di discarica abusivi

Il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, On.le Roberto MORASSUT e il Commissario straordinario di Governo Gen. B. Giuseppe VADALA’ con la task-force messa a disposizione dall’Arma dei Carabinieri per fare fuoriuscire l’Italia dalla procedura d’infrazione europea, presentano la quinta relazione semestrale sulle attività e i risultati raggiunti dalla missione commissariale sulla bonifica dei siti di discarica abusivi presenti sul territorio nazionale ed in infrazione europea.

L’iniziativa è stata promossa con la partecipazione del Comandante Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari Carabinieri, Gen. C.A. Ciro D’ANGELO e del Dott. Mariano GRILLO, Capo Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con la moderazione del CEO di RemTech, Dott.ssa Silvia

PAPARELLA e con il Direttore dell’Istituto di Ricerca sulle acque e territori del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bari, Prof. Vito Felice URICCHIO,nonchè la Dott.ssa Ilde GAUDIELLO, Dirigente coordinatrice delle procedure di infrazione in materia di rifiuti del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare.

Sei semestri dalla nomina, quasi 3 anni di lavoro ininterrotto, da nord a sud, per sanificare i territori, risolvere un problema ambientale e al fine di ottenere un considerevole risparmio economico per il Paese. Ad oggi, su 81 discariche consegnate nelle mani del Commissario di Governo per la bonifica dei siti inquinati nel 24 marzo 2017, più della metà sono stati portati fuori dalla procedura di infrazione permettendo all’Italia di risparmiare 16milioni e 400mila euro ogni anno.

La sanzione europea iniziata, nel 2014, con 42.000.000,00 per ogni sei mesi, oggi si è ridotta a € 8.600.000,00 (compresi i dossier proposti a dicembre 2019 al vaglio ancora della Commissione UE) con un risparmio economico per l’Erario e soprattutto restituendo zone più salubri alle collettività.

E’ questo il primo risultato del lavoro della Struttura di missione, voluta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2017 e che oggi lavora in completa sinergia con il Ministero dell’Ambiente per azzerare il debito contratto con l’Europa.

A guidare la task force composta tutta da Carabinieri è il Generale di Brigata Giuseppe Vadalà che attraverso le attività effettuate con la squadra creata ad hoc e messa a disposizione del dall’Arma dei Carabinieri, ha ciclicamente inseguito e raggiunto gli obiettivi fissati nel cronoprogramma operativo.

Queste le parole del Commissario Gen. Vadalà:

“Esporre questo documento alla stampa – dichiara il Generale Vadalà – avvalora il principio di trasparenza al quale abbiamo ispirato la nostra missione. Farlo assieme al Sottosegretario Morassut e nella casa comune del Ministero dell’Ambiente è riprova del peso della sinergia di azione comune come base della strategia che guida questa struttura. Regioni, Comuni, Agenzie Regionali per l’Ambiente – ha poi proseguito il Commissario - hanno risposto senza esitazione all’invito di questo

 

Commissariato a recuperare porzioni di territorio. Così gli organismi scientifici di primo piano a livello nazionale (ad esempio: RemTech, S.N.P.A – I.S.P.R.A., Consiglio Nazionale delle Ricerche, Consiglio Nazionale dei Geologi, Università del Sannio) nonchè i soggetti sociali sui singoli territori (professionisti e associazioni di cittadini) sono stati attori partecipativi in questo nostro lavorare d’insieme, infatti gli obiettivi di risanamento e bonifica possono essere raggiunti solo con una sinergia d’intenti e che stabilisca gli obiettivi, le tempistiche e i procedimenti da attuare. E’ indubbio che se non ci fosse stata risposta immediata da parte di tutti gli Enti e Istituzioni, ma soprattutto l’intesa con il Ministero dell’Ambiente, voluta e ribadita dal recente Decreto Clima convertito in legge a dicembre 2019, che ha regolamentato e disposto la nostra missione non avremmo mai potuto ottenere questi risultati e quindi porre in sicurezza, ben 41 siti, riducendo corposamente la sanzione annuale”. Prosegue e conclude: “Rimane necessario vigilare sui livelli di legalità delle gare e sulla regolarità degli iter amministrativi nonché sull’analisi info-investigativa particolareggiata dei processi e dei procedimenti che hanno portato alla stasi della macchina pubblica locale e in questo caso l’apporto continuo del’Arma dei Carabinieri e nello specifico del Comando Forestale Ambientale e Agroalimentare e gli specifici protocolli attivati con il Ministero dell’Interno e con la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorrismo risultano fondamentale”.

Questo quanto espresso dal Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente On.le Roberto Morassut :
“L’iniziativa congiunta tra il Ministero dell’Ambiente e la Struttura di Missione del Generale Vadalà continua a dare risultati straordinari, a testimonianza che la bonifica del territorio è una strategia necessaria e possibile. In tre anni, più della metà delle discariche sono fuori dalla procedura di infrazione europea, con benefici all’ambiente, alla salute dei cittadini ed un importante risparmio economico per il Paese. L’obiettivo comune è quello di proteggere la salute e l’ambiente in cui viviamo, restituendo i siti inquinati agli usi propri e ai cittadini e per farlo sono in campo le migliori risorse dello Stato. Più in generale, sul tema delle bonifiche occorre spingere il piede sull'acceleratore. Al ministero abbiamo istituito una Direzione ad hoc e stiamo lavorando nella predisposizione di una norma, da inviare in Parlamento, per superare lentezze burocratiche e snellire le procedure. Il risanamento ambientale, come spesso sottolinea il Ministro Sergio Costa, richiamando l’attenzione del legislatore, è una delle priorità nella fase della ripartenza dopo la tempesta della pandemia”.

In conclusione alcuni dati significativi della missione:

- Siti: 41 espunti dalla procedura di infrazione Europea sugli 81 totali commissariati - Abruzzo (12 siti), Campania (7), Calabria (8) poi Sicilia (6), Lazio (4), Veneto (2), Puglia (1) e Toscana (1).

- Sanzione Europea semestrale: da € 42.000.000,00 agli attuali 9.600.000,00 (da ridurre ulteriormente a 8.600.000,00 al termine del vaglio dei dossier di espunzione proposti alla commissione UE nel dicembre 2019).

- Dal 24 marzo 2017 ad oggi in questi primi tre anni il Commissario e la task-force dell’Arma dei Carabinieri hanno fatto risparmiare alle casse dello Stato € 16.400.000,00 e risanato 41 pregevoli territori del nostro Paese;

- Missioni svolte: 1150 (suddivise tra riunioni in sede 246 e fuori sede 399, sopralluoghi operativi-investogativi 155, incontri istituzionali 192, incontri relativi a convegni, conferenze ed eventi stampa 158).

Roma – 8 maggio 2020 - ore 12.00

Per la visione del meeting è necessario collegarsi alla piattaforma attraverso computer, tablet o smartphone:

https://global.gotomeeting.com/join/261905493

o, in alternativa, telefonando al numero: +39 0 230 57 81 80 e digitando il seguente codice di accesso: 261-905-493

Pregasi di inviare mail di adesione entro il 6 maggio p.v. a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando nome-cognome mail ed ente/testa di appartenenza.


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfr6x

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

mare microgeo osservazione della terra metadati mobilita pianificazione autonomous vehicle oceanografia rilievo 3d asita autodesk osservazione dell'universo spazio ricevitori webGIS uso del suolo ict mappe top app gestione emergenze monitoraggio copernicus protezione civile terremoto intelligenza artificiale gps utility smart mobility realtà virtuale arcgis apr rilievo formazione ingv sar satelliti droni termografia Toponomastica beni culturali trimble dissesto idrogeologico internet of things smart city autocad faro remote sensing terrelogiche flytop geofisica lidar reti tecnologiche hexagon catasto europeo dati geografici CAD interferometria Bentley drone INTERGEO esa top world geomatica geolocalizzazione tecnologia Stonex FOIF big data open data cnr open geo data Harris leica geosystems urbanistica Here sicurezza uav topografia progettazione coste 3DTarget infrastrutture smartphone 3D codevintec GNSS Epsilon Italia misurazione terremoti geospatial realta aumentata geoportale fotogrammetria storytelling nuvole di punti BIM ambiente sensore servizi monitoraggio satelitare rndt asi GIS sinergis ISPRA telerilevamento dati trasporti posizionamento satellitare GTER laser scanner energia catasto teorema geomax planetek scansione 3D archeologia technologyforall ortofoto galileo meteorologia leica INSPIRE cartografia territorio cosmo skymed in cantiere sentinel tecnologie avanzate modellazione 3d digital geography cantiere aerofotogrammetria esri italia topcon eGEOS agricoltura mobile mapping openstreetmap qgis rischio terra e spazio esri open source geodesia geologia scienze della terra stazione totale
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps