itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Avviso indagine di mercato - Attività industriali relative a UAS/RPAS leggeri in operazioni a bassa quota

L’Agenzia Spaziale Italiana nell’intento di investigare lo scenario dei possibili operatori economici in possesso di competenze tecniche adeguate alla specificità delle attività, correlate a all’affidamento delle attività industriali relative alle “UAS/RPAS leggeri in operazioni a bassa quota”, intende avviare una indagine volta ad acquisire la conoscibilità e la disponibilità di soggetti componenti il mercato dei servizi e attività in oggetto. Scadenza 8 Maggio 2018 ore 12:00.

Obiettivi e Contesto di Riferimento (1)
L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e l’Ente Nazionale Assistenza al Volo (ENAV spa) , a valle dell’accordo di collaborazione nel campo della Navigazione aerea a mezzo di sistemi satellitari, hanno congiuntamente definito il Programma di attività nell'ambito delle iniziative promosse e finanziate dalla Legge 10/2001 del 29 gennaio 2001, in materia di Navigazione Satellitare. Nel corso di tali attività è stato concordato il Programma Nazionale di Navigazione Satellitare per l'Aviazione Civile per il periodo 2016-2019 (chiamato Programma di Navigazione Satellitare per gli RPAS/UAS).

L’attuale attenzione verso un impiego esteso dei droni in diversi ambiti applicativi è strettamente connessa alla loro capacità di svolgere, in maniera autonoma, missioni aeree e questo richiede l’individuazione e la creazione di nuovi servizi e/o la reinventazione/ridisegnazione di servizi preesistenti. Le possibili applicazioni coprono settori e ambiti distinti, quali il monitoraggio e controllo del territorio (per la sicurezza urbana, per l’ambientale, le infrastrutture, le reti (come gasdotti e oleodotti, rete ferroviaria, etc.), il meteo, l’agricoltura, gestione di aree inaccessibili, etc.), l’intrattenimento/i media, (fotografie aeree, coverage dei grandi eventi, etc.), il commercio, etc,. Tuttavia per poterne sfruttarne appieno il potenziale, i sistemi UAS/RPAS nello spazio aereo a bassa quota dovranno essere completamente integrati in maniera sicura ed efficace nello spazio aereo non segregato, e specifiche normative e procedure dovranno essere definite per un loro esteso utilizzo in aree urbane e prossime alle aree urbane. Le attività in oggetto, intendono pertanto garantire l’integrazione sicura ed efficace degli UAS/RPAS con peso inferiore a 150 kg nello spazio aereo a bassa quota attraverso la definizione di servizi innovativi ed applicazioni avanzate ed integrate, (della navigazione satellitare basata su Galileo ed il GNSS in generale), di nuova tecnologia e di scenari di utilizzo.

Nel contesto del Programma Nazionale di Navigazione Satellitare per gli UAS/RPAS, l’ASI intende avviare un’indagine volta ad acquisire la conoscibilità e la disponibilità di soggetti componenti il mercato per le attività relative agli “UAS/RPAS leggeri in operazioni a bassa quota”, con l’obiettivo di consentire la graduale integrazione degli UAS/RPAS con peso inferiore a 150 kg nello spazio aereo a bassa quota, in particolare nelle aree urbane e prossime ai centri urbani e la preliminare definizione procedurale per la loro integrazione.

Attività (2)
Le principali attività da svolgere sono quelle relative a “UAS/RPAS leggeri in operazioni a bassa quota” come previsto dal Programma di Navigazione Satellitare per gli RPAS/UAS. L’iniziativa si inquadra nella fase di studi inerenti le operazioni degli UAS/RPAS con peso inferiore a 150 kg nello spazio aereo a bassa quota.

Predisporre il mondo aeronautico all'integrazione sicura ed efficace questi RPAS/UAS (con peso inferiore a 150 kg) nello spazio aereo non segregato. CPV 73120000-9 “Servizi di sviluppo sperimentale”.

Per tali attività la spesa massima prevista ammonta a ca. € 488.000,00 (quattrocentoottantottomila) inclusivo di IVA (400.000,00 + IVA), per una durata massima presunta di 18 mesi.

L’iniziativa si inquadra nella fase di studi/sviluppi per le operazioni degli UAS/RPAS, con peso inferiore a 150 kg, nello spazio aereo a bassa quota (VLL – very low level). L’obiettivo è predisporre il mondo aeronautico all'integrazione sicura ed efficace degli RPAS/UAS nello spazio aereo, non segregato, attraverso la definizione di servizi innovativi ed applicazioni avanzate (ed integrate) basati sulla navigazione satellitare (GNSS) ed in particolare sull’utilizzo dei segnali Galileo. In tale contesto sarà altresì richiesto di identificare tecnologie ritenute strategiche.

I principali obiettivi che dovranno essere perseguiti sono:

  • Identificazione, creazione e/o re-inventazione di servizi innovativi ed applicazioni avanzate (ed integrate) della navigazione satellitare basata su Galileo ed il GNSS in generale per l’impiego operativo di RPAS/UAS con peso inferiore a 150 kg nello spazio aereo a bassa quota;
  • Identificazione e validazione di tecnologie di riferimento, basate sulla Navigazione satellitare (ed in particolare GALILEO, EGNOS ed il GNSS in generale), ritenute strategiche per utenza di tipo commerciale in tutti gli ambiti (agricoltura, svago, monitoraggio infrastrutture, trasporto, etc.);
  • l'integrazione sicura ed efficace degli RPAS/UAS con peso inferiore a 150 kg nello spazio aereo a bassa quota e in generale nello spazio aereo non segregato;
  • sperimentazione e innovazione della navigazione satellitare a supporto delle operazioni UAS/RPAS a bassa quota, basata sul sistema Galileo, EGNOS e GNSS in generale e sulle evoluzioni dei sistemi multicostellazione/doppia frequenza.


Per il raggiungimento degli obiettivi, il progetto dovrà prevedere, almeno, lo sviluppo delle seguenti fasi:

1. Mappatura Tecnologica: Mappa delle possibili tecnologie ed infrastrutture basate sulla Navigazione satellitare (GALILEO, EGNOS e più in generale GNSS), capaci di offrire servizi a precisione centimetrica a piccoli UAS/RPAS in VLL, al fine di supportarne l’impiego operativo. Gli UAS/RPAS muovendosi in ipotetici (specifici) corridoi, di dimensioni ridotte, dello spazio aereo dovranno essere in grado di raggiungere luoghi/punti ben definiti con elevata precisione e con tolleranze proporzionali alle loro dimensioni. La Mappatura identificherà i punti di forza e di debolezza delle diverse soluzioni di navigazione per le operazioni VLL di droni nei diversi contesti operativi/applicativi.1. Mappatura Tecnologica: Mappa delle possibili tecnologie ed infrastrutture basate sulla Navigazione satellitare (GALILEO, EGNOS e più in generale GNSS), capaci di offrire servizi a precisione centimetrica a piccoli UAS/RPAS in VLL, al fine di supportarne l’impiego operativo. Gli UAS/RPAS muovendosi in ipotetici (specifici) corridoi, di dimensioni ridotte, dello spazio aereo dovranno essere in grado di raggiungere luoghi/punti ben definiti con elevata precisione e con tolleranze proporzionali alle loro dimensioni. La Mappatura identificherà i punti di forza e di debolezza delle diverse soluzioni di navigazione per le operazioni VLL di droni nei diversi contesti operativi/applicativi.

2. Soluzione tecnologica e ottimizzazioni: Identificazione della soluzione tecnologica (o più di una) ed infrastrutturale utile ai fini del progetto, di cui si fornirà descrizione di dettaglio in termini: tecnologici, operativi e di servizi per piccoli UAS/RPAS in VLL, giustificativo di scelta (rispetto alle altre), ottimizzazioni tecnologiche necessarie/richieste a soddisfare gli obiettivi di progetto. Il contraente fornirà la definizione di un’unica soluzione integrata (il sistema dovrà essere standardizzato ed omogeneo) e la descrizione della sua integrazione nel sistema di gestione del traffico droni;

3. Test e Validazione:

- Identificazione ed esecuzione di attività specifiche per la validazione formale di quanto emerso ai punti 1 e 2 ed in particolare della soluzione tecnologica/infrastrutturale di navigazione (es . gruppi di lavoro con esperti nel settore, incontri specifici, etc.). Tale attività avvallata da dati registrati e analisi di esperti, dovrà generare report contenente i dati e i risultati finali della validazione, conclusioni e raccomandazioni, indicando i feedback raccolti sulla descrizione della soluzione;
- Sviluppo di un simulatore (2D/3D) integrato, che attraverso l’analisi di specifici scenari, ritenuti sensibili ai fini del progetto (urbano, in prossimità di aree critiche, etc.), avvalori le scelte fatte, verifichi e validi le attività di progetto. Il simulatore dovrà essere modulare e parametrizzato.

4. Documentazione: L’Emissione di tutta la documentazione specifica, necessaria per le attività successive di sviluppo prototipo.Viste le problematiche relative alla propagazione dei segnali radio in contesti urbanizzati e in prossimità del suolo, dovranno essere analizzati anche i seguenti aspetti:

- definizione dei possibili rischi in termini di sicurezza e identificazione di possibili soluzione per la protezione contro attacchi fisici, elettronici o cyber-attacchi;
- tenendo conto del particolare scenario di impiego di questi mezzi, si richiede di valutare, definire e se necessario, di sviluppare strumenti di augmentation locali;

Al fine di una ottimizzazione della soluzione, orientata alla sua operatività nel settore, ASI, ENAV e le autorità nazionali preposte (es. ENAC) saranno coinvolte, per competenza, nelle diverse fasi del progetto.

Scarica il documento e continua a leggere dal punto 3

Fonte: Agenzia Spaziale Italiana

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k49d8

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

territorio asi Here top world 3D telerilevamento scansione 3D ricevitori geofisica mobilita smart city infrastrutture autonomous vehicle apr posizionamento satellitare Toponomastica satelliti sar esri infrastrutture innovative interferometria cnr stazione totale utility lidar droni INTERGEO archeologia GNSS catasto sinergis uso del suolo Epsilon Italia coste open data geoportale codevintec terremoti rilievo 3d webGIS Harris ortofoto ict geolocalizzazione uav modellazione 3d faro technologyforall remote sensing rndt INSPIRE GTER qgis microgeo fotogrammetria in cantiere Bentley mappe open geo data urbanistica gps trasporti sentinel aerofotogrammetria oceanografia GIS dati geografici SIFET meteorologia pianificazione cartografia cantiere dati metadati formazione smart mobility rilievo sicurezza energia terra e spazio geospatial eGEOS topografia FOIF ISPRA dissesto idrogeologico OGC rischio big data Stonex trimble cosmo skymed top CAD ingv geologia misurazione geodesia agricoltura reti tecnologiche smartphone internet of things monitoraggio satelitare intelligenza artificiale open source osservazione dell'universo terrelogiche tecnologie avanzate teorema sensore openstreetmap progettazione esa laser scanner ambiente scienze della terra esri italia monitoraggio osservazione della terra geomatica BIM copernicus topcon app mobile mapping beni culturali nuvole di punti tecnologia realtà virtuale asita realta aumentata termografia leica geosystems storytelling leica catasto europeo hexagon flytop mare digital geography servizi planetek protezione civile geomax terremoto autodesk spazio autocad arcgis galileo
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
GeoBusiness 2020

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps