itzh-CNenfrdeptrues
AeroVision
3D Target
Harris

Thales Alenia Space per la fase operativa della Missione di Terra Galileo e le Infrastrutture di Sicurezza Galileo

Thales Alenia Space, una joint venture Thales (67%) e Leonardo (33%), ha siglato oggi un contratto con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che agisce per conto della Commissione Europea (CE) e l’Agenzia Europea GNSS (GSA), per lo sviluppo e il dispiegamento della prossima versione del segmento di terra della Missione Galileo (GMS) e l’infrastruttura di sicurezza (GSF), congiuntamente note come WP2X.

Questo contratto del valore di circa 324 milioni di euro, comprenderà anche la manutenzione delle attuali versioni operative. Lo scopo principale di questa fase operativa è di ottenere la piena capacità operativa (FOC) per i servizi Galileo Open entro la fine del 2020. Per i PRS – che molti stati membri partecipanti intendono impiegare per le loro applicazioni governative – lo scopo è di ottenere capacità operativa iniziale (IOC).

Le sfide principali, sono la modernizzazione dell’infrastruttura e aumentare il livello di sicurezza – inclusa la cybersicurezza. Queste evoluzioni saranno sviluppate parallelamente alla manutenzione e al funzionamento delle versioni già dispiegate (i servizi Galileo sono stati dichiarati operativi per inizio servizio a Dicembre 2016). L’attuale infrastruttura GMS/GSF include più di dieci milioni di linee di codice (LoC).

Thales Alenia Space sarà alla guida di un consorzio di 15 società. Thales sarà responsabile della cyber security e del criptaggio, mentre Leonardo sarà responsabile dell’infrastruttura di sicurezza di Galileo.

Per tutto il periodo di durata delle attività, 28 mesi (fino a fine 2020), Thales Alenia Space e i suoi partner porteranno a completamento il dispiegamento della struttura nei vari siti in tutto il mondo:

 • Centri di controllo a Terra (GCC) a Oberpfaffenhofen (D) e Fucino (It)
• Centro di monitoraggio della sicurezza Galileo (GSMC), a Parigi (F) e a Madrid (SP)
• 5 siti ULS (stazioni di collegamento)
• 16 siti stazioni di ricezione a Terra (GSS).

Il contratto prevede, inoltre, l’appalto di alcune strutture dedicate al rilevamento di interferenza del sito, per rispondere alla minaccia crescente che i segnali GNSS devono fronteggiare.

“In continuità con la fase precedente, ESA, insieme a GSA e CE, potranno contare sulla capacità di Thales Alenia Space di far fronte alle sfide presenti e future” - ha dichiarato Jean Loïc Galle, CEO di Thales Alenia Space - “Non abbiamo rilevato alcun ritardo nella fase precedente e, insieme ai nostri partner, ci impegniamo a mantenere lo stesso livello di qualità per i nostri contributi. Saranno i cittadini europei e tutti gli utenti Galileo, infine, a beneficiare di queste infrastrutture rimodernate e dei servizi avanzati che offriranno”.

 Finanziato dalla commissione EU. L’ ESA ha ricevuto fondi in qualità di finanziatore nell’ambito del Working Arragement con GSA.

La visione espressa in questo documento non può in alcun modo riflettere l'opinione ufficiale dell'Unione Europea, dell’ Agenzia europea di GNSS e/o dell'Agenzia Spaziale Europea. Né l' Unione Europea, né l’ Agenzia Europea GNSS, né l'Agenzia Spaziale Europea saranno responsabili dell’ uso delle informazioni contenute in esso. 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4w8w

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

ingv GNSS numerazione civica geologia mobilita technologyforall uav smart mobility ict CAD lidar meteorologia galileo leica geosystems scienze della terra mare geodesia spazio laser scanner top Stonex asi in cantiere autodesk sentinel BIM agricoltura realtà virtuale remote sensing territorio esri trasporti sar uso del suolo sicurezza rilievo esri italia protezione civile multispettrale energia ambiente storytelling eGEOS e-geos gps qgis osservazione della terra pianificazione mobile mapping fotogrammetria teorema cartografia dati progettazione interferometria realta aumentata satelliti geolocalizzazione esa ISPRA posizionamento satellitare sinergis metadati cnr cantiere INTERGEO topcon stazione totale terremoti geospatial servizi cosmo skymed openstreetmap open data formazione coste INSPIRE planetek faro SIFET flyr leica scansione 3D smartphone rilievo 3d aerofotogrammetria hexagon infrastrutture modellazione 3d GIS top world tecnologia utility open geo data geomatica autocad trimble rischio Harris apr gestione emergenze tecnologie avanzate Bentley copernicus catasto flytop droni 3D smart city Toponomastica sensore dati geografici monitoraggio beidou telerilevamento nuvole di punti mappe FOIF geoportale top story dissesto idrogeologico webGIS geofisica big data terremoto OGC internet of things intelligenza artificiale digital geography topografia ortofoto archeologia open source oceanografia osservazione dell'universo arcgis misurazione app termografia urbanistica reti tecnologiche beni culturali codevintec terra e spazio Here ricevitori asita rndt geomax catasto europeo
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps