itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

L'applicazione delle tecnologie geospaziali e dei geodati nell'analisi forense al #TFA2018

L’utilizzazione dei geodati, della geomatica e delle tecnologie geospaziali ci porta ad implicazioni in ambito forense che possono essere di grande aiuto per la velocizzazione e certezza del giudizio. Investigatori, avvocati e geomatici a confronto per discutere l'aspetto relativo all’impatto della determinazione scientifica negli iter giudiziari quali i contesti investigativi e processuali.

La sessione dal titolo "Geospatial per l'analisi forense" si svolgerà durante il Forum TECHNOLOGY for ALL il 4 Ottobre dalle ore 18.00 alle 19.00 nell'Aula Magna dell'ISA  - Istituto supeiore Antincendi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, in via del commercio 13 a Roma - Iscrizioni gratuite qui

Chairman: Rosa Maria Di Maggio, Geoscienze Forensi Italia

Roberto Graciotti, ISPRA - Geomorfologia per analisi forense

La geomorfologia, comprese le metodologie e tecniche di rilevamento che ne sono proprie, può essere un utile strumento d’indagine anche in ambito forense, al pari di altri campi della Geomatica. La geomorfologia è una disciplina che studia la genesi, la distribuzione e le reciproche relazioni delle forme del rilievo terrestre e dei depositi a esse associati. L’obiettivo principale è, quindi, quello di rendere evidente un quadro completo delle caratteristiche geomorfologiche di un dato territorio dal momento della sua formazione fino ai nostri tempi, prevedendone anche l’evoluzione futura.
In questa prospettiva il rilevamento geomorfologico, rappresenta spesso un approccio conoscitivo basilare nell’inquadramento di problematiche connesse sia all’interazione reciproca tra strutture antropiche e terreno sia ad attività illecite nei confronti dell’ambiente e territorio. In base a quanto detto appare evidente come questa disciplina sia particolarmente utile alla risoluzione di problematiche connesse all’evoluzione morfogenetica dei versanti soggetti a fenomeni e dissesti gravitativi sia superficiali sia profondi.
Il rilevamento geomorfologico, se integrato con metodi e tecniche strumentali adeguate, può fornire un’utile chiave di lettura dell’ambiente fisico che ci circonda e quindi concorrere nella ricerca delle cause e delle responsabilità connesse a determinati contesti operativi:

1. Deficit prestazionale di un’opera antropica dopo la sua realizzazione per processi morfogenetici naturali, come ad esempio l’attivazione di un movimento gravitativo di versante.
2. Nesso di casualità tra un danno (lesioni, cedimenti e collassi strutturali, disfunzioni di manufatti, terreni in frana, ecc.) e un’azione di origine antropica dovuta a imperizia, incuria o dolo.
3. Contenziosi tra stazione appaltante e ditta esecutrice, in merito al manifestarsi di fenomeni naturali imprevisti in corso d’opera e non contemplati nelle fasi progettuali.
4. Reati contro l’ambiente, il territorio e il patrimonio archeologico.

Rosa Maria Di Maggio, geologo forense - Introduzione alle tecniche di Geologia forense applicate ai reati contro l'ambiente e il territorio

Negli ultimi anni, l’opinione pubblica e le istituzioni hanno dimostrato particolare attenzione alla situazione dell’inquinamento ambientale provocato dalla presenza di discariche non controllate o totalmente abusive. Vista l’alta incidenza dei reati ambientali, in tutto il territorio italiano, le Procure della Repubblica e le Direzioni Distrettuali Antimafia hanno istituito team di magistrati specializzati nell’illecito contro l’ambiente ed il territorio, che necessariamente devono fare affidamento a consulenti tecnici che abbiano notevole esperienza in campo ambientale.
La ricerca, la localizzazione e la caratterizzazione delle aree nelle quali discariche non controllate procurano elevati tassi di inquinamento nei terreni e nelle falde, non possono prescindere dall’applicazione di tutte quelle metodologie geologiche che riguardano l’interpretazione e l’analisi del territorio e dell’ambiente, sia a piccola che a grande scala.
La presentazione intende introdurre le applicazioni delle tecniche geologiche che possono essere utilizzate nelle indagini relative a casi giudiziari sia civili che penali, con particolare riguardo ai reati ambientali. La geologia forense risulta di estrema importanza nello studio del territorio nel caso di numerose tipologie di reato, tra cui illeciti contro l'ambiente, la persona ed il patrimonio.
Tale studio viene svolto in due fasi complementari: (i) la lettura di cartografia tematica e l'analisi del territorio attraverso il telerilevamento; (ii) il sopralluogo in situ, al fine di ottenere le informazioni di dettaglio dell'area in esame. Successivamente a tali fasi avviene l’eventuale repertamento delle tracce di natura geologica che verranno analizzate come elementi di prova.
La presentazione sarà corredata da un esemplare caso di studio svolto in siti campani.

Michele Mazzaro, CNVVF - Indagini su scenari compromessi mediante laserscanner e sferocam

Nella relazione, l’autore, dopo una breve presentazione delle specificità della strumentazione Laser scanner e Spheroncam in dotazione al Nucleo Investigativo Antincendi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, presenta alcune applicazioni di tale strumentazione in relazione a scenari compromessi a causa della presenza di rischio per gli operatori (terremoti, alluvioni, ecc.). 
In particolare, partendo dalle applicazioni, vengono messe in evidenza le potenzialità che derivano dall'accoppiamento dei due strumenti, spesso utilizzati anche per l'attività investigativa, per consentire una ricostruzione degli scenari. Tale attività è risultata particolarmente preziosa per la scelta delle misure più appropriate, anche per la messa in sicurezza di tali scenari compromessi.

Flavio Vitiello, STONEX - Ricostruzione 3D rapida mediante scanner manuali a luce strutturata

I nuovi sviluppi tecnologici hanno reso accessibili strumenti per la ricostruzione 3D ad un’ampia utenza superando le difficoltà operative e le barriere di costo. Strumenti leggeri e portatili quali gli scanner a mano libera permettono anche ad utenti non esperti di ottenere modelli 3D in modo rapido ed efficace combinando immagini e misurazione. Ciò ha permesso di aggiungere alle tradizionali aree di utilizzo (Architettura, Ingegneria, Costruzione) nuovi ambiti applicativi quali ad esempio conservazione e restauro, nautica, sicurezza, incidentistica, e molti altri.

Programma completo del FORUM su www.technologyforall.it

iscrizione gratuita

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wfr

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

ISPRA GTER geofisica Stonex spazio monitoraggio satelitare app flytop autonomous vehicle scienze della terra cartografia coste agricoltura scansione 3D GIS Here Harris planetek meteorologia geoportale asita droni geodesia open geo data geolocalizzazione cnr urbanistica geologia esri autodesk aerofotogrammetria qgis in cantiere uso del suolo BIM ict energia SIFET copernicus realta aumentata rndt dati geografici rischio satelliti faro storytelling sensore sar trimble microgeo pianificazione top world ortofoto leica ambiente catasto cantiere big data rilievo 3d termografia technologyforall sinergis Toponomastica progettazione mare posizionamento satellitare geomax 3D internet of things misurazione remote sensing cosmo skymed monitoraggio INTERGEO mobilita top FOIF infrastrutture hexagon stazione totale oceanografia trasporti webGIS smartphone openstreetmap GNSS INSPIRE apr catasto europeo geospatial intelligenza artificiale terrelogiche servizi terra e spazio telerilevamento archeologia reti tecnologiche open data CAD open source metadati tecnologie avanzate nuvole di punti gps interferometria laser scanner ingv teorema galileo mobile mapping terremoto utility esa eGEOS sentinel territorio rilievo beni culturali topografia modellazione 3d OGC uav protezione civile lidar fotogrammetria topcon Bentley dissesto idrogeologico asi ricevitori smart mobility codevintec smart city leica geosystems terremoti osservazione dell'universo autocad mappe geomatica osservazione della terra sicurezza realtà virtuale arcgis esri italia digital geography formazione gestione emergenze tecnologia Epsilon Italia dati
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps