itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Foce del Rio delle Amazzoni (Brasile)

ESA - Immagine della settimana: Rio delle Amazzoni (04 dicembre 2017)

Il satellite  Sentinel-2A del programma europeo Copernicus  ci trasporta nel nord del Brasile il 22 agosto 2017, nel punto in cui il fiume Rio delle Amazzoni incontra l’Oceano Atlantico (guardala/scaricala in alta risoluzione).

L’acqua, carica di sedimenti, appare di colore marrone mentre fluisce dalla sinistra in basso verso il mare aperto (in alto a destra). Nubi che ricordano i ‘popcorn’ sono visibili in varie zone dell’immagine: si tratta di un fenomeno ricorrente durante la stagione secca del Rio delle Amazzoni, fenomeno che trae origine dalla condensazione di  vapore acqueo rilasciato da piante ed alberi durante le giornate assolate.

Il colore del territorio varia dal verde intenso - della densa vegetazione -  fino al colore marrone chiaro. Dando un’occhiata più da vicino alla sezione in alto a sinistra dell’immagine possiamo riconoscere vaste zone di colore marrone dove la vegetazione è stata già eliminata. Le forme geometriche sono dovute a  coltivazioni agricole, mentre strade ad andamento lineare attraversano la restante area di densa vegetazione.

Le foreste pluviali vengono distrutte a livello globale ad un ritmo allarmante. Questo fatto è di grande rilevanza perchè esse giocano un ruolo importante nella formazione del clima globale. Inoltre questa foreste ospitano una estesa varietà di piante, animali ed insetti. Più di un terzo di tutte le specie del mondo vivono nella Foresta Pluviale del Rio delle Amazzoni.

A differenza di altre foreste, le foreste pluviali presentano difficoltà a rigenerarsi dopo essere state distrutte ed i suoli - a  causa della loro particolare composizione - non risultano più utilizzabili per un impiego agricolo a lungo termine.

L’Osservazione della Terra tramite satelliti grazie alla particolarità della vista dallo spazio consente ai sensori presenti a bordo di evidenziare la vulnerabilità delle foreste pluviali attraverso la documentazione della scala di deforestazione.

---

Amazon River


The Copernicus Sentinel-2A satellite takes us over northern Brazil on 22 August 2017, where the Amazon River meets the Atlantic Ocean.

The sediment-laden water appears brown as it flows from the lower left to the open ocean in the upper right. ‘Popcorn’ clouds are visible in parts of the image – a common occurrence during the Amazon’s dry season, formed by condensed water vapour released by plants and trees during the sunny day.

The land varies in colour from the deep green of dense vegetation to light brown. Taking a closer look to the upper-left section of the image, we can see large brown areas where the vegetation has already been cleared away. Geometric shapes indicate agricultural fields, and linear roads cut through the remaining dense vegetation.

Rainforests worldwide are being destroyed at an alarming rate. This is of great concern because they play an important role in global climate, and are home to a wide variety of plants, animals and insects. More than a third of all species in the world live in the Amazon Rainforest.

Unlike other forests, rainforests have difficulty regrowing after they are destroyed and, owing to their composition, their soils are not suitable for long-term agricultural use.

With their unique view from space, Earth observation satellites have been instrumental in highlighting the vulnerability of the rainforests by documenting the scale of deforestation.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Amazon River". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khdxh

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

esri lidar urbanistica webGIS top world esri italia intelligenza artificiale utility mare geolocalizzazione rndt droni cnr formazione apr posizionamento satellitare GIS BIM realta aumentata asita reti tecnologiche uso del suolo pianificazione monitoraggio infrastrutture terremoti top cartografia spazio 3D smartphone mappe FOIF dati tecnologia ict ambiente catasto open source modellazione 3d big data oceanografia faro arcgis Stonex cosmo skymed osservazione della terra Harris microgeo telerilevamento trasporti termografia planetek galileo aerofotogrammetria remote sensing 3DTarget eGEOS GNSS storytelling uav telespazio realtà virtuale geofisica Bentley stazione totale terra e spazio leica geosystems mobilita meteorologia protezione civile tecnologie avanzate open data in cantiere autocad ortofoto catasto europeo esa terremoto digital geography openstreetmap technologyforall GTER energia autonomous vehicle open geo data asi sentinel smart mobility satelliti INSPIRE app teorema geomatica dissesto idrogeologico gps codevintec rilievo 3d hexagon Epsilon Italia misurazione autodesk geologia archeologia copernicus fotogrammetria rilievo territorio CAD ingv laser scanner topcon ISPRA monitoraggio satelitare sar beni culturali smart city trimble sicurezza progettazione agricoltura mobile mapping metadati terrelogiche drone cantiere interferometria gestione emergenze INTERGEO scansione 3D geodesia dati geografici coste nuvole di punti geomax rischio geoportale ricevitori geospatial osservazione dell'universo sensore topografia leica sinergis internet of things Toponomastica qgis scienze della terra flytop servizi
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy