itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Mappa delle pianure costiere soggette a inondazioni marine nella regione mediterranea. In blu sono evidenziate le pianure costiere con altezza inferiore a 2 m sul livello del mare.

Concluso il progetto SAVEMEDCOASTS con conferenza finale all’INGV

Si è svolta, presso la sede di Roma dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), la conferenza finale del progetto SAVEMEDCOASTS – “Sea level rise scenarios along the Mediterranean coasts – Scenari di aumento del livello marino lungo le coste del Mediterraneo”, finanziato dalla Direzione Generale per la Protezione Civile e gli Aiuti Umanitari dell’Unione Europea (DG-ECHO) per il 2017-2018.

All’appuntamento, importante occasione per un punto della situazione e uno scambio di informazioni sulla valutazione dei rischi costieri causati dall’innalzamento del livello marino, hanno partecipato Augusto Neri, direttore del Dipartimento Vulcani dell’INGV, i partner del progetto,  AUTH – Università Aristotele di Salonicco, CGIAM -  Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo, CMCC - Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, gli stakeholder (ISOTECH – Environmental Research and Consultancy, Cipro; PEDIN – Regional Union of Municipalities of Ionian Islands, Grecia) e la stampa.

“Alla giornata” sottolinea Marco Anzidei, primo ricercatore INGV e coordinatore del progetto, “ha partecipato anche l’officer della DG-ECHO, Dr. Liassides Panayiotis, che ha apprezzato le attività e i risultati ottenuti, nello spirito di servizio per le popolazioni costiere del Mediterraneo”.

Obiettivo dell’incontro è stato presentare lo stato dell’arte del progetto. In particolare, le motivazioni scientifiche e le fasi principali di SAVEMEDCOASTS che seguono le linee guida internazionali per la gestione integrata della fascia costiera e delle popolazioni residenti, le proiezioni di aumento del livello del mare lungo le coste mediterranee fino al 2100, le valutazioni degli impatti socio-economici dovuti alle inondazioni attese e legate ai cambiamenti climatici (utili all’adozione di misure di prevenzione e di mitigazione del fenomeno) e alcuni casi di studio sugli scenari attesi di inondazione costiera in Italia, Grecia, Francia ed Egitto, dovuti anche a tempeste e tsunami.

“Sulla base degli scenari climatici dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change)e dei dati geospaziali analizzati da SAVEMEDCOASTS e condivisi attraverso un Web-GIS accessibile dal sito Web del progetto, sono state realizzate, inoltre, delle mappe ad alta risoluzione in grado di descrivere gli scenari attesi per aree specifiche che includono anche siti censiti dall’UNESCO”, conclude Marco Anzidei.

#ingv #savemedcoasts #mediterraneo #innalzamentodelmare #mitigazionedelrischio

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wf6

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

cartografia scansione 3D microgeo gps meteorologia internet of things rilievo fotogrammetria Toponomastica openstreetmap mobilita eGEOS oceanografia servizi technologyforall galileo modellazione 3d formazione sicurezza sensore Epsilon Italia aerofotogrammetria mobile mapping energia sentinel geomatica asi codevintec Bentley SIFET catasto trimble smart mobility autonomous vehicle utility uav mare GIS esa agricoltura open geo data cosmo skymed beni culturali ingv copernicus tecnologia CAD sinergis nuvole di punti OGC geologia esri italia tecnologie avanzate ict qgis geofisica autocad FOIF geodesia terremoto uso del suolo arcgis top world pianificazione autodesk satelliti trasporti geoportale spazio mappe gestione emergenze infrastrutture laser scanner coste lidar urbanistica Stonex scienze della terra top osservazione dell'universo leica geosystems terremoti cantiere interferometria termografia posizionamento satellitare teorema esri cnr remote sensing ortofoto BIM faro archeologia 3D terrelogiche asita storytelling metadati planetek Harris protezione civile apr catasto europeo topografia flytop big data smart city terra e spazio misurazione telerilevamento GTER geomax realtà virtuale rilievo 3d rndt rischio progettazione app smartphone stazione totale geolocalizzazione digital geography dati reti tecnologiche realta aumentata geospatial monitoraggio webGIS topcon osservazione della terra intelligenza artificiale Here droni INSPIRE GNSS ambiente dati geografici open data in cantiere ricevitori dissesto idrogeologico sar INTERGEO monitoraggio satelitare ISPRA hexagon territorio open source leica
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps