itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Area del Mato Grosso (Brasile)

ESA - Immagine della settimana: Mato Grosso (08 dicembre 2019)

La missione Copernicus Sentinel-1 ci porta sulla verticale di una parte dello stato brasiliano del Mato Grosso, nel profondo entroterra dell’Amazzonia. L’immagine combina tre acquisizioni di immagini radar eseguite separatamente dalla missione Sentinel-1 nell’arco di circa due anni, con lo scopo di evidenziare i cambiamenti nel tempo delle coltivazioni e della copertura del suolo.

Diversamente dalle immagini ottenute da satelliti con a bordo strumenti ottici o di tipo fotocamera, le acquisizioni effettuate con radar per immagini vengono interpretate attraverso lo studio dell’intensità del segnale radar riflesso, che risulta in relazione con la rugosità della superficie.

Qui la prima immagine –risalente al 2 maggio 2015 – è stata acquisita con una colorazione blu, la seconda – del 16 marzo 2017 – mostra i cambiamenti avvenuti in verde, mentre la terza – del 18 marzo 2019 – si mostra di colore rosso. Le aree in grigio evidenziano cambiamenti di piccola entità o addirittura assenti tra il 2015 ed il 2019.

Ironicamente, Mato Grosso significa ‘grande boschi’, ma - come segnalano le forme rettangolari colorate - molta parte della foresta tropicale è stata eliminata e sostituita da appezzamenti agricoli. Questa immagine mostra solo una piccola area, ma il Mato Grosso è tra gli stati del Brasile che risultano maggiori produttori di agricoltura ed allevamento , con mais, soia e grano come principali coltivazioni.

In ogni caso, sebbene lo stato annoveri uno dei più alti tassi di deforestazione della Amazzonia brasiliana, la deforestazione sta rallentando ed il Mato Grosso è oggi ritenuto un leader globale nelle iniziative di contrasto al cambiamento climatico.

In qualità di missione radar molto avanzata, Copernicus Sentinel-1 può produrre immagini della superficie della Terra nonostante la presenza di coperture nuvolose o pioggia ed indipendentemente dal fatto che sia notte o giorno.

Questa particolarità la rende ideale per il monitoraggio di aree che tendono ad essere coperte da nuvole, come accade proprio nel caso delle foreste pluviali.

Scarica immagine MediumRes (4,53 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (207,18 MB - .TIF)

 

---

 

Mato Grosso

The Copernicus Sentinel-1 mission takes us over part of the Brazilian state of Mato Grosso deep in the Amazon interior.

This image combines three separate radar images from the Copernicus Sentinel-1 mission taken about two years apart to show change in crops and land cover over time.

Unlike images from satellites carrying optical or ‘camera-like’ instruments, images acquired with imaging radar are interpreted by studying the intensity of the backscatter radar signal, which is related to the roughness of the ground.

Here, the first image, from 2 May 2015, is picked out in blue; the second, from 16 March 2017, picks out changes in green; and the third from 18 March 2019 in red; areas in grey depict little or no change between 2015 and 2019.

Ironically, Mato Grosso means ‘great woods’, but, as these coloured rectangular shapes portray, much of the tropical forest has been cut down and given over to farming. While this image only shows a small area, Mato Grosso is one of Brazil’s top cattle-producing and crop-producing states, with the main crops including corn, soya and wheat.

However, although the state has one of the highest historical rates of deforestation in Amazonian Brazil, deforestation is slowing and Mato Grosso is now said to be a global leader in climate-change solutions.

As an advanced radar mission, Copernicus Sentinel-1 can image the surface of Earth through cloud and rain and regardless of whether it is day or night.

This makes it ideal for monitoring areas that tend to be covered by cloud such as rainforests.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Mato Grosso". Traduzione: Gianluca Pititto)

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kf4hc

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

topcon rilievo monitoraggio sensore terremoto pianificazione topografia asi beni culturali geomatica ingv utility archeologia CAD cantiere app webGIS osservazione dell'universo qgis autonomous vehicle oceanografia territorio terrelogiche ISPRA openstreetmap mappe Stonex big data microgeo aerofotogrammetria laser scanner INSPIRE mobilita GNSS ricevitori meteorologia smart city esri italia mobile mapping telespazio telerilevamento Toponomastica geologia Harris gestione emergenze sicurezza fotogrammetria osservazione della terra ambiente 3DTarget cosmo skymed termografia teorema open source energia sentinel galileo hexagon coste sar cnr arcgis autodesk faro flytop apr formazione ict scansione 3D sinergis open data modellazione 3d reti tecnologiche rilievo 3d scienze della terra ortofoto realta aumentata interferometria servizi realtà virtuale eGEOS top terremoti esa slam intelligenza artificiale rischio mare spazio nuvole di punti trimble trasporti dissesto idrogeologico technologyforall leica geosystems geofisica agricoltura geodesia remote sensing tecnologie avanzate storytelling urbanistica open geo data FOIF uav esri dati tecnologia terra e spazio planetek infrastrutture cartografia copernicus 3D BIM autocad uso del suolo Epsilon Italia GTER catasto europeo droni in cantiere rndt misurazione geoportale INTERGEO geospatial smartphone geolocalizzazione monitoraggio satelitare catasto digital geography smart mobility leica protezione civile progettazione internet of things geomax metadati Bentley posizionamento satellitare gps lidar satelliti dati geografici GIS codevintec asita drone stazione totale
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy