Harris
3D Target
Area del Parco Nazionale  Bernardo O’Higgins (Cile)

ESA - Immagine della settimana: Il ghiacciaio Pío XI (06 Novembre 2016)

In questa immagine del satellite Landsat-8, acquisita in data 8 gennaio 2016, viene mostrata una parte del Parco Nazionale  Bernardo O’Higgins nel sud del Cile (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Il parco ospita gran parte del campo di ghiaccio Patagonico Sud, la seconda più grande  distesa contigua di ghiaccio al mondo dopo quelle dei poli.

I campi di ghiaccio sono classificati come calotte  la cui estensione è minore di 50 000 kmq e vengono originate da un vasto accumulo di neve, che si trasforma in ghiaccio dopo anni di compressione e raffreddamento. Forgiati dalla topografia sottostante, spesso capita che i ghiacciai si formino sul limitare di una distesa di ghiaccio drenandone il contenuto.

Il campo di ghiaccio Patagonico Sud è la più grande delle due parti restanti della calotta di ghiaccio della Patagonia, che ricopriva tutto il sud del Cile durante l’ultima Era Glaciale, circa 12000 anni or sono.

Una  delle principali attrazioni di quest’area è il ghiacciaio Brüggen, anche noto  come ghiacciaio Pio XI, visibile nell’angolo in basso a sinistra dell’immagine. Si tratta del più lungo ghiacciaio dell’emisfero meridionale al di fuori dell’Antartide e durante il suo avanzamento prima ha raggiunto la costa occidentale negli anni ’60, dopodichè l’avanzamento è proseguito verso nord e verso sud.

Appena al di sopra di questo ghiacciaio possiamo notare come le acque del lago Greve appaiano più chiare - in questa immagine a falsi colori- se comparate con altri specchi d’acqua. Queste effetto è dovuto alla presenza nell’acqua  di sedimento fine in sospensione, prodotto dalla abrasione dei ghiacciai nella loro azione di sfregamento sulle rocce. Questo fenomeno è soprannominato anche ‘latte del ghiacciaio’.

Altra notevole particolarità geologica di quest’area è il vulcano attivo Lautaro, ricoperto di ghiaccio, visibile al centro ed in basso nell’immagine.


---

Pío XI


Part of Chile’s Bernardo O’Higgins National Park in southern Chile is pictured in this Landsat-8 image from 8 January 2016.

The park includes much of the Southern Patagonian Ice Field – the world’s second largest contiguous ice field beyond the poles.

Classified as an expanse of ice covering less than 50 000 sq km, ice fields are formed by a large accumulation of snow which turns into ice with years of compression and freezing. Shaped by the underlying topography, glaciers often form at the edges of an ice field, draining the ice off.

The Southern Patagonian Ice Field is the larger of two remnant parts of the Patagonian Ice Sheet, which covered all of southern Chile during the last glacial period some 12 000 years ago.

One of the main attractions in this area is the Brüggen Glacier, also known as Pío XI Glacier, visible in the lower left corner of the image. This is the longest glacier in the southern hemisphere outside Antarctica, and has been advancing, first reaching the western shore in the 1960s, and then advancing north and south.

Just above this glacier, we can see how the waters of Lake Greve appear lighter in this false-colour image compared to other water bodies. This is due to the presence of suspended fine sediment in the water produced by the abrasion of glaciers rubbing against rock, called ‘glacier milk'.

Another notable geological feature in this area is the active, ice-covered Lautaro Volcano in the lower-central part of the image.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Pío XI". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

Digital Twins rndt sar mobile mapping aerofotogrammetria informazione geografica metadati openstreetmap geodesia terrelogiche utility app copernicus esri rilievo 3d flytop geospatial dati interferometria CAD osservazione dell'universo ISPRA open data coste geolocalizzazione oceanografia sentinel dissesto idrogeologico intelligenza artificiale mobilita smart mobility monitoraggio satelitare autodesk microgeo cosmo skymed topografia formazione geoportale planetek Epsilon Italia rilievo cartografia open geo data apr urbanistica ortofoto 3DTarget big data Harris rischio reti tecnologiche ingv realta aumentata cantiere nuvole di punti osservazione della terra mappe smart city arcgis GIS in cantiere stazione totale esri italia servizi beni culturali asita qgis osservazionedella terra technologyforall posizionamento satellitare tecnologie avanzate scienze della terra remote sensing leica geosystems faro meteorologia digital geography Stonex pianificazione scansione 3D open source topcon geofisica energia esa trimble GTER archeologia satelliti mare telerilevamento realtà virtuale terra e spazio progettazione slam geomax catasto webGIS agricoltura asi hexagon misurazione gestione emergenze leica BIM cnr sicurezza storytelling 3D fotogrammetria geomatica dati geospaziali territorio ricevitori drone monitoraggio top Toponomastica galileo protezione civile catasto europeo geologia uav GNSS sinergis lidar sensore trasporti tecnologia terremoto ict termografia spazio ambiente INSPIRE FOIF droni INTERGEO modellazione 3d dati geografici autocad codevintec laser scanner gps infrastrutture vidalaser smartphone teorema uso del suolo internet of things
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy