itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Time shift in miliardesimi di secondo.  L'eccentricità relativistica dei satelliti Galileo 5 e 6 raggiunge un'ampiezza di picco di circa 370 nanosecondi (miliardesimi di secondo), guidata dall'altitudine mutevole, e quindi dai livelli di gravità, delle loro orbite ellittiche attorno alla Terra.

I satelliti Galileo dimostrano la Teoria della Relatività di Einstein con la massima precisione

La prestigiosa rivista Physical Review Letters ha recentemente pubblicato i risultati indipendenti ottenuti con osservazioni per oltre un migliaio di giorni di dati ottenuti dalla coppia di satelliti Galileo in orbite allungate.

Il sistema di navigazione satellitare Galileo in Europa - già al servizio degli utenti di tutto il mondo - ha fornito un servizio storico alla comunità dei fisici di tutto il mondo, consentendo la misurazione più accurata mai fatta di come gli spostamenti della gravità alterano il passare del tempo, un elemento chiave della teoria della relatività generale di Einstein.

Questi risultati sono il felice esito di un incidente infelice: nel 2014 i satelliti Galileo 5 e 6 rimasero in orbite scorrette per un malfunzionamento del lanciatore Soyuz, bloccandone l'uso per la navigazione. I controllori di volo dell'ESA entrarono in azione, eseguendo un audace salvataggio nello spazio per cambiare le orbite dei satelliti e renderle più circolari. I due satelliti sono oggi in uso come parte dei servizi di ricerca e soccorso di Galileo mentre la loro integrazione come parte delle operazioni nominali di Galileo è attualmente in fase di valutazione finale da parte dell'ESA e della Commissione Europea.

Tuttavia le loro orbite sono rimaste ellittiche, con ogni satellite che sale e scende di circa 8500 km due volte al giorno. Sono stati questi cambiamenti di altezza regolari, e quindi i livelli di gravità, che hanno reso i satelliti così preziosi per i gruppi di ricerca.

Albert Einstein aveva predetto un secolo fa che il tempo sarebbe passato più lentamente vicino a un oggetto enorme, una scoperta che è stata verificata sperimentalmente diverse volte. Già nel 1976 fu lanciato un orologio atomico maser su un razzo suborbitale a 10.000 km nello spazio, confermando la previsione di Einstein entro 140 parti per milione.

Proprio per questo gli orologi atomici a bordo dei satelliti di navigazione per il posizionamento già tengono conto del fatto che il tempo corre più velocemente in orbita che sulla Terra, correggendo di pochi decimi di microsecondo al giorno. Se non ci fosse questa correzione si avrebbero errori di navigazione di circa 10 km al giorno.

I team di scienziati che hanno condotto lo studio hanno fatto affidamento sul cronometraggio stabile degli orologi a idrogeno a bordo di ogni satellite Galileo, che hanno un errore di un secondo ogni tre milioni di anni.

Una sfida chiave in tre anni di lavoro è stata quella di affinare le misure gravitazionali eliminando gli effetti sistematici come l'errore degli orologi e la deriva orbitale dovuta a fattori come il rigonfiamento equatoriale della Terra, l'influenza del campo magnetico terrestre, le variazioni di temperatura e persino la sottile ma persistente spinta della luce solare stessa, nota come "pressione della radiazione solare".

 

Vedi l'articolo pubblicato su  Physical Review Letters .

L'articolo originale è pubblicato su: http://www.esa.int/Our_Activities/Navigation/Galileo_satellites_prove_Einstein_s_Relativity_Theory_to_highest_accuracy_yet 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4w6c

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

cartografia scienze della terra asi meteorologia autodesk galileo eGEOS lidar digital geography catasto europeo beni culturali mobilita oceanografia fotogrammetria topografia smartphone agricoltura esri terra e spazio terremoto geomax terrelogiche progettazione Bentley Systems rndt rilievo 3d mappe rilievo coste energia ortofoto smart city interferometria topcon GIS technologyforall leica geosystems Toponomastica menci e-geos big data microgeo smart mobility spazio reti tecnologiche open source Artificial Intelligence geologia asita Bentley posizionamento satellitare multispettrale realta aumentata social media openstreetmap dati geografici monitoraggio geofisica ambiente servizi pianificazione misurazione cnr open data SIFET esa flytop trasporti cosmo skymed CAD GNSS BIM cantiere FOIF sentinel apr top archeologia top story gps territorio geomatica telerilevamento trimble beidou codevintec aerofotogrammetria geospatial sar autocad modellazione 3d in cantiere sicurezza mare sensore faro laser scanner geoportale geodesia internet of things planetek osservazione dell'universo utility remote sensing Harris open geo data Epsilon Italia sinergis ISPRA realtà virtuale flyr catasto geolocalizzazione metadati osservazione della terra MapInfo scansione 3D INSPIRE ict dati esri italia OGC teorema droni Here nuvole di punti urbanistica dissesto idrogeologico cloud Septentrio mobile mapping hexagon 3D termografia uso del suolo ingv landsat storytelling tecnologia arcgis protezione civile webGIS app copernicus qgis satelliti Stonex uav INTERGEO infrastrutture
Geofly Spark
Geofly Spark
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps