itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Il ghiacciaio Columbia (Alaska)

ESA - Immagine della settimana: il ghiacciaio Columbia (14 maggio 2018)

Il satellite Sentinel-2B del programma europeo Copernicus ci porta in Alaska sopra il ghiacciaio Columbia, che è uno dei ghiacciai al mondo che stanno mutando più rapidamente (guardala/scaricala in bassa risoluzione).

Il Columbia, che è visibile appena al di sotto della linea mediana dell’immagine, fluisce scendendo lingo i pendii innevati delle Chugach Mountains, all’interno dello Stretto di Prince Williams nel sud-est dell’Alaska.

Nel corso degli ultimi tre decenni questo ghiacciaio mareale si è ritratto per più di 20 km ed ha perso nel complesso circa la metà del suo spessore e la metà del suo volume.

Si ritiene che i cambiamenti climatici ne abbiano indotto il ritiro negli anni ’80, circostanza che ha determinate la frattura della sua parte terminale.

La parte terminale era stata in precedenza sostenuta da una morena, che consiste in un accumulo di sedimenti e roccia che funge da barriera sottomarina e che permette al ghiacciaio di essere stabile e di collocarsi al di sopra dell’acqua marina. Con la scomparsa di questa barriera le dinamiche della glaciazione hanno prevalso ed il ghiacciaio ha iniziato a riversarsi velocemente nell’oceano, dando origine nello Stretto ad iceberg di grandi dimensioni. Come mostra questa immagine satellitare, nello Stretto si possono osservare molti iceberg.

Questo singolo giacciaio è responsabile di circa la metà del ghiaccio andata perduto nelle Chugach Mountains. Tuttavia, i ricercatori ritengono che il ghiacciaio Columbia tornerà nuovamente a stabilizzarsi – probabilmente nel giro di alcuni anni – non appena la sua parte terminale si ritirerà in acque più basse guadagnando così trazione, fatto che ridurrà la quantità di iceberg generati.

Questa immagine è stata acquisita il 5 agosto 2017.

Scarica Immagine MediumRes (20,05 MB - .JPG)
Scarica Immagine HighRes     (885.17 MB - .TIF)

 

---

 

Columbia Glacier

The Copernicus Sentinel-2B satellite takes us over Alaska’s Columbia Glacier, one of the most rapidly changing glaciers in the world.

The glacier, which can be seen just below the middle of the image, flows down the snow-covered slopes of the Chugach Mountains into the Prince William Sound in southeast Alaska.

Over the last three decades, this tidewater glacier has retreated more than 20 km and lost about half of its total thickness and volume.

The changing climate is thought to have nudged it into retreat in the 1980s, resulting in its end – or terminus – breaking off.

The terminus had previously been supported by a moraine, which is an accumulation of sediment and rock that served as an underwater barrier, helping to keep the glacier stable and insulate it from seawater. With this barrier gone, glacial dynamics took over and it began to flow to the ocean faster, calving large icebergs into the Sound. As this satellite image shows, many icebergs can be seen in the Sound.

This one glacier accounts for nearly half of the ice loss in the Chugach Mountains. However, researchers believe that the Columbia Glacier will stabilise again – probably in a few years – once its terminus retreats into shallower water and it regains traction, which should slow the rate of iceberg calving.

This image was captured on 5 August 2017.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Columbia Glacier". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khdk3

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

dati geografici in cantiere leica scienze della terra urbanistica hexagon mobile mapping ortofoto codevintec gps utility geomatica stazione totale realtà virtuale teorema GNSS open geo data fotogrammetria protezione civile smart mobility rilievo big data posizionamento satellitare coste modellazione 3d digital geography scansione 3D autocad monitoraggio Toponomastica open data technologyforall autonomous vehicle ricevitori ingv top world lidar asi cantiere oceanografia 3D agricoltura tecnologie avanzate trasporti osservazione della terra open source termografia sinergis Epsilon Italia mobilita metadati app leica geosystems infrastrutture internet of things mappe laser scanner smart city terrelogiche cnr apr BIM intelligenza artificiale spazio drone autodesk Harris mare geomax ISPRA meteorologia rilievo 3d INSPIRE Here GTER esri italia geologia telerilevamento Stonex faro eGEOS uav CAD gestione emergenze sar geofisica realta aumentata uso del suolo geolocalizzazione territorio smartphone copernicus INTERGEO terremoti storytelling asita cosmo skymed esa pianificazione satelliti reti tecnologiche progettazione qgis top sensore topografia tecnologia servizi rischio geoportale webGIS planetek openstreetmap dati trimble formazione interferometria 3DTarget FOIF esri terra e spazio GIS flytop catasto europeo microgeo droni cartografia sicurezza rndt osservazione dell'universo arcgis sentinel dissesto idrogeologico geodesia beni culturali terremoto remote sensing topcon geospatial galileo nuvole di punti misurazione energia Bentley catasto ambiente aerofotogrammetria ict archeologia monitoraggio satelitare
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps