itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

La Rete Ondametrica Nazionale e l'allerta Tsunami per il Terremoto a Zacinto del 25 ottobre 2018

L'INGV ha diramato un allerta tsunami a seguito del terremoto nella Costa Occidentale Peloponneso (GRECIA) del 26 ott 2018 00:54:50 (M 6.8 - 33km SW of Mouzaki, Greece 2018-10-25 22:54:51 (UTC)37.506°N 20.563°E14.0 km depth)

Il terremoto è stato sentito in tutto il sud Italia come registrato dal servizio di haisentitoilterremoto.it dell'INGV dove alle ore 06:54 del 26 ottobre 2018 erano stati compilati spontaneamente dalla popolazione 2485 questionari in 566 comuni dove sono stati sentiti gli effetti.

Per l'allerta tsunami, una visita sul sito del Servizio Mareografico Nazionale ci ha consentito di verificare che a più di 6 ore di distanza dall'evento non si sono registrate variazioni significative del livello del mare, né particolari onde anomale.

Riportiamo di seguito il grafico di distribuzione nelle stazioni più vicine all'evento di Otranto e Catanzaro.

crotone

 

otranto

 

Il Servizio Mareografico Nazionale, oggi rafforzato all'interno dell'ISPRA, l'’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, oltre a promuovere un’azione incisiva nel settore propriamente mareografico, ha considerevolmente ampliato le attività nel campo della misura di onde anomale.
Compito del Servizio è quello di provvedere al rilievo sistematico ed alla elaborazione delle grandezze relative al clima marittimo, allo stato dei litorali ed ai livelli marini, di provvedere alla pubblicazione sistematica degli elementi osservati ed elaborati e di cartografia e di predisporre criteri, metodi e standard di raccolta, analisi e consultazione dei dati relativi all’attività conoscitiva svolta.
Il Servizio gestisce la Rete Ondametrica Nazionale, realizzata dal Ministero dei Lavori Pubblici, ed ha provveduto recentemente allo sviluppo e potenziamento della nuova Rete Mareografica Nazionale.
Composta di 36 stazioni di misura distribuite sulle coste italiane ed ubicate prevalentemente all’interno delle strutture portuali, pubblica il parametro di livello idrometrico monitorato con un nuovo sensore di livello a microonde (radar) con precisione millimetrica. Il sensore radar è installato in coppia con un secondo sensore di livello a galleggiante basato su tecnologia "shaft-encoder" (con la funzione di back-up) e inoltre è mantenuto in funzione il sensore idrometrico storico ad "ultrasuoni" presente nella Rete dal 1998.
Dal confronto delle misure di questi 3 sensori, di cui quello ad ultrasuoni usato come verifica, ISPRA è in grado di ottenere una precisa taratura del sensore radar tale da garantire una perfetta continuità delle serie dati di livello.
La quota di ogni sensore di livello è stata determinata collegandosi con livellazione geometrica di alta precisione alla rete altimetrica realizzata dall’I.G.M.
Tutte le stazioni sono dotate di un sistema di gestione e memorizzazione dei dati e di un apparato di trasmissione in tempo reale alla sede centrale del Servizio a Roma.
Da quando la nuova Rete Mareografica Nazionale è pienamente operativa, il Servizio mette a disposizione degli utenti informazioni aggiornate relative a serie storiche, osservazioni in tempo reale, previsione dei dati di marea astronomica, analisi dei dati a fini progettuali e scientifici.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wfd

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

servizi GNSS galileo ict interferometria mare open data open geo data remote sensing geospatial lidar storytelling hexagon qgis asita copernicus big data asi MapInfo fotogrammetria faro progettazione CAD territorio coste GIS topcon sinergis geomax Harris nuvole di punti teorema catasto cartografia pianificazione BIM spazio planetek infrastrutture beni culturali apr smartphone uav scansione 3D smart mobility top satelliti agricoltura termografia terrelogiche geoportale 3D rilievo 3d codevintec topografia Septentrio cnr beidou mobilita Bentley menci open source laser scanner Bentley Systems terra e spazio FOIF esri scienze della terra social media ISPRA aerofotogrammetria flyr tecnologia in cantiere rndt arcgis utility archeologia landsat SIFET osservazione della terra Stonex Epsilon Italia internet of things ortofoto droni terremoto sicurezza dati geografici flytop webGIS Here modellazione 3d esri italia INTERGEO oceanografia realta aumentata ingv openstreetmap dissesto idrogeologico INSPIRE mobile mapping cosmo skymed smart city dati autocad eGEOS uso del suolo posizionamento satellitare esa urbanistica misurazione catasto europeo energia trasporti microgeo geolocalizzazione cloud geofisica protezione civile app autodesk digital geography trimble Toponomastica sensore metadati mappe meteorologia gps cantiere geodesia sar reti tecnologiche multispettrale monitoraggio sentinel top story technologyforall e-geos telerilevamento OGC osservazione dell'universo ambiente Artificial Intelligence realtà virtuale rilievo leica geosystems geomatica geologia
Geofly Spark
Geofly Spark
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps