Il nuovo portale "open data" del Comune di Genova

Stampa

Titola così oggi l’Ansa con una notizia relativa al rinnovato aspetto del Portale Open Data del Comune di Genova. Non so quanti di noi abbiano confidenza con il tema degli Open Data, io anche ammetto di essere un neofita poco informato di come stanno andando le cose su questo tema. Però ho avuto più volte l’esigenza, direi quasi “morale”, di auspicare che vengano messi a disposizione della comunità i dati realizzati dalla Pubbliche Amministrazioni con i contributi di tutti i cittadini. 

Un esempio di mancata trasformazione in open data, di cui ho sempre parlato, è la grande banca dati dei monumenti italiani sottoposti a Vincolo del MIBACT che insieme a quelli presenti sulle guide rosse del TCI, opportunamente georiferiti, hanno costituito il patrimonio di beni culturali del geodatabase del Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio del Patrimonio Culturale, disponibile solo parzialmente e solo in visualizzazione sui siti cartadelrischio.it e vincolinrete.it per i cittadini.

Ma torniamo al portale Open Data del Comune di Genova, che trova spazio ed elogio nella notizia dell’Ansa. 
Io non sono riuscito a trovare le innovazioni decantate e descritte così positivamente. I set di dati sono veramente pochi ed elementari, non troviamo neanche una base cartografica della nostra epoca, ma solo catasti storici ed infine anche nella visualizzazione si parla solo di formati ma non si mostrano su una interfaccia geografica. Considerato che tutti i dati sono comunque relazionati al territorio, una minima interfaccia geografica sarebbe stata necessaria. Sono molti anni che le tecnologie dei sistemi informativi geografici vengono messe a punto per poter essere oggi operative con estrema facilità. Lo stesso cittadino qualunque ormai è stato abituato a vedere tutto sulla mappa (di Google purtroppo) e cercare quello che esiste intorno a se.

Non voglio promuovere raffronti ma basta cercare su Google i portali open data comunali per imbattersi in altri esempi come quello del Comune di Reggio Emilia (http://opendata.comune.re.it):

 

Dataset Opendata Comune di Reggio Emilia

 

 

alcuni aprono la loro home page direttamente nell’interfaccia geografica come quella del Comune di Pisa (http://opendata.comune.pisa.it):

 

Comune Pisa Open Data

 

Forse il messaggio che ci ha voluto dare questo portale è il fatto che in Open Data si possono distribuire solo dati statici, consolidati dal tempo, che non abbiano bisogno di continui aggiornamenti, come la cartografia, visto quanto cambia il territorio. Per la cartografia la vera via sono i linked open data, ... se fossero disponibili anche per la cartografie tecniche.

Fonti: 
http://www.ansa.it/pressrelease/liguria/2016/11/30/il-nuovo-portale-open-data-del-comune-di-genova_21c5ab0b-69ad-40ac-a1c9-5f1c4e9917dd.html
http://dati.comune.genova.it

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche