27 novembre 2020 Roma, Seminario SIGEA "Analisi ed effetti del cambiamento climatico in ambiente mediterraneo"

Scaduto
Stampa

 

L’Associazione culturale e scientifica Sigea (Società Italiana di Geologia Ambientale), riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente con D.M. 24 maggio 2007, nell’intento di promuovere la cultura della previsione, della prevenzione e della mitigazione dei rischi climatici in Italia, organizza un seminario dal titolo “Analisi ed effetti del cambiamento climatico in ambiente mediterraneo”. Come si evince dall’ultimo rapporto dell’International Panel on Climate Change (IPCC), in virtu’ delle sue caratteristiche morfo-geografiche s.l., il bacino mediterraneo si individua come un “hotspot” a livello globale, secondo solamente alle aree subartiche dell’emisfero boreale. Il cambiamento climatico sta modificando la nostra economia, la nostra salute e le società in cui viviamo.

Gli scienziati avvertono che se non rallentiamo efficacemente tale cambiamento, le conseguenze saranno drammatiche con particolare riferimento ai settori del dissesto geo-idrologico s.l., della disponibilità di acqua e della sua qualità in relazione alla salute umana, delle attività agro-industriali, commerciali e turistiche e infine della biodiversità.
Il seminario, indirizzato ai tecnici e ai ricercatori (geologi, ingegneri, architetti, agronomi, forestali) interessati alla problematica degli aspetti applicativi legati al cambiamento climatico, desidera coinvolgere le istituzioni, gli Enti pubblici e gli Enti di ricerca più impegnati nella previsione, prevenzione, monitoraggio e adattamento agli effetti del cambiamento climatico. Esso vuole affrontare in una chiave integrata e attuale i vari aspetti associati agli appena citate problematiche e ai rischi derivanti, focalizzando l’attenzione sugli interventi strutturali per ridurre la vulnerabilità dei beni esposti (e di conseguenza il rischio geo-idrologico) e sulla gestione dell’emergenza s.l..

Particolare attenzione sarà rivolta altresì agli interventi non strutturali necessari a sviluppare una consapevolezza utile alla sostenibilità dello sviluppo, alla tutela del patrimonio naturale e culturale, alla diffusione di un turismo sostenibile e alla salvaguardia della salute del cittadino.

RICHIESTA DI MEMORIE 
Potranno essere proposte memorie scientifiche relative alle seguenti sessioni:
· Dissesto geo-idrologico (alluvioni, allagamenti urbani, frane, erosione costiera);
· Agricoltura, selvicoltura e zootecnia;
· Quantità e qualità dell’acqua, salute e qualità della vita;
· Patrimonio naturale e culturale, economia e turismo.

SCADENZE
I contributi (massimo 10 pagine comprese tabelle e figure) dovranno essere inviati entro il 15 settembre 2020 all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. seguendo le norme per gli autori reperibili sul sito http://www.sigeaweb.it/documenti/istruzioni-rivista.pdf.
Il programma dell’evento sarà pubblicato entro il 15 ottobre 2020. Gli Atti del Seminario (presentazioni a invito e memorie accettate) saranno pubblicati come supplemento in formato digitale della rivista della Sigea: “Geologia dell’Ambiente”.

Organizzato dalla Società Italiana di Geologia Ambientale (Sigea)

Sarà proposta la co-organizzazione con gli ordini professionali e il riconoscimento dei crediti formativi

Comitato promotore
Sigea: Antonello Fiore, Enrico Gennari, Lorenzo Cadrobbi, Michele Orifici, Marco Gennari
Pontificia Università Antonianum: Paolo Cancelli, Giuseppe Buffon
ASviS: Ottavia Ortolani, Giulio lo Iacono
Alta Scuola: Endro Martini

 

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche