itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Zone umide del fiume Uruguay

ESA - Immagine della settimana: Zone umide del fiume Uruguay (13 gennaio 2019)

Il satellite Sentinel-2B del programma europeo Copernicus ci porta al di sopra del tratto più basso del fiume Uruguay, ricco di sedimenti e di colorazione marrone. In questa sua parte il fiume traccia il confine tra Argentina ed Uruguay e qui si trovano le zone umide delle Esteros de Farrapos e Islas del fiume Uruguay.

Le Esteros sono formate da lagune, paludi e da 24 isolotti e costituiscono un rifugio per numerose forme di vita selvaggia: sono protette come parco naturale ed incluse nella lista delle Zone Umide di Importanza Internazionale in base alla Convenzione di Ramsar.

In questo sistema di zone umide vivono 130 specie di pesci, 14 specie di anfibi, 104 specie di uccelli – circa un quarto di di tutti gli uccelli che vivono in Urugyuay- e 15 specie di mammiferi, tra cui il Lupo dalla Criniera, la più grande specie di canide (simile al cane) del Sud America.

Attrazione turistica e via di comunicazione su acqua, le Esteros giocano anche un ruolo importante nella regolazione dei livelli delle inondazioni, nel preservare la qualità dell’acqua ed anche nella protezione dall’erosione delle sponde del fiume Uruguay.

In basso a sinistra nell'immagine è visibile la città argentina di Gualeguaychú, con le sue strutture edili cha appaiono di colore grigio-bianco. Lungo la sponda orientale del fiume Uruguay sorge la città uruguaiana di Fray Bentos, importante porto nazionale, molto famoso per un’azienda che un tempo esportava carne in scatola in tutto il mondo. Attualmente non più attivo il tentacolare complesso industriale è divenuto Sito del Patrimonio Mondiale UNESCO.

L’area di colore verde scuro ad est delle Esteros è dedicato alla forestazione, un'industria importante per la regione. Una cartiera di cellulosa si trova proprio vicino a Fray Bentos.

Sentinel-2 è una missione a due satellite che ha l’obiettivo di fornire la copertura e la distribuzione di dati richiesta dal programma europeo di monitoraggio ambientale Copernicus. Il principale strumento a bordo della missione utilizza 13 bande spettrali ed è progettato per fornire immagini che possono essere utilizzate per distinguere differenti tipi di vegetazione e monitorare la crescita delle piante.

Questa immagine è stata acquisita il 17 agosto 2018.

 

Scarica Immagine MediumRes (8,67 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes (274,69 MB - .TIF)

 

---

 

Uruguay River wetlands

 

The Copernicus Sentinel-2B satellite takes us along the lower reaches of the brown, sediment-rich Uruguay River. Here, the river forms the border between Argentina and Uruguay and is the site of the Esteros de Farrapos e Islas del Río Uruguay wetlands.

Composed of lagoons, swamps and 24 islets, the Esteros are a haven for wildlife, protected as a national park and included on the List of Wetlands of International Importance of the Ramsar Convention.

This wetland system is home to 130 species of fish, 14 species of amphibian, 104 species of bird – a quarter of all birds found in Uruguay – and 15 species of mammal, including the maned wolf, the largest canid (meaning dog-like) species in South America.

A tourist attraction and a waterway for transport, the Esteros also play an important role in regulating flood levels and maintaining water quality, as well as safeguarding the banks of the Uruguay River from erosion.

Visible to the lower left – its built structures shown in grey-white – is the Argentinian town of Gualeguaychú. On the eastern shore of the Uruguay River is the Uruguayan city of Fray Bentos, an important national harbour, famous for a plant that once exported corned beef around the world. Now inactive, this sprawling industrial complex has become a World Heritage Site .

The dark green area to the east of the Esteros is devoted to forestry, an important industry for the region. A pulp mill is located close to Fray Bentos.

Sentinel-2 is a two-satellite mission to supply the coverage and data delivery needed for Europe’s Copernicus environmental monitoring programme. The mission’s main instrument has 13 spectral bands, and is designed to provide images that can be used to distinguish different types of vegetation and monitor plant growth.

This image was acquired on 17 August 2018.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Uruguay River wetlands". Traduzione: Gianluca Pititto)

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

sar posizionamento satellitare laser scanner 3DTarget Toponomastica technologyforall monitoraggio satelitare CAD satelliti esri terremoti geofisica modellazione 3d geomax app esri italia topcon GTER gps terrelogiche eGEOS osservazione dell'universo ortofoto sensore drone sinergis topografia INTERGEO energia top world uav smartphone pianificazione oceanografia dati geografici cnr trasporti sentinel realtà virtuale internet of things faro rilievo 3d apr rndt dati asi monitoraggio storytelling hexagon scansione 3D droni esa urbanistica aerofotogrammetria geodesia asita osservazione della terra autodesk tecnologia ict cartografia coste spazio open source copernicus reti tecnologiche smart city rischio ricevitori termografia webGIS intelligenza artificiale rilievo BIM tecnologie avanzate geospatial servizi misurazione ISPRA agricoltura metadati open data nuvole di punti gestione emergenze leica geosystems flytop utility top geolocalizzazione terra e spazio progettazione formazione protezione civile catasto europeo planetek mare uso del suolo GIS terremoto in cantiere Bentley beni culturali cosmo skymed Stonex GNSS qgis INSPIRE mobile mapping digital geography open geo data teorema big data remote sensing 3D fotogrammetria sicurezza mappe realta aumentata telerilevamento Epsilon Italia infrastrutture openstreetmap mobilita stazione totale ingv smart mobility telespazio arcgis geomatica autocad lidar FOIF archeologia leica codevintec geologia Harris autonomous vehicle interferometria galileo geoportale scienze della terra territorio trimble cantiere ambiente dissesto idrogeologico microgeo catasto meteorologia
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy