Posizionamento satellitare eCall obbligatorio su tutti i nuovi veicoli europei

Stampa

Dal 31 marzo 2018, tutti i nuovi modelli di automobili e furgoni leggeri venduti nell'UE devono essere dotati di dispositivi eCall che avvisano automaticamente i servizi di soccorso in caso di incidente, inviando la loro posizione. L'obiettivo del sistema è ridurre il tempo di risposta alle emergenze per incidenti stradali e salvare vite umane.

eCall si attiva automaticamente non appena i sensori all'interno del veicolo rilevano un grave incidente. Una volta attivato, il sistema compone il numero di emergenza europeo 112 e stabilisce un collegamento telefonico all'apposito call center di emergenza.
Sfruttando EGNSS (Galileo ed EGNOS), il sistema invia l'ora dell'incidente, la posizione precisa del veicolo e la direzione di marcia verso i servizi di emergenza, consentendo ai soccorritori di raggiungere più velocemente il luogo dell'incidente. Un eCall può anche essere attivato manualmente premendo un pulsante nell'auto, ad esempio da un testimone a un incidente grave.

Il sistema si avvale della costellazione Galileo che stabilisce una comunicazione bidirezionale con i ricevitori ed è appunto in grado di ricevere segnalazioni dall'utente. Sebbene l'obbligatorietà del servizio parte dal mese di Aprile 2018, di certo non è ancora pronta l'infrastruttura satellitare, fortemente in ritardo e alla quale devono aggiungersi ancora molti satelliti, previsti entro il 2020. 

Probabilmente pagheremo su ogni veicolo un costo suppletivo dei dispositivi stimato intorno ai 100 EUR per veicolo dalla data di entrata in vigore del regolamento, il 31 marzo 2018, che forse avrebbe potuto essere ritardato all'effettivo momento di entrata in funzione piena della costellazione Galileo.

Per maggiori informazioni http://www.gsa.europa.eu

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche