itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Il presidente ENEA Federico Testa (a destra) e Roberto Battiston (presidente ASI)

ENEA-ASI alleate per le nuove sfide dello Spazio

Rafforzare la collaborazione tra ENEA e ASI per l’attuazione di programmi di ricerca, sviluppo e innovazione nei settori della medicina, dell’osservazione della Terra e dell’universo e delle biotecnologie per rispondere alle nuove sfide dello spazio. Questi i temi al centro della “Giornata ENEA-ASI per la ricerca e lo sviluppo tecnologico”, che si è svolta presso il Centro Ricerche ENEA Casaccia alla presenza dei presidenti dell’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA), Federico Testa, e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Roberto Battiston.

L’evento si inserisce nel quadro dell’accordo ENEA-ASI per potenziare la collaborazione nelle attività di ricerca scientifica di interesse comune ed il trasferimento dei risultati ad industria e PMI, con particolare riguardo allo sviluppo di tecnologie innovative, gestione di strumenti scientifici di interesse comune e analisi dei dati per la preparazione di nuovi progetti spaziali.

“Questa giornata segna l’avvio operativo del nostro accordo con ASI per affrontare insieme le sfide sempre più impegnative che l’esplorazione dello spazio richiede”, ha commentato il presidente ENEA Federico Testa. “Le missioni planetarie – ha aggiunto – e lo studio dello spazio profondo, così come le tematiche connesse con il volo spaziale umano e l’osservazione della Terra, aprono scenari che richiedono uno sforzo congiunto delle istituzioni. ENEA, con competenze, professionalità, impianti e strumentazioni molto avanzate può dare un contributo di rilievo, coinvolgendo in questo circuito virtuoso anche l'industria”.

“Mettere sempre più a sistema le competenze e le capacità della ricerca italiana è il senso profondo dell’accordo tra ASI ed ENEA”, ha detto il presidente ASI Roberto Battiston. “A fronte degli importanti impegni finanziari varati dal governo – ha aggiunto – e dal parlamento per rafforzare la ricerca, è nostro dovere trarre il massimo beneficio da queste risorse e favorire il trasferimento tecnologico dalla ricerca al settore industriale, che è uno degli elementi più importanti per accrescere la competitività del nostro Paese. Si tratta di un passaggio fondamentale per costruire un bel pezzo del nostro futuro”.

La Space Economy made in Italy
Secondo dati ASI, con un fatturato di 1,6 miliardi di euro e fino a 5 euro generati da ogni singolo euro di investimenti “in orbita”, la Space Economy in Italia può vantare numeri solidi e prospettive di sviluppo per contribuire ai grandi programmi europei. Dati significativi anche quelli sull’occupazione della filiera dello spazio, con oltre 6 mila addetti, competenze qualificate e infrastrutture di alto livello. L’Italia è la 6a potenza spaziale nel mondo e il 3° contributore per ESA (European Space Agency).

I settori coinvolti nella sfida spaziale
L’accordo tra ENEA e ASI si focalizza, nello specifico, sull’analisi dell'ambiente spaziale e lo studio di soluzioni biotecnologiche innovative; l’osservazione della Terra e le metodologie avanzate di monitoraggio territoriale; l’osservazione dell'universo con i sistemi di teleoperazione avanzata, robotica, sensoristica, strumentazione miniaturizzata e tecnologie per l'esplorazione planetaria e le simulazioni numeriche in appoggio alle missioni spaziali.

ENEA per lo spazio - Laboratori e impianti
Nel Centro Ricerche Casaccia sono presenti diversi laboratori e impianti impegnati in attività di ricerca scientifica relativa allo spazio. Tra queste, l’impianto di irraggiamento gamma Calliope e il laboratorio di caratterizzazione post-irraggiamento, la serra a contenimento con gli orti spaziali e le camere lunari dove si coltivano specie vegetali per fornire alimenti “freschi” per nutrire gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale. Poi ancora la camera anecoica che ricrea in un ambiente chiuso le condizioni simulate dello spazio, le tavole vibranti, per testare materiali e componenti sottoposti a vibrazioni, l'impianto Microbo, una facility sperimentale per lo studio delle tecniche avanzate di scambio termico in condizioni estreme e a gravità variabile, fino al laboratorio per la realizzazione di filtri ottici per applicazioni spaziali.

Fonte: ENEA


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wr9

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

lidar esri topcon geolocalizzazione dati geografici archeologia catasto beni culturali cnr CAD teorema formazione rilievo geoportale mobilita 3D big data monitoraggio satelitare remote sensing intelligenza artificiale infrastrutture realtà virtuale geomatica mare microgeo gps terremoti dati galileo esa progettazione fotogrammetria aerofotogrammetria sar digital geography in cantiere terremoto trasporti codevintec posizionamento satellitare drone termografia hexagon qgis rndt scansione 3D open geo data topografia cosmo skymed interferometria uav rischio copernicus osservazionedella terra GTER leica geomax GIS app asita top geologia catasto europeo geofisica smart city esri italia INSPIRE monitoraggio ict faro pianificazione technologyforall apr smart mobility Harris protezione civile mappe coste scienze della terra planetek osservazione dell'universo smartphone ricevitori tecnologie avanzate spazio servizi autodesk nuvole di punti open data utility realta aumentata energia terra e spazio GNSS open source leica geosystems webGIS internet of things Digital Twins reti tecnologiche agricoltura ambiente Toponomastica sicurezza oceanografia stazione totale urbanistica asi meteorologia BIM Stonex tecnologia ortofoto arcgis Epsilon Italia telerilevamento terrelogiche uso del suolo slam cartografia dissesto idrogeologico modellazione 3d metadati geospatial FOIF openstreetmap laser scanner sentinel ISPRA rilievo 3d gestione emergenze 3DTarget sensore osservazione della terra mobile mapping geodesia autocad trimble misurazione droni cantiere informazione geografica flytop sinergis territorio ingv satelliti telespazio storytelling INTERGEO
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy