itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Piantagioni di palme da olio nel  Kalimantan orientale (Borneo)

ESA - Immagine della settimana: Piantagioni di palme da olio (21 luglio 2019)

La missione Copernicus Sentinel-2 ci trasporta al di sopra delle piantagioni di palme da olio che si trovano nel Kalimantan orientale, la parte indonesiana dell’isola del Borneo.

L’olio di palma è l’olio commestibile tropicale maggiormente prodotto al mondo. E’ utilizzato in una vasta gamma di prodotti – dai gelati al cioccolato, nei trucchi e nei saponi in campo cosmetico, finanche nel biocarburante.

Non si tratta solo di un prodotto versatile, infatti l’olio di palma proviene anche una coltura produttiva unica. Raccolto nel corso di tutto l’anno, le palme da olio producono olio fino a nove volte di più – per unità di area – delle altre più importanti colture oleose.

Per venire incontro alla domanda globale le piante per olio di palma sono coltivate in vaste piantagioni industriali, fatto che ha determinato l’abbattimento di interi acri di foresta pluviale. Tra il 1980 ed il 2014 la produzione globale di olio di palma è cresciuta da 4,5 milioni di tonnellate a 70 milioni di tonnellate e si stima che crescerà ulteriormente.

Lo stato dell’Indonesia è il più grande produttore di olio di palma, seguito dalla Malaysia. I due stati assieme producono circa 84% della produzione mondiale di questo tipo di olio.

Allo scopo di produrre olio in quantità sufficientemente grande per soddisfare la domanda i coltivatori procedono al disboscamento di vaste aree di foresta pluviale per far posto alle piantagioni di palma. Questa pratica porta alla perdita di habitat per specie animali quali – ad esempio – l’orangutan, che il WWF ha dichiarato in pericolo critico. Più in generale, la bruciatura delle foreste operata allo scopo di creare spazio per le coltivazioni risulta una della maggiori cause di emissione di gas serra.

In questa immagine, acquisita il 15 febbraio 2019, sono chiaramente visibili i vari stadi del processo di deforestazione: le chiazze verdi all’interno delle piantagioni sono coltivazioni per olio di palma ben consolidate, mentre le aree marrone chiaro mostrano i territori di recente raccolto. La lussureggiante foresta pluviale circostante appare di colore verde scuro.

Copernicus Sentinel-2 è una missione a due satelliti, utilizzati soprattutto per seguire i cambiamenti nelle modalità d’uso del suolo, ma anche per il monitoraggio dello stato di salute della vegetazione. Ogni satellite trasporta una camera da ripresa ad alta risoluzione, che fornisce immagini della superficie della Terra in 13 differenti bande spettrali.

Scarica immagine MediumRes (11,44 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (27,34 MB - .TIF)

 

---

 

Palm oil plantations

 

The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over palm oil plantations in East Kalimantan - the Indonesian part of the island Borneo.

Palm oil is the most widely-produced tropical edible oil. It’s used in a vast array of products – from ice cream and chocolates, to cosmetics such as make up and soap, to biofuel.

Not only is it versatile, palm oil is also a uniquely productive crop. Harvested all year-round, oil palm trees produce up to nine times more oil per unit area than other major oil crops.

To meet global demand, palm oil trees are grown on vast industrial plantations – leading to acres of rainforest being cut down. Between 1980 and 2014, global palm oil production increased from 4.5 million tonnes to 70 million tonnes, and is expected to increase.

Indonesia is the largest producer of palm oil, followed by Malaysia. Together they account for 84% of the world’s palm oil production.

To produce palm oil in large enough quantities to meet growing demand, farmers clear large areas of tropical rainforest to make room for palm plantations. This leads to a loss of habitat for species such as the orangutan – declared as critically endangered by the WWF. In general, burning forests to make room for the crop is also a major source of greenhouse gas emissions.

In this image, captured on 15 February 2019, the various stages of the deforestation process are clearly visible – the green patches in the plantations are the well-established palm oil farms, while the light brown patches show the newly-harvested land. The surrounding lush rainforest is visible in dark green.

Copernicus Sentinel-2 is a two-satellite mission, used mostly to track changes in the way land is being used, as well as monitoring the health of vegetation. Each satellite carries a high-resolution camera that images Earth’s surface in 13 spectral bands.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Palm oil plantations". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/krf3d

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

storytelling catasto europeo technologyforall ict topografia qgis ISPRA geoportale copernicus sentinel geodesia osservazione dell'universo leica infrastrutture dati geografici dissesto idrogeologico sinergis catasto scansione 3D satelliti mare nuvole di punti terra e spazio top world BIM cartografia geospatial posizionamento satellitare rilievo 3d in cantiere uso del suolo geolocalizzazione openstreetmap big data Harris GTER cosmo skymed ambiente coste galileo fotogrammetria pianificazione telerilevamento webGIS esri italia teorema FOIF geomatica geologia sicurezza misurazione GIS hexagon laser scanner geofisica smart mobility internet of things oceanografia terrelogiche 3D archeologia flytop interferometria utility osservazione della terra stazione totale open geo data trimble mobilita tecnologie avanzate INSPIRE GNSS planetek beni culturali realta aumentata rilievo dati modellazione 3d geomax urbanistica smart city meteorologia numerazione civica mappe app droni uav intelligenza artificiale asi autocad topcon rndt aerofotogrammetria cnr autodesk Bentley cantiere agricoltura trasporti termografia servizi tecnologia mobile mapping sar asita realtà virtuale gps ortofoto CAD monitoraggio satelitare scienze della terra sensore protezione civile eGEOS apr formazione Stonex open data monitoraggio esri lidar ricevitori faro top smartphone territorio reti tecnologiche spazio esa microgeo digital geography Here drone open source gestione emergenze progettazione 3DTarget metadati INTERGEO Toponomastica arcgis leica geosystems autonomous vehicle terremoti ingv terremoto codevintec rischio remote sensing energia
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy