itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Highlands meridionali in Bolivia

ESA - Immagine della settimana: Cuore dell’altopiano boliviano (14 febbraio 2020)

Per la ricorrenza di San Valentino vi presentiamo questa immagine Copernicus Sentinel-2, che ha catturato una bella formazione geografica a forma di cuore nello straordinario paesaggio delle highlands meridionali della Bolivia.

Le highlands sono parte della regione detta Altipiano (plateau elevato), che si estende per quasi 1000 km dal Perù alla Bolivia. Il suo panorama è costituito da una serie di bacini che giacciono a circa 3500 m sul livello del mare ed è la più estesa area di plateau elevato, furi dal Tibet.

Questa area particolare mostrata nell’immagine forma una transizione tra il deserto ad ovest e la foresta tropicale ad est. La formazione che ricorda l’immagine di un cuore è stata modellata nel tempo da molti strati di differenti formazioni geologiche. Anche il gran numero di fiumi e torrenti visibili in questa immagine hanno contribuito e formare il panorama così come oggi lo conosciamo.

Questa immagine composita in falsi colori è stata processata selezionando bande spettrali che possono essere utilizzate per classificare le caratteristiche geologiche: ma in questo caso l’elaborazione dell’acquisizione evidenzia anche questo delizioso cuore per l’immagine di oggi.

Sucre, la capitale del Dipartimento di Chuquisaca, è visibile in grigio nella parte alta dell’immagine. Designata dall’UNESCO come Sito Patrimonio dell’Umanità, la città sorge ad una quota di circa 2800 m sul livello del mare. A sinistra di Sucre si può osservare il cratere di Maragua, una meta molto popolare tra gli escursionisti.

Satelliti - come quelli della missione Copernicus sentinel-2 - permettono l’acquisizione di immagini di particolare bellezza, come sono tipicamente quelle riprese dallo spazio. Ma consentono anche di monitorare i cambiamenti che avvengono nei luoghi della Terra. Volando ad una quota di oltre 800 km, i satelliti misurano il polso del nostro pianeta attraverso acquisizione sistematica di immagini e misurando i cambiamenti che stanno avvenendo, fatto particolarmente importante in regioni che risultano altrimenti di difficile accesso. Questo permette di prendere decisioni ponderate per aiutare le future generazioni a proteggere il nostro pianeta e per tutti i cittadini che abitano la nostra amata Terra.

Inviamo tutto il nostro affetto per il giorno di San Valentino dagli altopiani della Bolivia e speriamo di continuare a celebrare l’amore per la nostra Terra ogni giorno dell’anno.

Questa immagine è stata acquisita il 26 gennaio 2020.


Scarica immagine MediumRes (40,97 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (27,08 MB - .TIF)

 

---

 

Bolivian highland heart

For Valentine’s Day, we bring you this Copernicus Sentinel-2 image capturing a beautiful heart-shaped geographical formation in the dramatic landscape of the southern highlands of Bolivia.

The highlands are part of the Altiplano, meaning High Plateau, a region that stretches almost 1000 km from Peru to Bolivia. The landscape consists of a series of basins lying about 3500 metres above sea level and is the most extensive area of high plateau on Earth, outside Tibet.

This particular area featured here is a transition between the desert in the west and the tropical forest in the east. The heart-shaped formation has been moulded by many layers of different geological formations over time. The many streams and rivers visible in this image have also contributed to the shaping of the landscape as we see it today.

This false-colour composite image was processed by selecting spectral bands that can be used for classifying geological features – but here the image processing also highlights this lovely heart for today’s image.

Sucre, the capital of the Chuquisaca Department, is visible at the top of the image in grey. Designated a UNESCO World Heritage Site, the city lies at an elevation of around 2800 metres above sea level. To the left of Sucre, the Maragua crater can be seen – a popular hiking destination.

Satellites, such as Copernicus Sentinel-2, allow us to capture beautiful images such as these from space, but also to monitor changing places on Earth. Flying 800 km above, satellites take the pulse of our planet by systematically imaging and measuring changes taking place, which is particularly important in regions that are otherwise difficult to access. This allows for informed decisions to be made to help protect our world for future generations and for all citizens that inhabit our beloved Earth.

We send all our love for Valentine’s Day from the high plateaus of Bolivia – and hope we continue our celebration of love for Earth every day of the year.

This image was captured on 26 January 2020.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Bolivian highland heart". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfhr3

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

dati asita coste planetek lidar ISPRA tecnologie avanzate sinergis remote sensing nuvole di punti GNSS geologia digital geography formazione drone mobilita sicurezza protezione civile ict cantiere open data ambiente openstreetmap realtà virtuale internet of things rischio fotogrammetria geodesia modellazione 3d ricevitori sensore tecnologia sentinel terremoto catasto termografia geolocalizzazione INSPIRE leica ortofoto GIS geomatica galileo dissesto idrogeologico top Bentley uav rilievo esa reti tecnologiche Here realta aumentata mare teorema terremoti INTERGEO codevintec FOIF progettazione metadati uso del suolo esri qgis cartografia open geo data spazio Stonex catasto europeo cnr beni culturali posizionamento satellitare aerofotogrammetria laser scanner CAD mobile mapping smart mobility trimble droni osservazione dell'universo rndt big data scienze della terra flytop topografia sar dati geografici apr Epsilon Italia archeologia scansione 3D energia intelligenza artificiale top world technologyforall leica geosystems territorio GTER stazione totale satelliti app microgeo meteorologia rilievo 3d mappe autonomous vehicle open source arcgis oceanografia autocad geospatial pianificazione terrelogiche in cantiere cosmo skymed utility trasporti interferometria gps BIM agricoltura geofisica autodesk monitoraggio topcon Harris hexagon smart city misurazione osservazione della terra terra e spazio eGEOS esri italia asi faro 3DTarget monitoraggio satelitare gestione emergenze infrastrutture webGIS urbanistica geomax Toponomastica servizi smartphone ingv 3D storytelling telerilevamento geoportale copernicus
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps