itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Carmelo Sena, in ricordo di un precursore della fotogrammetria architettonica

E' morto all'età di 84 anni il 16 maggio scorso. Era nato a Pachino in provincia di Siracusa il 3 maggio 1935 ed aveva intrapreso negli anni '60 la carriera universitaria dedicandosi alla ricerca e portando importanti contributi alla conoscenza della fotogrammetria, specialmente nel campo della architettura monumentale, ove ha dettato le prime importanti considerazioni e testimonianze nell'epoca in cui la tradizione conservatrice dei suoi colleghi veniva superata dal forte impatto tecnologico portato dall'uso della fotogrammetria stereoscopica, che lui professava con numerosi esempi di rilievi mostrati in tutti i convegni a cui partecipava. 

Era ingegnere ed è stato professore ordinario nella prima facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino. Ufficiale del Genio Pionieri, è stato docente alla Scuola di Applicazione d’Arma e Studi Superiori dell’esercito per ufficiali di Torino. Sposato e padre di tre figlie, è stato autore di numerose pubblicazioni e testi scientifici, progettista di opere di Ingegneria civile, consulente di Enti pubblici italiani ed esteri.

Oltre ad essere professore ordinario di Topografia e Cartografia e direttore del Laboratorio di Fotogrammetria per i rilievi terrestri (LaFoRiTe), ha avuto ruoli di spicco nel Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo.
Il professor Ambrogio Maria Manzino e il gruppo di Geomatica lo ricordano per il suo contributo in materia di geodesia (la misura della base geodetica Torino Rivoli), di controlli di qualità su cartografia fotogrammetrica e di rilievi fotogrammetrici, che allora presentavano aspetti di ricerca innovativi.
Tra questi il rilievo del Pantheon ove per la prima volta si disegnò la cupola a curve di livello effettivamente rilevate, che denotavano le deformazioni rispetto alla geometria regolare; la statua del Marco Aurelio, ove io stesso ho avuto occasione di collaborare per la realizzazione della rete topografica di alta precisione realizzata nell'ex-Istituto di Geodesia e Topografia della Sapienza; i Cavalli di S. Marco a Venezia e molti altri esempi con risultati splendidi ma spesso avversati dai cultori del Rilievo che consideravano tali prodotti non conformi ai dettami del Disegno e Rilievo dell'epoca.
Ha avuto per questo molti avversari che però ben presto si convinsero della validità della tecnica fotogrammetrica per il rilievo architettonico, arrivando poi a professarla in quasi tutti i corsi di Disegno e Rilievo delle Facoltà di Architettura italiane. Per questo forse era, tra gli ingegneri, la persona più vicina al modo di pensare degli architetti rilevatori.
Nei corsi di Topografia e Cartografia era inoltre molto ben voluto dai suoi studenti che ancora lo ricordano come maestro ed educatore.
A me e agli altri che lo hanno seguito all'epoca, ha lasciato un insegnamento forte di chi sa bene quello che fa, dando spazio all'esperienza pratica maturata nel mettersi in discussione in prima persona, scendendo dalla cattedra.

Nel video in alto un video pubblicato dal prof. Antonio Daddabbo che lo ricorda al 4° Convegno Nazionale di Fotogrammetria Architettonica sul tema "L'ARCHITETTURA SACRA: utenza, documentazione e progettazione". 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kr6q3

Commenti  

# Arch.DANIELA SENA 2019-06-20 16:08
La ringrazio molto per il bellissimo articolo che conserveremo con vero piacere in famiglia.
Rispondi
# RE: Arch.Renzo Carlucci 2019-06-21 09:31
Una ulteriore citazione è nell'editoriale di Francesca Salvemini ove in chiusura cita il rilievo stereofotogramm etrico di Marco Aurelio su Archeomatica numero 1-2019 disponibile per la lettura online anche qui https://www.yumpu.com/it/document/view/62705619/archeomatica-1-2019#
Rispondi

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

rndt servizi flytop rilievo aerofotogrammetria faro osservazione dell'universo qgis Stonex drone mappe arcgis geomatica beni culturali dissesto idrogeologico cnr ricevitori big data openstreetmap Epsilon Italia posizionamento satellitare nuvole di punti microgeo progettazione formazione geoportale storytelling open data in cantiere mobilita scienze della terra meteorologia apr dati geografici urbanistica sicurezza telerilevamento utility GTER remote sensing rischio uso del suolo Toponomastica dati geomax laser scanner eGEOS Bentley autodesk BIM top world osservazione della terra ambiente GNSS sinergis energia galileo open geo data smartphone realta aumentata internet of things catasto europeo archeologia numerazione civica intelligenza artificiale Harris geofisica oceanografia geolocalizzazione FOIF 3D tecnologie avanzate sar geospatial technologyforall interferometria topcon esri agricoltura autocad mobile mapping esri italia territorio spazio satelliti codevintec ISPRA infrastrutture cartografia teorema catasto ingv pianificazione misurazione gestione emergenze esa smart mobility rilievo 3d scansione 3D coste fotogrammetria trimble CAD geodesia uav ict terrelogiche INSPIRE mare realtà virtuale autonomous vehicle GIS hexagon trasporti top planetek stazione totale leica sensore metadati cantiere monitoraggio cosmo skymed asita terremoto INTERGEO 3DTarget ortofoto terremoti smart city modellazione 3d gps protezione civile copernicus webGIS monitoraggio satelitare digital geography leica geosystems lidar tecnologia droni sentinel terra e spazio app asi geologia reti tecnologiche termografia open source topografia
VidaLaser
intergeo
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy