itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Il monte Fuji (Giappone)

ESA - Immagine della settimana: Monte Fuji (14 luglio 2019)

La missione Copernicus Sentinel-2 ci porta sul Monte Fuji, la cima montuosa più alta del Giappone, che si eleva fino ad una quota di 3776 m. In questa immagine estiva la montagna appare coperta di candida neve bianca.

La montagna ricoperta di neve è spesso avvolta da nuvole e nebbia, ma questa immagine è stata acquisita in una giornata di piena visibilità dal satellite Sentinel-2A del programma europeo Copernicus, in volo 800 km al di sopra di esso.

Il monte Fuji sorge nei pressi della costa pacifica della centrale Honshu, a cavallo tra le prefetture Yamanashi and Shizuoka. In una giornata limpida la montagna può essere osservata sia da Yokohama sia da Tokyo – entrambe distanti circa 120 km in automobile.

Questo maestoso stratovulcano è formato tra 3 vulcani successivi. Generazioni di attività vulcanica lo hanno trasformato nel monte Fuji così come lo conosciamo oggi. Questa attività vulcanica è il risultato del processo geologico della tettonica a placche. Il monte Fuji è il prodotto della zona di subduzione che si trova a cavallo del Giappone, con la placca del Pacifico e la placca delle Filippine che vegono subdotte sotto la placca Euroasiatica.

L’ultima attività esplosiva si è avuta nel 1707 ed ha determinato la creazione del cratere Hoei – un apertura visibile sul versante sud-orientale della montagna - come anche il campo di cenere vulcanica che si può distinguere sul lato orientale.

Il monte Fuji costituisce un simbolo per il Giappone ed una destinazione turistica molto frequentata. Circa 300 000 persone salgono ogni anno la montagna e nell’immagine diverse code di escursionisti possono essere notate puntare in direzione della base della montagna. La città di Fujinomiya, visibile in basso a sinistra dell’immagine, è il tradizionale punto di partenza degli escursionisti. Molti campi da golf, sport molto popolare in Giappone, appaiono come punteggiatura tutt'intorno all’immagine.

Adorata come montagna sacra, il mote Fuji è di grande importanza culturale per la religione shintoista. I pellegrini hanno scalato la montagna per secoli e molti santuari e templi punteggiano il panorama attorno al vulcano.

Questa immagine è stata acquisita in data 8 maggio 2019.

 

Scarica immagine MediumRes (4,02 MB - .JPG)

Scarica immagine HighRes (17,51 MB - .TIF)

 

---

 

Mount Fuji

 

The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over Mount Fuji, Japan’s highest mountain standing at 3776 metres tall. In this spring image, the mountain can be seen coated in pure white snow.

This snow-capped mountain is often shrouded in cloud and fog, but this image was captured on a clear day, by the Copernicus Sentinel-2A satellite - flying 800 km above.

Mount Fuji is near the Pacific coast of central Honshu, straddling the prefectures of Yamanashi and Shizuoka. On a clear day, the mountain can be seen from Yokohama and Tokyo - both over 120 km drive away.

The majestic stratovolcano is a composite of three successive volcanoes. Generations of volcanic activity have turned it into the Mount Fuji as we know it today. This volcanic activity is a result of the geological process of plate tectonics. Mount Fuji is a product of the subduction zone that straddles Japan, with the Pacific Plate and the Philippine Plate being subducted under the Eurasian plate.

The last explosive activity occurred in 1707, creating the Hoei crater – a vent visible on the mountain’s southeast flank, as well as the volcanic ash field which can be seen on the east side.

Mount Fuji is a symbol of Japan, and a popular tourist destination. Around 300 000 people climb the mountain every year – and in the image several hiking trails can be seen leading to the base of the mountain. The city of Fujinomiya, visible in the bottom left of the image, is the traditional starting point for hikers. Many golf courses, a popular sport in Japan, can be seen dotted around the image.

Worshipped as a sacred mountain, Mount Fuji is of great cultural importance for the Shinto religion. Pilgrims have climbed the mountain for centuries and many shrines and temples dot the landscape surrounding the volcano.

This image was captured on 8 May 2019.

 

(Fonte: ESA - Image of the week: "Mount Fuji". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/krrrp

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

open geo data ricevitori digital geography gps 3D catasto europeo GTER misurazione ingv apr Here codevintec openstreetmap CAD geolocalizzazione spazio Toponomastica termografia monitoraggio INSPIRE geomax scansione 3D autocad formazione metadati mare leica uav dati geografici stazione totale storytelling rilievo intelligenza artificiale geologia tecnologia modellazione 3d telerilevamento sentinel Stonex esri italia laser scanner trasporti smartphone archeologia 3DTarget in cantiere numerazione civica protezione civile geoportale urbanistica trimble osservazione dell'universo arcgis rilievo 3d flytop esa cnr sensore Bentley cantiere nuvole di punti BIM sar satelliti energia sinergis terra e spazio FOIF topografia cartografia galileo pianificazione interferometria asi top infrastrutture catasto tecnologie avanzate realta aumentata qgis mobile mapping realtà virtuale terrelogiche asita geofisica open data ISPRA terremoti mappe leica geosystems uso del suolo hexagon dissesto idrogeologico cosmo skymed rischio oceanografia app meteorologia webGIS top world drone GIS reti tecnologiche progettazione utility eGEOS coste gestione emergenze smart city internet of things copernicus GNSS planetek lidar rndt droni geomatica terremoto fotogrammetria INTERGEO topcon remote sensing osservazione della terra ambiente mobilita faro ortofoto geospatial agricoltura monitoraggio satelitare ict teorema posizionamento satellitare technologyforall scienze della terra big data smart mobility territorio servizi beni culturali Harris dati microgeo aerofotogrammetria autodesk open source sicurezza geodesia autonomous vehicle esri
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy