itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Dati Copernicus a rischio senza rilevazione di dati oceanici e mareografici in Italia

Lo studio degli Oceani è uno degli obiettivi fondamentali della missione Copernicus e numerosi istituti di ricerca che ne osservano l’andamento usano i mareografi e le boe ondametriche come punti di riferimento diretto e di misura per il controllo delle previsioni satellitari.

Diversi servizi Copernicus hanno bisogno di dati oceanici in situ ed è importante rilevare dati oceanici in modo dettagliato. A seguito delle osservazioni oceaniche emergono una serie di fenomeni rilevanti e variabili essenziali che danno il contenuto reale per le analisi e la ricerca scientifica nel settore.

Nella immagine superiore è riportato lo stato della rete europea di misura delle maree. I colori indicano se le piattaforme sono a rischio di riduzione dei finanziamenti nel prossimo futuro (vedi legenda nella mappa dell’immagine). Il dato è riportato dallo State of Play report della European Environment Agency’s (EEA) implementation of cross-cutting activities for coordination of the in situ component of the Copernicus Programme Services.

Le infrastrutture di ricerca hanno spesso un orizzonte a lungo termine di 20 anni o più, tuttavia il periodo di impegno effettivo e la sicurezza di finanziamento di questi sono di solito limitati a 5 anni o meno. Le reti sono generalmente supportate a livello nazionale e vulnerabili nel tempo alle decisioni prese nei paesi ospitanti in merito alle infrastrutture di ricerca che supportano o no, conducendo potenzialmente a vaste aree con lacune spaziali o temporali nelle osservazioni.

Le reti che non vengono mantenute e sostenute attraverso l'impegno e gli investimenti assicurati, alla fine forniranno dati di scarsa qualità o declineranno per lasciare lacune nelle reti. Ciò porta al degrado della qualità e dell'affidabilità di un prodotto che può essere graduale nel tempo e non rilevato dagli utenti.

In ultima analisi, una decisione inadeguata potrebbe portare a risultati significativamente dannosi degradando o rendendo inutile una missione satellitare di altissimo costo quale la Copernicus e i suoi Sentinel dedicati all'Oceanografia, se non sufficientemente appoggiati con misure di verifiche a Terra.

I singoli servizi Copernicus possono avere requisiti diversi per le osservazioni oceaniche; ma l'approccio generale nella progettazione dei sistemi di osservazione dell'oceano è quello di stabilire osservazioni trasversali multiuso per ottenere il massimo beneficio dagli investimenti.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k43f8

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

top world progettazione GIS trimble sinergis telerilevamento spazio topcon terremoti flytop in cantiere termografia rilievo oceanografia osservazione della terra osservazione dell'universo satelliti BIM monitoraggio satelitare dissesto idrogeologico rischio openstreetmap coste metadati nuvole di punti terremoto scienze della terra smartphone mobile mapping autonomous vehicle SIFET realtà virtuale terrelogiche cnr tecnologia urbanistica stazione totale 3D faro ISPRA INSPIRE webGIS tecnologie avanzate apr agricoltura Stonex uav fotogrammetria ict Bentley asi terra e spazio servizi sicurezza big data geomatica realta aumentata ricevitori esri italia teorema misurazione rilievo 3d cosmo skymed lidar dati reti tecnologiche autocad smart city geolocalizzazione GNSS FOIF monitoraggio posizionamento satellitare codevintec catasto infrastrutture hexagon leica geosystems asita beni culturali geoportale microgeo geologia interferometria CAD esri leica protezione civile mare remote sensing Harris laser scanner app arcgis GTER geospatial droni energia mappe catasto europeo modellazione 3d digital geography rndt esa pianificazione qgis geodesia galileo ingv ortofoto sar formazione Here cartografia cantiere eGEOS mobilita open source trasporti autodesk dati geografici intelligenza artificiale territorio copernicus archeologia smart mobility meteorologia sentinel utility gps open geo data internet of things aerofotogrammetria Epsilon Italia ambiente storytelling top sensore technologyforall INTERGEO topografia geomax planetek scansione 3D gestione emergenze uso del suolo geofisica beidou Toponomastica open data
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps