itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Arcipelago del Giappone (porzione)

ESA - Immagine della settimana: Arcipelago giapponese (19 gennaio 2020)

La missione Sentinel-3 del programma europeo Copernicus ci trasporta sull’arcipelago giapponese – una successione di isole che si estende per circa 3000 km all’interno dell’Oceano Pacifico occidentale.

Mentre l’arcipelago è composto da oltre 6000 isole, questa immagine si focalizza sulle quattro principali isole del Giappone. Spostando il nostro sguardo da nord verso sud, Hokkaido è visibile nell’angolo in alto a destra, Honshu è la lunga isola che forma un arco che va da nord-est a sud-ovest, Shikoku si può riconoscere proprio sotto la parte più meridionale di Honshu, ed infine Kyushu è in fondo.

Il territorio complessivo di Honshu costituisce approssimativamente i 4/5 del territorio totale del Giappone. Le sue principale aree urbane di Tokyo, Nagoya ed Osaka sono visibili chiaramente nell’immagine. La vasta area grigia nel settore est dell’isola , vicino alla costa, è Tokyo, mentre le aree più piccole - sempre di colore grigio - sono quelle attorno a Nagoya ed Osaka.

Honshu inoltre è sede del più grande rilievo montuoso della nazione, il Monte Fuji. Si tratta di un vulcano che si trova nello stato dormiente a partire dalla sua ultima eruzione nel 1707 e che sorge a circa 100 km a sud-ovest di Tokyo: la copertura nevosa della sua sommità può essere individuata come un piccolo puntino bianco.

Il Mar del Giappone (anche chiamato Mare dell’Est e visibile ad ovest dell’arcipelago) separa il paese dalla costa orientale dell’Asia. Le acque color turchese che circondano l’isola di Hokkaido si possono osservare bene nella parte alta dell’immagine, mentre le acque sulla destra si mostrano di una tonalità argentea a causa del fenomeno del ‘sunglint’ – un effetto ottico causato dalla riflessione a specchio della luce solare sulla superficie dell’acqua nella direzione del sensore del satellite.

Sentinel -3 è una missione composta da due satelliti che ha il compito di fornire la copertura e la distribuzione di dati richiesti dal programma di monitoraggio ambientale europeo Copernicus. Il carico strumentale di ogni satellite include un sensore ottico per il monitoraggio dei cambiamenti del colore della superficie terrestre.

Può essere impiegato – ad esempio – per il controllo della biologia oceanica e della qualità delle acque.


Scarica immagine MediumRes (1,14 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (81,53 MB - .TIF)

 

---

 

Japanese archipelago

 

The Copernicus Sentinel-3 mission takes us over the Japanese archipelago – a string of islands that extends about 3000 km into the western Pacific Ocean.

While the archipelago is made up of over 6000 islands, this image focuses on Japan's four main islands. Running from north to south, Hokkaido is visible in the top right corner, Honshu is the long island stretching in a northeast–southwest arc, Shikoku can be seen just beneath the lower part of Honshu, and Kyushu is at the bottom.

Honshu’s land mass comprises approximately four-fifths of Japan’s total area. Honshu’s main urban areas of Tokyo, Nagoya, and Osaka are clearly visible in the image. The large grey area in the east of the island, near the coast, is Tokyo, while the smaller areas depicted in grey are the areas around Nagoya and Osaka.

Honshu is also home to the country’s largest mountain, Mount Fuji. A volcano that has been dormant since it erupted in 1707, Mount Fuji is around 100 km southwest of Tokyo and its snow covered summit can be seen as a small white dot.

The Sea of Japan, also referred to as the East Sea, (visible to the west of the archipelago) separates the country from the east coast of Asia. The turquoise waters surrounding the island of Hokkaido can be seen at the top of the image, while the waters in the right of the image have a silvery hue because of sunglint – an optical effect caused by the mirror-like reflection of sunlight from the water surface back to the satellite sensor.

Sentinel-3 is a two-satellite mission to supply the coverage and data delivery needed for Europe’s Copernicus environmental monitoring programme. Each satellite’s instrument package includes an optical sensor to monitor changes in the colour of Earth’s surfaces.

It can be used, for example, to monitor ocean biology and water quality.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Japanese archipelago". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kfhwh

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

arcgis fotogrammetria storytelling uso del suolo sentinel monitoraggio satelitare geofisica nuvole di punti copernicus geologia qgis flytop asi mobilita lidar realta aumentata oceanografia uav terremoto codevintec sicurezza FOIF laser scanner stazione totale misurazione topografia osservazione dell'universo galileo rilievo 3d energia Here dati osservazione della terra reti tecnologiche esa big data drone monitoraggio modellazione 3d gps geolocalizzazione satelliti sinergis telerilevamento intelligenza artificiale openstreetmap eGEOS archeologia urbanistica hexagon CAD 3D utility microgeo geomax sar smart mobility mappe droni terremoti open source app top GTER rndt smartphone cartografia esri italia topcon cnr cantiere ict meteorologia terra e spazio ingv leica GNSS Bentley Epsilon Italia INSPIRE Harris posizionamento satellitare tecnologie avanzate technologyforall INTERGEO apr geospatial asita beni culturali top world dissesto idrogeologico ricevitori geodesia digital geography smart city teorema planetek GIS dati geografici tecnologia Toponomastica autocad rischio terrelogiche 3DTarget coste pianificazione BIM rilievo Stonex progettazione termografia remote sensing spazio metadati autonomous vehicle ortofoto ISPRA internet of things ambiente mobile mapping servizi gestione emergenze open geo data trasporti formazione esri mare sensore territorio geoportale open data catasto scansione 3D leica geosystems aerofotogrammetria realtà virtuale catasto europeo interferometria faro agricoltura autodesk protezione civile trimble cosmo skymed webGIS scienze della terra in cantiere geomatica infrastrutture
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps