NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
Università Siena Geotecnologie
3D Target
Martedì, 25 Settembre 2018 17:29

La rivoluzione dei geodati per il monitoraggio del territorio - 2 sessioni al #TFA2018

Redazione GEOmedia

In un processo continuo di standardizzazione, uniformazione e integrazione, per i quali i due ambiti della Geodesia e della Geoinformatica, si stanno fondendo a seguito di un’onda inarrestabile intrapresa e guidata dalla digitalizzazione come fenomeno regolato dalle app, dai mass media e dallo sviluppo dei social network.

VidaLaser
Aeronike

Prima sessione 4 Ottobre ore 11:00 - 12:30 - La rivoluzione dei geodati per il monitoraggio del territorio

  • MATTM - HERMON progetto di Agenzia Nazionale Beni Confiscati. Gestione beni confiscati mediante tecnologie di geolocalizzazione
  • MATTM - ASBESTO 2.0 individuazione amianto nelle scuole tramite analisi iperspettrale
  • MATTM - Geoportale in Comune: Roma e Venezia (obbligo trasferimento dati dai comuni alle regioni per protezione civile)
  • Emilio Misuriello, ESRI Italia- Il nuovo paradigma della Scienza del Dove.
  • Massimo Zotti, Planetek Italia - Tecnologie geospaziali per la gestione dell’emergenza e della sicurezza del territorio.
    L’utilizzo dei dati Copernicus per l'analisi della stabilità di edifici ed infrastrutture ed il controllo della stabilità dei suoli
  • Gianluca Acunzo, GeoWeb - Vulnerabilità Sismica degli edifici esistenti: un approccio non invasivo alla valutazione del comportamento dinamico.

 

Seconda sessione 4 Ottobre ore 15:15 - 18:00 - La rivoluzione dei geodati per il monitoraggio del territorio

  • Teodoro Indini, Comune di Brindisi Monica Di Martino, Pitney Bowes Gian Luca Padovan, GEO Marketing - Il nuovo WebGis del Comune di Brindisi sviluppato su Specrtum Spatial Analyst.
    Tra principali indirizzi operativi della Amministrazione Comunale di Brindisi vi è l’Implementazione degli strati tematici GIS e WEBGIS del sistema informativo di analisi spaziale e monitoraggio in adeguamento alla normativa di salvaguardia e governo del territorio finalizzata alla rappresentazione aggiornata e condivisa dei sistemi di programmazione, tutela e vincolo sia a grande scala che per obiettivi specifici (DCS 60/2010 e 9/2018). Il sistema informativo di analisi spaziale comunale opera sin dal 1996 su architettura GIS (geographic information system) integrata successivamente con il portale “aperto” internet istituzionale WEB GIS per la consultazione ed estrazione dati. Far dialogare tra loro dati non omogenei e di diversa natura “georeferenziandoli” correlati ad una base cartografica certa, gestita per livelli informatizzati tematici, è l’operato che in questi anni ha portato alla costituzione del ”Sistema GIS”, intendendo per esso l’insieme di dati, competenze professionali, procedure e strumentazione informatica, inquadrato in un contesto organizzativo, il cui scopo è la promozione e la gestione della conoscenza dei fenomeni che descrivono il territorio. Oggi, attraverso una nuova architettura “Spectrum Spatial Analyst“ potrà essere gestito, attraverso un sistema personalizzato di interfacce e password, in modalità autonoma o condivisa con i differenti settori e servizi comunali, con gli enti territoriali che vorranno aderire alla piattaforma on-line, interagendo, integrando ed arricchendo le banche dati disponibili, e, principalmente, con i cittadini garantendone il libero accesso;
  • Tiziano Cossu, GTER - Un approccio integrato per la gestione del rischio idrogeologico. Fotogrammetria da UAV, rilievo GNSS e modellazione GIS.
  • Michele Fasolo - Tecnologie geospaziali per l'ottimizzazione della distribuzione di risorse per la lotta agli incendi boschivi nella rete delle sedi del CNVVF
  • Maria Marsella, SURVEY LAB - Sfruttiamo i dati di Osservazione Terrestre per monitorare la stabilità strutturale.
  • GENEGIS GI - Infrastruttura Dati Territoriali - Regione Veneto
  • Domenico Grandoni, e-geos - Piattaforme di Osservazione della Terra ed Intelligenza Artificiale per la gestione del territorio
  • Riccardo Gori, Università di Firenze, Valerio Noti, TERRELOGICHE - SLUDGE 4.0: Una piattaforma di supporto decisionale per il monitoraggio e l'ottimizzazione della gestione di rifiuti in un'ottica di economia circolare
  • Il progetto SLUDGE 4.0 nasce dalla necessità di individuare soluzioni certe per lo smaltimento dei fanghi di depurazione prodotti nell’ambito del Servizio Idrico Integrato (SII) di Regione Toscana.
    E’ noto che lo smaltimento dei fanghi di depurazione rappresenta una grossa criticità che, a seguito dei recenti orientamenti volti a impedire lo spandimento diretto in agricoltura, sta assumendo sempre più il carattere dell’emergenza.
    Il principale obiettivo del progetto è quello di valutare la possibilità di trasformare, tramite la tecnologia di carbonizzazione idrotermica (HTC), i fanghi di depurazione in biofertilizzanti valutando la sostenibilità tecnica, economica ed ambientale di tale approccio e affidandosi a procedure e sistemi propri del concetto di Industria 4.0 secondo un principio di integrazione, scalabilità e flessibilità.
    L’introduzione nel sistema depurativo regionale di questo processo di trasformazione effettuato in alcuni impianti centralizzati modificherà sostanzialmente l’approccio alla gestione dell’intera filiera.
    SLUDGE 4.0 prevede l’implementazione di una infrastruttura dati geografica riguardante i parametri che dovranno essere soggetti a monitoraggio lungo la supply chain (impianti di depurazione e impianti HTC, impianti di post-trattamento, qualità dei fanghi, consumi energetici, viabilità e percorsi dei mezzi di trasporto, sistemi logistici interessati, ecc.) andando anche a definirne frequenza di acquisizione, modalità e formati di registrazione, protocolli di comunicazioni nonché procedure riguardanti la ricezione, l’archiviazione e l’interscambio dei dati.
    Tale infrastruttura sarà gestita attraverso una piattaforma software in ambiente webGIS che, in base alle condizioni al contorno derivanti dal sistema di monitoraggio, permetterà di stabilire la configurazione di sistema economicamente più vantaggiosa.
    La piattaforma consentirà inoltre di elaborare processi simulativi real-time con restituzione di output di supporto decisionale allo scopo di raggiungere l’optimum gestionale in termini di produttività, costi energetici, impatto ambientale, sostenibilità complessiva.

  • Silvia Leccis, Aeronike - Aeronike il modello 3D quale strumento innovativo per la conoscenza, la pianificazione e la gestione del territorio.
    • Aeronike è una storica società di aerofotogrammetria, che sin dalla sua fondazione ha puntato sull’innovazione tecnologica per raccontare e rappresentare il territorio dall’alto. Infatti, i più attuali ed innovativi sistemi di rappresentazione del territorio, capaci di cogliere i molteplici aspetti urbani, naturali, culturali e sociali del territorio, hanno via via sostituito le tradizionali tecniche di restituzioni cartografiche. . Con la Convenzione Europea del Paesaggio del 2000 e l’entrata in vigore del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2004, il paesaggio assume un ruolo chiave nella pianificazione e nelle politiche territoriali, le popolazioni sono riconosciute come elemento di reale determinazione del paesaggio attraverso la percezione che di esso hanno. L’esigenza è quella di poter usufruire di una chiave di lettura capace di leggere, per poter poi definire e interpretare, le relazioni che si creano tra le varie componenti del territorio, nonché le percezioni e le funzioni dei luoghi.
      Il modello di ricostruzione 3D del territorio è lo strumento che si pone come tecnologia al servizio di tale esigenza. Le ultime camere aerofotogrammetriche, dotate di sensori obliqui oltre che di quello nadirale, permettono di effettuare rilievi dal dettaglio sempre più accurato. Il workflow ormai consolidato e validato prende avvio col rilievo aereo durante il quale vengono scattati i fotogrammi che nelle fasi successive saranno opportunamente processati ed elaborati fino al raggiungimento di un modello 3D texturizzato e perfettamente misurabile. Il modello virtuale del territorio è ottimizzato per essere importato all’interno dei vari software GIS, BIM e CAD per essere poi sottoposto ai vari processi di analisi, sintesi e pianificazione. Il modello 3D permette di ricostruire diversi scenari, quali quelli storici, e di anticipare e immaginare quelli futuri attraverso la creazione di una timeline che testimonia le variazioni e i mutamenti del territorio. Il modello urbano virtuale permette di incentivare e implementare le conoscenze che si posseggono su un dato luogo, riconoscendo il sistema di valori in esso presente, nonché di assistere le autorità e gli stakeholders nel processo di pianificazione del paesaggio. A tal fine sono stati sviluppati diversi sistemi di visualizzazione improntati sulla realtà virtuale e aumentata. Il modello 3D è fruibile tramite visori di tipo oculus che offrono l’esperienza immersiva a 360°, tramite l’ausilio di monitor touch che consentono una maggiore interazione con l’utente, il quale può approfondire le proprie conoscenze grazie alla presenza di ulteriori elementi multimediali (foto e video 360°, bookmarks, schede informative), e all’interno della Virtual Room. La ricostruzione 3D del territorio rappresenta il paesaggio nei suoi molteplici aspetti e sfaccettature, configurandosi come utile strumento per la conoscenza, la gestione e la fruizione del territorio per le varie parti coinvolte nel processo.

  • Alberto Caligaris, GEOMAX - Sistemi e Software per la misurazione automatica di punti notevoli finalizzata al monitoraggio continuo.
    • Il monitoraggio continuo dello spostamento di punti con stazione totale rappresenta un sistema consolidato per la protezione e il monitoraggio del nostro ambiente. Un limite dei sistemi di monitoraggio è sempre stata la complessità e il costo della messa in opera, tali da giustificarli spesso solo per progetti critici e di grandi dimensioni. Questo ha di conseguenza limitato l’installazione di sistemi di monitoraggio in progetti di scala o criticità ridotti. In questa presentazione si vuole introdurre un nuovo sistema di misura automatica di punti topografici che fa della semplicità e flessibilità i suoi punti di forza, grazie all’uso di nuove tecnologie che ne hanno snellito l’infrastruttura come il sistema operativo Android, la telefonia mobile veloce e i server cloud.
      I dati possono essere gestiti direttamente in campo, grazie al software su Android, ed eventualmente integrarsi ad una soluzione cloud server per la gestione avanzata di allarmi e il plottaggio delle serie temporali.

  • Giorgio Sforza, ESSEBI - Il monitoraggio dinamico per il controllo strutturale di manufatti civili
    • Descrizione delle più avanzate tecniche di monitoraggio dinamico sia per l'effettuazione di analisi di tipo operativo volte alla caratterizzazione dinamica ed identificazione, sia per il controllo temporale di strutture in termini di misura e confronto dei parametri cinematici. Esempi applicativi per quanto riguarda il monitoraggio e la identificazione di ponti, viadotti e cavalcavia e la valutazione della risposta sismica di edifici civili e monumentali.

Entrambe le sessioni si svolgeranno durante la giornata del 4 ottobre 2018, consulta il programma del forum per maggiori informazioni e iscriviti aprendo il banner sottostante.


iscrizione gratuita 1


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kuryp


Leica 3D Conference Roma
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo clima cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste cratere dati dati geografici deserto digital geography dissesto idrogeologico droni duna eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio ghiaccio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv inquinamento INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza SIFET sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcano webGIS
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo