itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

GIS nella realtà aumentata, virtuale e mista anche con olografia

E’ di recente introduzione l'integrazione di olografia con i GIS. L’olografia è sempre più integrata nella nostra vita quotidiana e nell'industria, ad esempio, molti aeroporti ora usano immagini olografiche per informare i passeggeri sui requisiti di ispezione.

Ologrammi sovrapposti si estendono nella realtà virtuale e in realtà aumentata con i GIS, (il cosiddetto VRGIS e ARGIS) o anche nella realtà mista.

La realtà virtuale VRGIS è in circolazione già dagli anni '90 e a questa si sono poi aggiunti i GIS in realtà mista, MRGIS e in realtà aumentata, ARGIS con i più recenti avanzamenti nelle tecnologie, come i big data, la realtà aumentata, le unità di elaborazione grafica (GPU) e l’Internet of Things (IoT), che hanno contribuito a fornire implementazioni superiori, prestazioni più elevate e migliori modalità interattive uomo-computer nella risoluzione di problemi complessi, pratici e reali.

La tecnologia VRGIS è una combinazione di tecnologie di realtà virtuale e GIS, che integra GIS tridimensionale (3D GIS) e GIS orientato a Internet (Web GIS) adottando diversi dispositivi di interazione uomo-computer e stabilendo un modello tridimensionale (3D) in un ambiente virtuale tramite personal computer con dispositivi mobili e occhiali intelligenti.

Le nuove generazioni di tecnologie hardware a basso costo e dispositivi onnipresenti stanno riducendo significativamente la soglia dell'adozione e dell'accettazione di VRGIS da parte di varie comunità di ricerca e gruppi di utenti.

Basti pensare ai recenti rilasci di dispositivi hardware VR immersivi da parte dei principali attori, che coprono una vasta gamma di prezzi, livelli di sofisticazione e funzionalità, tali come Google Daydream View e il suo predecessore molto più economico, Cardboard, introdotto nel 2014, che utilizza il giroscopio dello smartphone per il rilevamento del movimento della testa, Microsoft HoloLens e le cuffie VR meno costose, Valve e HTC, Facebook e Samsung con Oculus Rift e Gear VR  e Sony PlayStation VR.

Un esempio di piattaforma GIS commerciale consolidata sul mercato ci viene dal CityEngine di Esri, che ora supporta la stampa di ologrammi in modo che il motore possa essere utilizzato per scopi di pianificazione urbana. Altre applicazioni, come vGIS, propongono il sistema per la pianificazione di emergenza e le evacuazioni di massa per incidenti utilizzando ambienti di realtà mista per l’addestramento.

Architetti e urbanisti scoprono che le funzionalità olografiche all'interno dei GIS ora consentono non solo la consapevolezza spaziale e la pianificazione, ma le immagini possono essere stampate o integrate con altre serie di dati per pianificare meglio i progetti prima di iniziarli. Analogamente nelle società di servizi di pubblica utilità, il GIS olografico ha la capacità di far risparmiare tempo e denaro in modo che una pianificazione adeguata possa avvenire e visualizzata prima che venga creata fisicamente.

Le società elettriche ad esempio utilizzano il GIS olografico per comprendere meglio le linee di trasmissione e prendere accordi per il lavoro senza dover essere direttamente presenti. Ciò fornisce un modo efficace per prepararsi in relazione al lavoro che può essere pericoloso e costoso.

Uno dei primi servizi urbani per l'implementazione di un database spaziale e l'applicazione di funzionalità olografiche è stata l'Autorità municipale municipale di Toms negli USA, dove i team sul campo potevano accedere ai dati GIS esistenti, archiviati in ArcGIS, ma visualizzati e valutati utilizzando uno strumento chiamato Meemim vGIS.

In conclusione possiamo affermare che sicuramente il GIS è in un momento di transizione e le basi che ha gettato non scompariranno. Si evolverà di pari passo con le tecnologie che verranno e la geomatica sottintesa sarà sempre meno evidente in considerazione della sua assimilazione quasi incosciente da parte di tutti noi. 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wwu

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

rilievo 3d termografia ingv agricoltura geofisica internet of things ricevitori progettazione Digital Twins GIS galileo reti tecnologiche fotogrammetria geoportale teorema oceanografia aerofotogrammetria geospatial slam monitoraggio top pianificazione droni faro urbanistica stazione totale catasto arcgis in cantiere big data osservazionedella terra catasto europeo mare scienze della terra remote sensing uav rilievo archeologia sentinel ISPRA codevintec dissesto idrogeologico gestione emergenze GNSS dati geografici autocad app open source protezione civile informazione geografica telerilevamento smartphone osservazione della terra mobilita utility openstreetmap sinergis flytop cosmo skymed realta aumentata beni culturali smart mobility esa open geo data INSPIRE esri italia topcon asita geolocalizzazione nuvole di punti sensore trasporti digital geography geologia BIM meteorologia storytelling microgeo interferometria 3DTarget sar 3D apr Epsilon Italia copernicus cantiere leica rndt INTERGEO sicurezza technologyforall monitoraggio satelitare laser scanner terremoto Stonex webGIS tecnologie avanzate autodesk ambiente mobile mapping mappe satelliti esri coste modellazione 3d qgis CAD terra e spazio dati hexagon Toponomastica open data infrastrutture formazione drone vidalaser topografia metadati tecnologia smart city scansione 3D cartografia telespazio leica geosystems ortofoto uso del suolo rischio energia servizi intelligenza artificiale posizionamento satellitare Harris GTER planetek lidar trimble territorio ict misurazione spazio geomax FOIF geomatica osservazione dell'universo terrelogiche cnr realtà virtuale gps geodesia asi
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy