itzh-CNenfrdeptrues
Harris
AeroVision
3D Target
Il professor Per Enge durante la sua presentazione all'IGAW 2016 in Sogei

Per Enge, precursore dell’uso di massa del GPS e professore a Stanford, muore a 64 anni

Per K. Enge, professore alla School of Engineering e uno dei massimi esperti mondiali di tecnologie di posizionamento globale (GPS), è morto il 22 aprile nella sua casa di Mountain View, in California. Aveva 64 anni. Conosciuto dagli esperti italiani del settore anche per aver partecipato ai Workshop sui sistemi di posizionamento organizzati dal Sogei Lab, Enge, professore di aeronautica e astronautica, ha guidato la distribuzione di due sistemi di navigazione in uso oggi.

La prima operazione è iniziata nel 1995 e ha avuto oltre 1,5 milioni di utenti di terra e di mare a partire dal 2014. Il secondo sistema è stato lanciato nel 2003 ed è stato utilizzato in oltre 100.000 aeromobili e oltre 1 milione di utenti terrestri. In un altro esempio degno di nota, Enge guidò la squadra che progettò un sistema che consentiva agli aerei di atterrare interamente senza aiuto umano, anche sui ponti di lancio delle portaerei in mare al buio.

"Chiunque lavori con il GPS è a conoscenza di Per e della sua influenza. Era una persona intellettualmente talentuosa che poteva comprendere molte sfumature scientifiche e integrarle in modi che gli altri non potevano", dice Brad Parkinson, ampiamente considerato il "padre del GPS" e l'uomo che ha reclutato Enge a Stanford.

Nel 2004, Enge ha scritto un articolo sulla popolare rivista Scientific American su un "riattrezzamento" del sistema GPS in corso che avrebbe reso il GPS preciso a un metro, un miglioramento da cinque a dieci volte rispetto alle capacità esistenti. L'articolo ha previsto che il GPS stava per decollare, letteralmente, e ha presagito l'ubiquità del GPS nella vita di tutti i giorni.

"La copertura della geolocalizzazione si estenderà dai sentieri escursionistici e dalle rotte di mare fino ai centri storici, all'interno degli edifici e in aree che sono attualmente tormentate da una scarsa ricezione, come ad esempio sotto agli alberi"

 

Al culmine della sua lunga e proficua carriera, professore di ingegneria alla Stanford University, ha diretto il Centro del Position Navigation and Time della Stanford University.

Per molti anni ha condotto una ricerca finanziata dalla Federal Aviation Administration, diretta a una navigazione aerea sicura che ha portato allo sviluppo del Wide Area Augentation System (WAAS) e dei sistemi di potenziamento dell'area locale (LAAS). WAAS è diventato pienamente operativo per l'aviazione negli Stati Uniti nel 2003 ed è attualmente utilizzato da oltre 110.000 aeromobili; sistemi simili sono stati distribuiti in Europa con EGNOS, Giappone e India.

Ha ricevuto il Kepler Award dall’ Institute of Navigation nel 2000 ed è stato inserito nella GPS Hall of Fame dall'Aeronautica USA nel 2012. Ha fatto parte dello Space-Based Position Navigation and Time Federal Advisory Committee dal 2007. Nel 2013 ha ricevuto il GNSS Leadership Award for Signals dalla rivista GPS World, per la progettazione dei segnali che include il differenziale nazionale GPS, i sistemi di potenziamento satellitare e le fonti alternative di posizionamento, navigazione e temporizzazione. Ha collaborato alla stesura del "Global Positioning System: segnali, misure e prestazioni".

Nato in Norvegia e portato negli Stati Uniti all'età di 2 anni, ha ricevuto un B.S.E.E. dall'Università del Massachusetts e M.S.E.E. e dottorato presso l'Università dell'Illinois.

Nel commentare l'accettazione del GNSS Leadership Award for Signals, ha citato il teorema di Faflick, "che non lavorerete mai su progetti che siano entrambi interessanti e importanti." Dopo aver chiamato sia GNSS che WAAS come eccezioni al teorema, ha identificato un terzo valore anomalo: lo “spoofing”.

Ulteriori dettagli biografici sono disponibili in un articolo pubblicato da Stanford News

L'articolo ci ricorda anche che ha co-originato e co-insegnato, con Frank van Diggelen, un enorme corso online aperto per condividere le conoscenze GPS con un pubblico mondiale, ben oltre le mura di Stanford. Intitolato "GPS: Introduzione alla navigazione satellitare, con un laboratorio internazionale interattivo che utilizza smartphone", ha registrato 31.000 persone provenienti da 192 paesi. 

Ha partecipato in Italia ai workshop IGAW organizzati in Sogei "GNSS TECHNOLOGY ADVANCES IN A MULTI- CONSTELLATION FRAMEWORK". Sogei. September 25/26, 2014 e “GNSS programmes updates and PNT solutions advances”. Sogei. January 21/22, 2016 con due importanti relazioni, una nel 2014  Integrity Concepts and Advances e un'altra nel 2016  SBAS integrity: current status and future perspectives.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k498y

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

openstreetmap FOIF pianificazione ricevitori geomax geologia 3D realtà virtuale trimble CAD leica droni Harris e-geos rischio geoportale cnr mappe open geo data leica geosystems terremoto autodesk rilievo 3d stazione totale internet of things gestione emergenze spazio rndt esa terra e spazio GIS GNSS esri italia top story hexagon flyr topografia smartphone archeologia uso del suolo cantiere coste eGEOS top ortofoto numerazione civica sviluppo sostenibile infrastrutture tecnologia qgis sentinel remote sensing cartografia oceanografia SIFET open data osservazione della terra interferometria territorio laser scanner misurazione realta aumentata ambiente termografia urbanistica utility energia geolocalizzazione teorema INSPIRE top world scienze della terra autocad terremoti topcon meteorologia beni culturali geofisica rilievo formazione aerofotogrammetria multispettrale faro asita arcgis ISPRA modellazione 3d telerilevamento sinergis catasto europeo storytelling nuvole di punti geodesia apr progettazione Stonex servizi codevintec in cantiere sar dissesto idrogeologico sensore galileo BIM metadati fotogrammetria esri catasto tecnologie avanzate trasporti Bentley Here digital geography ingv dati webGIS cosmo skymed geospatial asi Toponomastica satelliti mobile mapping copernicus geomatica technologyforall monitoraggio flytop uav sicurezza protezione civile lidar ict smart city osservazione dell'universo gps beidou agricoltura dati geografici mare scansione 3D INTERGEO big data mobilita planetek open source smart mobility OGC posizionamento satellitare app reti tecnologiche
GeoBusiness 2019
SIFET2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps