Harris
3D Target

CIRES un Cubesat della NASA per monitoraggio InSAR di vulcani e terremoti

Il monitoraggio dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche è per gli scienziati un evento geologico in rapido movimento che deve essere studiato con acquisizioni effettuate al momento giusto affinché i dati siano pertinenti. Bisogna considerare anche che tali eventi potrebbero essere influenzati da movimenti nella crosta terrestre che si verificano sia vicino che lontano da un'area interessata da cambiamenti sismici.
E' questo il motivo di fondo che ha spinto la NASA a realizzare un piccolo sistema satellitare chiamato CIRES (CubeSat Imaging Radar for Earth Sciences). Questo sistema satellitare, è dotato di un radar ad apertura sintetica interferometrica in banda S (InSAR), che può penetrare la vegetazione e altre interferenze al di sopra del suolo. I

l satellite CIRES è in grado di passare nello stesso punto all'incirca due volte in un determinato intervallo di tempo e quindi effettua misurazioni utilizzando il radar per determinare i cambiamenti di elevazione.
La novità di tali satelliti è che possono essere programmati per funzionare in tandem con satelliti più grandi che orbitano costantemente attorno alla Terra ma catturano più dati a livello macro. I dati provenienti dai satelliti CIRES, incluso un gruppo di essi, possono inviare informazioni a satelliti come la missione ISRO SAR della NASA (NISAR), che è un satellite radar più grande che ha diversi livelli di rilevamento di dati globali tra cui l'elevazione. La frequenza dei cambiamenti e le differenze misurate su scale più piccole e più grandi, come può avvenire per i vulcani che si gonfiano prima di un'eruzione in aree locali che causano anche cambiamenti sismici in aree più distanti, potrebbe consentire ai satelliti di determinare o almeno inviare dati che suggeriscono che l'attività vulcanica è probabile in una data posizione.

Il vantaggio dei satelliti CIRES è che possono lavorare insieme o da soli, pur essendo l'ideale per monitorare i cambiamenti geologici usando il radar. Usano un protocollo di trasmissione dati, SpaceFibre, che consente a satelliti piccoli come CubeSats, che possono pesare circa 1 kg, di trasportare tecnologie in grado di gestire grandi volumi di dati derivanti da letture radar ad apertura sintetica (SAR), che in precedenza erano trasmesse solo da molto più grandi sistemi satellitari o persino da sistemi come lo space Shuttle.

In generale i satelliti più piccoli, più economici e in grado di lavorare meglio con altri satelliti e sistemi terrestri, rappresentano un futuro potenzialmente migliore per l'Osservazione della Terra. Il programma CIRES è stato sviluppato dal Jet Propulsion Laboratory (JPG) e dalla SRI International, con finanziamenti provenienti dall'Ufficio Tecnologie della scienza della Terra della NASA (ESTO). Altre aree all'interno dell'osservazione potrebbero presto beneficiare di sviluppi simili come miglioramenti nelle misure di altimetria, suono, scatterometria e profilatura delle precipitazioni. Ciò potrebbe significare l'uso di CubeSat simili che funzionano in tandem con grandi sistemi satellitari rilevanti per il monitoraggio della vegetazione, delle condizioni meteorologiche e altre forme di osservazioni e cambiamenti geologici in rapido movimento.

Per ora è possibile osservare le metriche chiave per le eruzioni vulcaniche e persino i terremoti prima che accadano eventi sismici. Ciò potrebbe anticipare bene la previsione di questi eventi in futuro, specialmente la dove l'osservazione tradizionale a terra non è stata sufficiente per consentire alle previsioni precise per gli eventi sismici. Tuttavia, combinare l'osservazione della Terra a livello macro con l'osservazione su piccola scala delle aree locali utilizzando CubeSats e tecnologie radar potrebbe significare migliori capacità di previsione. Per ora, i geologi stanno solo iniziando ad abituarsi ai nuovi dati disponibili, quindi dovremo aspettare e vedere come i nuovi sistemi come CIRES potrebbero migliorare la nostra comprensione degli eventi geologici in rapido movimento. Dalle osservazioni iniziali, il futuro sembra promettente.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfrxp

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

VidaLaser

Naviga per temi

geospatial laser scanner catasto Harris digital geography pianificazione rilievo in cantiere geoportale trasporti realta aumentata rndt archeologia gestione emergenze apr leica geosystems esri smart city osservazione dell'universo big data asi rischio teorema ISPRA topografia geologia utility Toponomastica ricevitori cnr technologyforall uav progettazione leica beni culturali cantiere termografia oceanografia trimble mappe geolocalizzazione reti tecnologiche autodesk smart mobility GIS galileo vidalaser terra e spazio intelligenza artificiale FOIF agricoltura faro esa aerofotogrammetria territorio informazione geografica sensore open source geomatica uso del suolo flytop Digital Twins sentinel dati geografici scienze della terra INSPIRE app nuvole di punti modellazione 3d open data meteorologia geodesia internet of things codevintec ict dissesto idrogeologico microgeo infrastrutture remote sensing posizionamento satellitare copernicus energia formazione protezione civile metadati sicurezza GTER satelliti smartphone osservazionedella terra lidar autocad geofisica 3D cosmo skymed esri italia sinergis tecnologia stazione totale BIM ingv geomax Epsilon Italia INTERGEO misurazione ambiente droni topcon interferometria gps scansione 3D fotogrammetria cartografia rilievo 3d CAD asita 3DTarget GNSS coste realtà virtuale arcgis slam Stonex catasto europeo qgis hexagon ortofoto urbanistica sar mobilita osservazione della terra terrelogiche storytelling drone telerilevamento webGIS dati mobile mapping top mare spazio monitoraggio dati geospaziali tecnologie avanzate openstreetmap servizi monitoraggio satelitare planetek open geo data terremoto
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy