itzh-CNenfrdeptrues
3D Target

Cosa riserva il sistema Galileo all’Italia nel prossimo futuro?

Sono quasi 20 anni che si parla del sistema Galileo con investimenti che dall’anno 2000 al 2020 arriveranno ad oltre 10 miliardi di euro. Ovviamente ogni paese della Comunità ha dato il suo contributo in quota parte, ricevendo poi benefici più o meno proporzionali all’investimento. Oggi a distanza di quasi venti anni ci chiediamo quale sia la ricaduta di tale investimento per l’Italia.

Di certo l’Italia ha il ruolo di fanalino di coda nel settore pur avendo know-how specifico e strutture di ricerca di tutto rispetto, anche in rapporto a quel mondo che travalicando i confini d’Europa offre competenza e professionalità di alto livello. Galileo si dirige essenzialmente a servizi basati sulla localizzazione (LBS), che dipendono fortemente dall’affidabilità e dalla disponibilità del posizionamento la cui realizzazione, lo ricordiamo, ancora oggi, nelle nostre zone, è affidata al sistema GPS statunitense, e al sistema GLONASS russo.

Il ruolo dell’Italia nel sistema di posizionamento Galileo, dal punto di vista dei servizi indotti, è abbastanza marginale e quanto dei previsti benefici saranno disponibili alle piccole e medie imprese italiane che potrebbero usufruire degli “Initial Services” avviati a fine 2016 e promossi dalla GSA, l’Agenzia del GNNS europeo?

I professionisti del settore topografico non sembrano interessati dal nuovo sistema in quanto gli altri sono disponibili e altamente precisi. Una piccola indagine nel settore ci conferma che da tempo i produttori hanno abilitato la ricezione delle frequenze riservate al sistema Galileo, ma nessuno ancora parla di evidenti vantaggi nell’esecuzione delle misurazioni. Nel settore degli smartphone attualmente risulta un solo produttore, BQ, che con il suo smartphone Aquarius riceve i satelliti Galileo, ma non spiega quale siano i vantaggi, neanche durante un Hackaton promosso recentemente dalla GSA a Praga.

Servizi di interesse prioritario sono nel supporto al soccorso per le emergenze ed anche nella grande accuratezza dell’orologio atomico che porterà all’aumento della precisione sulla localizzazione da singolo, ma avrà molte applicazioni secondarie.

“La geolocalizzazione è al centro dell’attuale rivoluzione digitale, con nuovi servizi che trasformano la nostra vita quotidiana – ha affermato il vicepresidente della Commissione Europea Maroš Šefčovič in occasione della dichiarazione degli Initial services –. Galileo sarà alla base della prossima generazione di tecnologie basate sulla localizzazione, come le automobili autonome, i dispositivi connessi o i servizi urbani intelligenti. Oggi mi rivolgo agli imprenditori europei con questo invito: immaginate cosa potete fare con Galileo. Non aspettate, innovate!”.

Ma in pratica quanto conoscono gli utenti italiani di questa innovazione Europea?

Cercheremo di appurarlo nel corso di questo anno e il primo appuntamento è al numero 1 2017 di GEOmedia dedicato interamente a questo tema con approfondimenti su:

  • Gli Initial Services Galileo
  • I primi gestori del servizio
  • L’impatto nel settore del survey
  • Quali giovamenti per i Location Based Services?
  • GPS e Galileo, lotta ad armi pari?
  • I nuovi servizi per il soccorso 
  • Smartphone Galileo ready, esistono?

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cxw

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

cosmo skymed beidou osservazione dell'universo interferometria INTERGEO topcon uav esa GNSS protezione civile utility archeologia Toponomastica in cantiere rndt uso del suolo mobilita big data sensore geoportale scansione 3D gps technologyforall ISPRA open data catasto top misurazione agricoltura smartphone pianificazione energia arcgis sinergis flytop posizionamento satellitare top world telerilevamento geospatial internet of things dissesto idrogeologico INSPIRE territorio cantiere sicurezza aerofotogrammetria autocad topografia cnr Stonex Bentley scienze della terra oceanografia trimble esri geolocalizzazione sar geologia digital geography modellazione 3d termografia nuvole di punti lidar FOIF e-geos faro hexagon asita beni culturali droni dati qgis SIFET ingv reti tecnologiche planetek copernicus apr urbanistica infrastrutture asi top story smart city smart mobility rischio tecnologie avanzate storytelling mobile mapping numerazione civica fotogrammetria GIS webGIS flyr leica eGEOS terremoto geofisica ict remote sensing app terremoti tecnologia cartografia geodesia catasto europeo leica geosystems ortofoto BIM gestione emergenze codevintec trasporti spazio servizi progettazione ricevitori meteorologia satelliti realtà virtuale OGC rilievo esri italia laser scanner CAD multispettrale autodesk ambiente sentinel osservazione della terra Harris intelligenza artificiale terra e spazio realta aumentata formazione open geo data openstreetmap mare rilievo 3d galileo stazione totale monitoraggio coste geomatica geomax multibeam mappe open source sviluppo sostenibile dati geografici metadati 3D
VidaLaser

Il video del mese

intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps