itzh-CNenfrdeptrues
Harris
AeroVision
3D Target
Il cratere di nord-est, ripreso il 10 marzo 2018

Ricostruita in 3D l’evoluzione morfologica dell'Etna

Postulata una nuova ipotesi sul quadro evolutivo dell'Etna tramite una modellazione tridimensionale della struttura geologica del vulcano. Lo studio, condotto da INGV e Università di Catania, è stato pubblicato su Tectonics dell’American Geophysical Union.

Una modellazione 3D della struttura geologica dell’Etna ha permesso di calcolare, con più precisione, il volume dell’edificio vulcanico e ricostruire la variazione nel tempo del tasso eruttivo. A metterla a punto un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Osservatorio Etneo (INGV-OE) e dell’Università di Catania-Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (DSBGA).

Lo studio, Three-dimensional modeling of Mount Etna volcano: volume assessment, trend of eruption rates and geodynamic significance, pubblicato su Tectonics dell’American Geophysical Union (https:// doi: 10.1002/2017TC004851), fornisce anche una nuova ipotesi sul quadro evolutivo del vulcano, strettamente connesso ai drastici cambiamenti geodinamici che hanno interessato la Sicilia orientale, durante la formazione e crescita del Monte Etna.

Una prima ricostruzione dell’assetto morfologico e strutturale del basamento sedimentario del Monte Etna era stata sviluppata già in un precedente lavoro (The morphostructural setting of Mount Etna sedimentary basement (Italy): Implications for the geometry and volume of the volcano and its flank instability, https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0040195112007305).

“Partendo proprio dai dati del basamento sedimentario e da quelli della recente cartografia geologica del vulcano”, spiega Stefano Branca, vulcanologo dell’INGV-OE, “sono state ricostruite in 3D le strutture vulcaniche che si sono formate e sovrapposte a partire dagli ultimi 220.000 anni e che nel complesso hanno portato alla formazione del grande strato-vulcano del Monte Etna, il cui volume è pari a circa 535 km3".

La modellazione 3D ha permesso di ricostruire l’evoluzione morfologica del vulcano, durante le principali fasi di crescita dell’edificio etneo, mostrando i centri eruttivi della Valle del Bove, attivi fra circa 110.000 e 65.000 anni fa. E ha, inoltre, illustrato la struttura che si è sviluppata durante gli ultimi 60.000 anni, con la formazione del principale centro eruttivo, conosciuto come vulcano Ellittico, che circa 20.000 anni fa aveva raggiunto un’altezza di 3600 m. I volumi emessi nel periodo di tempo analizzato hanno consentito di determinare l'andamento del tasso eruttivo dell’Etna, evidenziando un drastico aumento negli ultimi 15.000 anni, periodo in cui si è formato l’edificio attuale denominato vulcano Mongibello.

"Il confronto dei tassi eruttivi medi delle singole fasi etnee con quelli di altri sistemi vulcanici, localizzati in diversi ambienti geodinamici in tutto il mondo, ha evidenziato come negli ultimi 60.000 anni, cioè con la formazione dei vulcani Ellittico e Mongibello, i tassi eruttivi hanno raggiunto un valore prossimo a quello dei vulcani di arco oceanico (come quelli della cintura di fuoco del Pacifico), sebbene l’Etna sia considerato un tipico vulcano intraplacca”, prosegue il vulcanologo.

Tale risultato è in accordo con alcuni recenti studi che hanno mostrato una possibile evoluzione della sorgente magmatica dell’Etna verso un vulcanismo di tipo arco insulare, come ad esempio quello delle Isole Eolie.

“Infatti, la porzione di crosta in subduzione, al di sotto del settore calabro-peloritano e del mar Tirreno, ha subito, durante il Pleistocene medio, una lacerazione che ha permesso al mantello dall’area dell’arco eoliano di fluire verso sud nella regione del Monte Etna”, conclude Branca.

Fonte: INGV comunicato stampa


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wca

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

reti tecnologiche modellazione 3d archeologia nuvole di punti interferometria uav ISPRA osservazione della terra sinergis smartphone arcgis fotogrammetria trasporti leica geosystems BIM geologia servizi ortofoto geofisica telerilevamento Stonex territorio FOIF ambiente smart city termografia satelliti protezione civile pianificazione progettazione geospatial stazione totale metadati internet of things digital geography autodesk catasto flyr beni culturali oceanografia terremoti mappe INSPIRE meteorologia cnr top world leica GIS geomax CAD eGEOS cartografia utility ingv open geo data scienze della terra mare sicurezza codevintec spazio terra e spazio rilievo 3d galileo laser scanner smart mobility GNSS OGC misurazione esri italia asita gps technologyforall trimble osservazione dell'universo big data aerofotogrammetria sar storytelling top story e-geos lidar planetek dati geografici ricevitori sentinel qgis Toponomastica top mobile mapping formazione scansione 3D asi rilievo realta aumentata gestione emergenze realtà virtuale hexagon Bentley Harris droni geodesia in cantiere dissesto idrogeologico uso del suolo geoportale rndt esri urbanistica SIFET mobilita topografia posizionamento satellitare geolocalizzazione dati rischio 3D open source open data cantiere flytop coste numerazione civica INTERGEO multispettrale copernicus esa terremoto catasto europeo faro monitoraggio openstreetmap teorema infrastrutture sviluppo sostenibile webGIS energia ict app agricoltura remote sensing cosmo skymed tecnologie avanzate sensore beidou topcon autocad tecnologia geomatica Here apr
GeoBusiness 2019
SIFET2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps