itzh-CNenfrdeptrues
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Harris
3D Target

Fino al 30 aprile è possibile rispondere al questionario Open Data promosso da EuroSDR sulle agenzie cartografiche nazionali

Dal 2009, le iniziative Open Government Data sono state lanciate in tutto il mondo e il concetto di dati aperti sta guadagnando slancio. I dati aperti sono spesso associati alla realizzazione di ambizioni, come un governo più trasparente ed efficiente, che risolve problemi sociali e un aumento del valore economico. C'è stata una vasta letteratura che descrive i vantaggi (potenziali) dei dati aperti. Tuttavia, il passare ad una politica di dati aperti può rappresentare una sfida per il modello di business delle agenzie di mapping nazionali, specialmente se sono tenute a generare redditi sufficienti per coprire una parte sostanziale dei loro costi operativi.

Le agenzie di mapping nazionali possono essere in grado di generare entrate prelevando imposte specifiche o tasse di registrazione obbligatorie, come ad es. per le operazioni catastali. Inoltre, molte agenzie cartografiche nazionali ricevono entrate da diritti di licenza per i loro set di dati a pagamento o forniscono servizi aggiuntivi, come la fornitura di strumenti o l'hosting di una piattaforma dati. Uno spostamento dall'offerta di dati concessi in licenza all'offerta di dati aperti significa spesso una perdita di reddito a breve termine. Le entrate perse a causa di dati aperti possono rappresentare un rischio per le frequenze di aggiornamento dei dati e la qualità dei dati.

Tuttavia, i dati aperti possono anche offrire vantaggi all'organizzazione, ad esempio, la qualità dei dati potrebbe aumentare perché i cittadini e le aziende possono fornire risposte dirette. Ci possono essere guadagni di efficienza dovuti al fatto che i fornitori di dati non hanno più bisogno di mantenere un ufficio di vendita. Inoltre, altri enti pubblici non devono più pagare per utilizzare i set di dati del settore pubblico. Tuttavia, non è affatto una certezza che i vantaggi dei dati aperti superino i costi. Inoltre, fornire dati aperti è una cosa, assicurare dati aperti sostenibili dal finanziamento (fondi sufficienti in futuro), aspetti tecnici (disponibilità a lungo termine) e aspetti organizzativi (risorse umane sufficienti) è un'altra cosa.

EuroSDR, in collaborazione con Eurogeographics, ha avviato questa ricerca per valutare gli effetti delle politiche aperte sui dati sul modello di business delle agenzie di mapping nazionali. Ciò include effetti sul modo in cui le organizzazioni sono in grado di (ri) finanziare i loro costi operativi e di garantire la sostenibilità a lungo termine dei loro dati (aperti). Inoltre, vorremmo valutare il futuro dei dati aperti all'interno dell'organizzazione e nel proprio paese.

Il questionario è costituito da 16 domande semplici: le prime quattro ci forniscono alcune informazioni generali; le domande da 5 a 8 riguardano i set di dati aperti nell'organizzazione e la componente finanziaria del modello di business della propria organizzazione; le domande 9 e 10 riguardano la governance di dati aperti all'interno dell'organizzazione; le domande 12 e 13 ci forniscono una panoramica sugli effetti dei dati aperti e le domande da 14 a 16 riguardano il futuro dei dati aperti. Alla fine del questionario, vi è un'opportunità per fornire commenti e / o ulteriori informazioni.

Il collegamento al questionario, ovviamente in lingua inglese, è:
Http://m1e.net/c?141176608-incfqJoniB/jk%40390095683-OPDwNPjgzg1Ns

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4aa6

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

esri italia mobilita protezione civile openstreetmap sar FOIF posizionamento satellitare beni culturali in cantiere storytelling terremoti coste digital geography asita smart city geologia top Here Epsilon Italia uav Stonex open source laser scanner sentinel geofisica scienze della terra cantiere servizi scansione 3D terremoto termografia dati formazione e-geos metadati autonomous vehicle telerilevamento faro rischio progettazione cosmo skymed app territorio galileo agricoltura ambiente tecnologia Harris flytop GNSS modellazione 3d terrelogiche sensore technologyforall ict SIFET open geo data utility realtà virtuale 3D arcgis ortofoto geodesia pianificazione open data oceanografia lidar aerofotogrammetria droni geoportale monitoraggio mappe webGIS remote sensing top world reti tecnologiche misurazione GTER mobile mapping urbanistica INSPIRE ISPRA qgis uso del suolo planetek esa topcon geomax dissesto idrogeologico interferometria numerazione civica sinergis energia Bentley codevintec dati geografici tecnologie avanzate microgeo Toponomastica topografia teorema smart mobility geomatica stazione totale realta aumentata ingv sicurezza trimble apr catasto infrastrutture BIM intelligenza artificiale CAD spazio terra e spazio smartphone autocad hexagon satelliti GIS big data asi esri eGEOS gps geospatial osservazione dell'universo meteorologia cartografia rilievo nuvole di punti fotogrammetria copernicus trasporti catasto europeo ricevitori mare archeologia osservazione della terra autodesk internet of things leica rilievo 3d cnr gestione emergenze INTERGEO leica geosystems rndt geolocalizzazione
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
Technology for All

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps