NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Sabato, 01 Luglio 2017 18:20

Quanto costerebbe oggi la perdita dei servizi GNSS? Una analisi del Regno Unito lo rivela.

Renzo Carlucci

Un recente rapporto di London Economics ha messo in evidenza il costo della perturbazione dei servizi di posizionamento satellitare, navigazione e temporizzazione e ha provato ad individuare le possibili alternative.

La relazione di 120 pagine, commissionata da Innovate UK, dall'Agenzia spaziale britannica e dal Royal Institute of Navigation, stima che i settori che generano l'11,3% del PIL britannico sono sostenuti direttamente dalle diverse costellazioni satellitari che compongono il sistema globale di navigazione satellitare (GNSS). Tuttavia, il ruolo importante del GNSS nel sostenere la Critical National Infrastructure (CNI), fa si che un'ampia gamma di attività economica sia indirettamente sostenuta dai servizi GNSS.

La relazione rileva che il governo britannico ha investito quasi 1,2 miliardi di sterline (1,5 miliardi di euro) a partire dal 2000 per sviluppare l'infrastruttura europea GNSS, promuovendo maggiori prestazioni e il mercato delle applicazioni a valle, che offre notevoli benefici agli utenti e al resto della società. Oltre alla generazione di posti di lavoro e tassi di elevata produttività per il Regno Unito, i contratti hanno migliorato la competitività generale del settore spaziale del Regno Unito e hanno contribuito a cementare la reputazione del Regno Unito come partner leader nei programmi spaziali europei.

L'impatto economico della perdita di servizi GNSS è stimato a 5,2 miliardi di sterline in un periodo di cinque giorni, afferma il rapporto. Questa perdita comprende 1,7 miliardi in perdite di GVA (Gross Value Added) e 3,5 miliardi in benefici perduti. Le applicazioni in servizi stradali, marittimi, di emergenza e giustizia rappresenterebbero il 67% di tutti gli impatti. Per esempio, la perdita del GNSS comprometterebbe notevolmente tutti i Porti e il carico e lo scarico dei Container per tutta la durata dell'interruzione. Gli effetti collaterali sono difficili da stimare in termini monetari, dice la relazione, ma i fatti suggeriscono che le imprese che si affidano alla consegna just-in-time probabilmente esaurirebbero gli input il primo giorno. Le merci importate nel Regno Unito con altri mezzi sarebbero seriamente ritardate poiché i porti e le altre operazioni di trasporto perderebbero tutte le efficienze prodotte dal GNSS. L'impatto sulla rete di trasporto nazionale sarebbe sostanziale, valutabile in 2 miliardi di sterline. La congestione crescerebbe molto rapidamente e i driver di consegna e minicab perderebbero il loro metodo di navigazione preferito. Ciò avrebbe un impatto su tutti i conducenti, poiché l'aumento della congestione significa che anche i conducenti che conoscono il loro percorso avrebbero visto aumentare i tempi di viaggio.

Tuttavia, una gamma di benefici non è stata quantificata, considerato che il GNSS supporta attività per cui una fonte globale del tempo accurat è una necessità. Ciò include i mercati finanziari, dove l'internazionalizzazione dell'industria si basa su una fonte di tempo universalmente riferibile. Di conseguenza, i benefici totali del GNSS stimati nella relazione sono considerati un limite inferiore e il vero valore dei vantaggi del GNSS all'economia britannica è molto più elevato.

Nella relazione vengono discusse diverse strategie di mitigazione. Dice che quelli più utilizzabili per il maggior numero di applicazioni sono i sistemi eLoran e Satelles Time and Location (STL). Questi servizi di elevata disponibilità potrebbero mitigare molti dei danni nel settore marittimo e, sebbene l'accuratezza sia insufficiente per l'impilamento di container e la guida delle gru autonome, la capacità di pianificare le operazioni portuali e di ridurre i tempi di inattività contribuirebbe a mantenere aperti i porti. Il costo di resurrezione del (e) Loran a un livello utile sarebbe nell'ordine di 50 milioni di sterline in 15 anni. Il costo dello STL non è chiaro in questa fase precoce del suo sviluppo. Omnisense SP500 e Locata possono essere preferiti per applicazioni localizzate che richiedono elevati livelli di accuratezza (ad esempio rilevazione e agricoltura). Le applicazioni di temporizzazione sono tuttavia resilienti a un’interruzione di cinque giorni del GNSS, ma potrebbero essere supportate da sistemi eLoran, STL, Locata o liberamente disponibili tipo i server di rete (Network Time Protocol) come fonte di temporizzazione per applicazioni a bassa precisione. Se è richiesta maggiore precisione, i protocolli di tempo di precisione (PTP) o le reti di fibre a tempo, come NPL-time, possono essere considerate come alternative.

Il report è disponibile a questo link: https://www.gov.uk/government/publications/the-economic-impact-on-the-uk-of-a-disruption-to-gnss 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwxkf



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma
Master GEO_GST

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo