itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

GNSS per SMART CITY con Copernicus

Tra i progetti finalisti alla University Challenge del Galileo Masters 2018 spicca quello di Filippo Iodice che mira ad utilizzare i segnali GNSS non solo per il posizionamento utilizzando dati Copernicus nelle Smart City.

Questo progetto applica i segnali GNSS non solo per il posizionamento, ma anche come uno strumento passivo di rilevamento a distanza che utilizza le antenne presenti in tutte le nostre città come hotspot. Utilizzando i dati della missione Copernicus, sarà possibile ricostruire una città da diverse angolazioni. I dati del segnale saranno ottenuti da dispositivi cellulari e macchine a guida automatica.

Ogni singolo utente potrà avere informazioni in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi area del mondo. Grazie all'uso di machine learning, deep learning e reti neurali, il progetto non farà altro che creare una sorta di mondo virtuale in grado di percepire qualsiasi cambiamento nel mondo reale.
I satelliti GNSS trasmettono costantemente segnali radio a terra e parte di questi segnali viene riflessa dalla superficie terrestre. Il ritardo dei segnali riflessi del GNSS riflesso sui percorsi differenziali tra i segnali diretti e riflessi fornirà le informazioni topografiche.

 

Gli altri progetti finalisti della edizione 2018 sono:

Femtosatelliti per determinare la densità termosferica
di Jordi L. Gutiérrez, Carlos Lledó Ardila, Pilar Gil-Pons

La conoscenza della densità della bassa termosfera (100-250 km) è scarsa a causa della scarsità di satelliti in questo strato. Apprendere di più sulla termosfera migliorerebbe la capacità di prevedere il rientro dei satelliti e ottimizzare i relativi modelli fisici, insieme alla comprensione della relazione della termosfera con la ionosfera e la mesosfera.
L'idea propone uno sciame di femtosatelliti sferici (meno di 100 g di massa) per determinare la densità della termosfera inferiore mediante un accelerometro MEMS a bassissimo rumore. I tempi e le posizioni saranno forniti da un ricevitore GNSS MEMS, che sarà anche un sistema di backup per determinare la densità mediante l'analisi dell'evoluzione orbitale. Inoltre, la soluzione include TLE (set di elementi a due righe) affinché i satelliti forniscano un altro mezzo per adempiere alla sua missione. Negli ultimi due casi, la densità sarà una media dei valori reali (punto), che possono essere determinati solo dall'accelerometro.
La forma sferica consentirà l'uso satelliti non stabilizzati, poiché il coefficiente di resistenza non dipenderà dalla posizione. L'elettronica sarà incorporata nell'aerogel per aumentare sostanzialmente il coefficiente balistico.

 

StarSpot: osservare le stelle per tutti!
di Ivan Levkivskyi, Vladyslava Horban, Rafal Stencel, Jens Rasschaert

StarSpot è un'app mobile che semplifica lo starwatching automatizzando il processo di ricerca del posto giusto. La sua caratteristica principale è che raccoglie tutti i dati necessari (come il livello di inquinamento luminoso e la nuvolosità) per stimare i posti migliori mentre si utilizza GNSS per localizzare gli utenti e guidarli lì. StarSpot ha forti legami con l'educazione e la divulgazione dell'astronomia nella  popolazione. Affronta il problema che le persone hanno nel trovare un sito sufficientemente buio per l'osservazione del cielo. Difficoltà come queste fanno perdere interesse ai principianti nell'astronomia.
Invece di perdere tempo con le mappe, i principianti possono utilizzare StarSpot e ottenere un elenco dei migliori spot. Poiché diversi oggetti celesti possono essere visti a diversi livelli di inquinamento luminoso, gli utenti saranno in grado di impostare criteri come il livello di inquinamento luminoso e la distanza. Soprattutto, StarSpot consentirà di valutare e aggiungere spot e utilizzare crowdsourcing per indicare quelli che sono adatti per le persone con disabilità. Non è richiesta alcuna esperienza precedente. L'app può essere utilizzata da astronomi dilettanti e istituti scolastici e potrebbe attrarre altri utenti di smartphone che non fanno ancora parte della comunità di osservazione delle immagini. 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4w83

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

terremoti ISPRA flytop realta aumentata lidar cartografia stazione totale top world energia fotogrammetria CAD openstreetmap metadati in cantiere INSPIRE gps leica teorema mare Bentley laser scanner beidou open source dissesto idrogeologico sentinel FOIF smart city osservazione della terra geologia utility terra e spazio geomatica INTERGEO esri rndt interferometria coste terrelogiche trasporti Harris faro realtà virtuale aerofotogrammetria asi servizi nuvole di punti Epsilon Italia progettazione geomax internet of things topcon topografia big data tecnologie avanzate tecnologia smartphone archeologia ingv autodesk territorio scansione 3D GNSS satelliti rischio spazio storytelling rilievo 3d dati geografici ricevitori osservazione dell'universo autocad microgeo esri italia sar top Here app monitoraggio satelitare arcgis cosmo skymed 3D scienze della terra mobile mapping cantiere protezione civile smart mobility posizionamento satellitare beni culturali infrastrutture oceanografia SIFET uso del suolo codevintec apr open geo data planetek agricoltura modellazione 3d BIM remote sensing technologyforall geolocalizzazione geofisica pianificazione autonomous vehicle sicurezza cnr reti tecnologiche open data dati asita rilievo GTER esa ortofoto Stonex urbanistica geospatial ambiente catasto europeo uav meteorologia terremoto termografia geodesia gestione emergenze webGIS formazione telerilevamento galileo geoportale mappe sensore monitoraggio qgis droni ict digital geography trimble Toponomastica catasto copernicus eGEOS misurazione hexagon intelligenza artificiale mobilita sinergis GIS leica geosystems
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps