itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Come impatta il GDPR sui geodati e il geospatial?

Ora che il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'UE è diventato pienamente operativo, ed è il più grande cambiamento nella protezione dei dati degli ultimi decenni, ci si chiede che significato avrà per i dati di localizzazione?

In realtà sembra che nella situazione attuale questo aspetto sia ancora inesplorato e tutto quello che sappiamo è che i dati sulla posizione possono essere classificati come dati personali quando sono utilizzati per identificare una persona, ma non è sempre questo il caso. A livello europeo già il rispetto delle normative sulla privacy e sulle comunicazioni elettroniche, che regolano i dati relativi all'ubicazione, avevano indicato alcune prassi da seguire. 

In un rapporto della Location Based Marketing Association (LBMA), il 50% dei marchi e produttori utilizzano i dati sulla posizione per raggiungere i clienti nella loro pubblicità. I dati sulla posizione vengono raccolti dalle aziende perché  sono estremamente utili per aumentare l'efficacia della pubblicità e, quindi, estremamente preziosi ad esempio per aziende come Facebook. Vale ricordare che recentemente i dati sensibili di Facebook relativi a più di 80 milioni di utenti sono stati condivisi in modo improprio - senza consapevolezza o consenso - e utilizzati per influenzare l'opinione politica tramite pubblicità. 

Non è facile per gli utenti evitare di distribuire questi dati mentre si utilizzano i servizi digitali, in quanto i distributori di pubblicità come Facebook e Google continuano a raccoglierli attraverso innumerevoli App di terze parti. I dati sulla posizione potrebbero non valere molto per i singoli individui, ma se aggregati e elaborati rispetto ad altri dati personali, migliorano significativamente il servizio che fornisce il maggior flusso di entrate per molte aziende. Solo Facebook ha raccolto 39 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie nel 2017.

Anche se Google e Facebook sono le aziende più spesso sotto i riflettori, non sono solo i giganti della tecnologia che sfruttano i dati di localizzazione: innumerevoli altre App, come le app meteorologiche o i giochi sul territorio, possono inviare dati di localizzazione a società di distribuzione di contenuti di terze parti, anche quando i dati sulla posizione del proprio smartphone sono spenti. 

Il GDPR prendendo atto di questo enorme incentivo finanziario per le aziende a sfruttare i dati relativi alla posizione degli utenti, prende posizione per impedire che vengano raccolti senza un consenso esplicito, pur mantenendo le imprese responsabili delle proprie azioni.

Con un aumento esponenziale della connettività, delle telecamere e dei sensori onnipresenti, c'è un enorme quantità di dati prodotti in ogni momento e l'uomo comune sente una minaccia alla propria privacy. Tuttavia, vi è anche una tendenza crescente in cui i clienti condividono sempre più i loro dati di posizione con mappe o servizi di navigazione e meteo, ma ciò non significa che siano a loro agio, come rivela uno studio di HERE Technologies sulla Privacy e sui dati di posizione.

Lo studio, basato sul sondaggio di oltre 8.000 consumatori in otto paesi e su una serie di interviste approfondite con esperti esterni e interni sull'argomento, nonché con gruppi di consumatori in Germania, Regno Unito e Stati Uniti, riporta che:

"La condivisione dei dati sulla posizione fa sì che il 75-80% dei consumatori si senta stressato, nervoso o vulnerabile, innescando timori di furti, spionaggio, stalker e danni fisici o digitali. Un terzo dei consumatori è molto restrittivo nel garantire l'accesso ai propri dati sulla posizione. Inoltre, solo il 21% dei consumatori condivide i propri dati sulla posizione sempre o molto spesso e oltre il 42% di solito o talvolta. I più giovani, gli uomini, coloro che vivono nelle aree urbane e coloro che sono esperti di tecnologia, hanno maggiori probabilità di condividere i loro dati sulla posizione.

I consumatori accendono e spengono l'accesso ai dati secondo necessità. Nonostante le loro preoccupazioni, solo il 22% dei consumatori controlla in modo proattivo le impostazioni dei dati di localizzazione, preferendo attivare la condivisione dei dati quando necessario e ripartire successivamente. Anche se i consumatori cercano di limitare l'accesso ai propri dati di localizzazione, molti ancora condividono involontariamente: il 44% condivide con più app di quanto pensassero, il che causa preoccupazione per l'80% di esse.

C'è una forte mancanza di fiducia i coloro che raccolgono i dati. Circa l'80% dei consumatori non si fida completamente del fatto che i servizi che raccolgono i propri dati sulla posizione gestiranno i propri dati come dovrebbero, e quasi il 90% non gradisce le attuali pratiche sulla privacy. Sebbene la fiducia in chi raccoglie i dati influenzi la volontà di condividere i dati, i consumatori condividono anche con i raccoglitori di dati inaffidabili se ritengono di non avere scelta.

Mancanza di fiducia in leggi e regolamenti. L'84% dei consumatori non si fida delle leggi e dei regolamenti per garantire che non vi sia un uso improprio dei dati sulla posizione. I consumatori sono più propensi a condividere i propri dati sulla posizione con mappe o servizi di navigazione e meteo. L'industria del data collector influenza la volontà di condividere i dati sulla posizione. Più è comprensibile il motivo della raccolta dei dati, maggiore è la volontà di condividere. Il 71% è disposto a condividere i dati relativi all'ubicazione con una mappa o un servizio di navigazione perché capiscono che i dati sulla posizione sono necessari per il funzionamento del servizio.

Una maggiore sicurezza in auto è il vantaggio più attraente. I vantaggi offerti dal raccoglitore di dati influenzano la volontà di condividere i dati sulla posizione. Circa il 70% dei consumatori condivide i dati relativi alla posizione in cambio di una maggiore sicurezza dell'auto, servizi migliori e benefici finanziari.

Maggiore è la trasparenza, maggiore è la volontà di condividere. Il 75% dei consumatori non è pienamente a conoscenza di ciò che accade con i propri dati una volta raccolti. Maggiori informazioni stimolerebbero la volontà di condividere: il 66-68% concederebbe l'accesso se sapessero perché i loro dati sono necessari, a cosa servono, come sono protetti, archiviati in modo sicuro o sistematicamente cancellati.

Il miglioramento dei diversi aspetti della trasparenza potrebbe avere un impatto significativo, poiché attiva i consumatori non convinti: il 30-50% di quei 32% che non sono attualmente disponibili a condividere i dati relativi all'ubicazione (farlo raramente o mai) afferma che sarebbe probabile o molto probabile condividere se la trasparenza fosse migliorata. Un maggiore controllo motiva le persone ancor più della trasparenza a condividere i propri dati. Solo il 20% ritiene di avere il pieno controllo sui propri dati di localizzazione, ma circa il 70% consentirebbe l'accesso se fosse più facile modificare le proprie impostazioni, ritirare l'accesso ed eliminare la cronologia. Analogamente alla trasparenza, un maggiore controllo e responsabilizzazione dei consumatori aumenterebbe significativamente la loro volontà di condividere i dati relativi all'ubicazione; Il 50% di quei 32% che non sono attualmente aperti alla condivisione dichiara di voler condividere se avessero aumentato il controllo.

Più dati sulla posizione da condividere con droni e auto autonome. Il 72% dei consumatori è disposto a condividere i dati relativi alla propria posizione per un'automobile autonoma al fine di trovare i percorsi più efficienti. Il 70% a livello globale afferma che è probabile che condividano i propri dati sulla posizione per consentire a un drone di trovare una persona, un animale o un oggetto perduto. Chi è meno aperto a condividere i dati sulla posizione oggi risponde con più cautela, ma circa la metà è aperta alla condivisione per motivi di sicurezza e praticità.

I consumatori sono desiderosi di adottare nuovi concetti di privacy se sono facili da usare e sicuri. I concetti di privacy che offrono un maggiore senso di sicurezza, rendendo le preferenze e le impostazioni più facili da gestire e risparmiando tempo, interessano i consumatori: il 65% prenderebbe in considerazione l'utilizzo di un "Profilo della privacy", il 63% considererebbe l'utilizzo di un "Servizio di privacy" e il 51% considererebbe l'utilizzo di un "Personal Data Manager" in autonomia. Anche tra quei consumatori che non sono attualmente disponibili a condividere i propri dati sulla posizione, circa la metà prenderebbe in considerazione la condivisione dei dati relativi alla posizione con queste soluzioni alternative che comportano maggiore trasparenza e controllo".

 

Ciò considerato è chiaro che in questo primo periodo di applicazione ci saranno casi che imposteranno precedenti validi per i dati relativi alla posizione, ma nel frattempo, le aziende dovrebbero prendere sul serio la protezione dei dati considerando la necessità di archiviare i dati storici sulla posizione e, in tal caso, documentare come li elaborano e dove li memorizzano, per tutti gli utenti e non solo per quelli dell'UE.

Un Forum di scambio di informazioni e opinioni sul tema sarebbe in tal senso auspicabile.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k43qk

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
VidaLaser

Naviga per temi

utility pianificazione top gps apr galileo numerazione civica internet of things realtà virtuale open geo data ISTAT tecnologia realta aumentata uav smart mobility terra e spazio monitoraggio droni stazione totale spazio multispettrale mobile mapping reti tecnologiche archeologia sicurezza oceanografia geospatial geomatica technologyforall geofisica ambiente sar meteorologia openstreetmap terremoto scienze della terra open data geoportale scansione 3D autocad SIFET termografia 3D trasporti cantiere aerofotogrammetria leica geosystems modellazione 3d laser scanner rischio Epsilon Italia agricoltura ricevitori ISPRA CAD eGEOS geolocalizzazione energia sinergis metadati dati geodesia asi in cantiere mixed reality geomax storytelling open source Harris GNSS INTERGEO osservazione dell'universo rilievo urbanistica Stonex protezione civile trimble fotogrammetria faro rndt infrastrutture beni culturali territorio rilievo 3d posizionamento satellitare autodesk BIM satelliti uso del suolo cartografia esa smartphone webGIS mappe osservazione della terra teorema telerilevamento dati geografici qgis GIS app ict interferometria copernicus sensore geologia Bentley misurazione landsat ortofoto MapInfo sentinel esri nuvole di punti big data beidou servizi digital geography top story INSPIRE intelligenza artificiale planetek topografia codevintec flytop coste progettazione smart city topcon gestione emergenze flyr cnr catasto dissesto idrogeologico esri italia remote sensing lidar Toponomastica arcgis cosmo skymed OGC top world hexagon FOIF catasto europeo mare mobilita asita e-geos ingv
Geofly Spark
Geofly Spark
GIS g3w suite Qgis
Roma Drone Conference 2019
GeoBusiness 2019
Geospatial World Forum 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps