Harris
3D Target

GEOWEB introduce servizi digitali innovativi a supporto del Piano di gestione dei Rifiuti

Pensiamo che tutte le professioni debbano portare un contributo all’elaborazione di una risposta collettiva di contrasto rispetto ai cambiamenti climatici che affliggono i nostri tempi. In tal senso, un significativo risparmio energetico può venire dalla rivisitazione del ciclo di vita dei fabbricati che andrebbe modificato dalla tradizionale risposta ‘lineare’ (Cradle to Grave: dalla culla alla tomba), grandemente energivora, verso la realizzazione di diversi cicli di decostruzione/ricostruzione che consentano, in pari tempo, l’adozione di un sempre maggior contenuto di ‘riuso’ (Cradle to Cradle: dalla culla alla culla) di materiali provenienti dalle ‘filiere’ di recupero, che rappresenta uno dei fattori chiave da incentivare.

La decostruzione selettiva consente la corretta alimentazione dei workflow di recupero e/o di rigenerazione dei materiali. Tale decostruzione selettiva va vista, per i manufatti edili, alla stregua di quello che è la raccolta differenziata per i rifiuti domestici.

In Europa le buone pratiche Inglesi e Olandesi hanno portato all’emersione certificata di più dell’80% dei rifiuti appartenenti al ciclo C&D (Costruzione e Demolizione) attraverso l’adozione di uno strumento chiamato ‘Piano di Smaltimento dei Rifiuti’. Oggi l’Europa chiede, agli altri Stati membri, di raggiungere almeno il 70% di emersione dei rifiuti da C&D entro il 2020 (in Italia non ci sono stime precise ma si valuta ottimistico un dato, all’attualità, pari a solo il 10%).
GEOWEB, facendo tesoro delle citate ‘buone pratiche’, vuole contribuire a questo processo virtuoso con dei servizi digitali innovativi che ‘diminuiscano’ il contenuto meramente ‘burocratico’ insito in detti adempimenti.
La rete delle professioni, alla quale GEOWEB offre i suoi servizi, verrà dotata di processi digitali che consentiranno di operare su scenari di realtà virtuale/aumentata mediante l’uso di in una innovativa modellazione tridimensionale. Il professionista non dovrà ‘compilare’ burocraticamente dei moduli, quali, ad esempio, il Piano di smaltimento dei rifiuti, il Registro di carico e scarico, il FIR (Formulario di Identificazione dei rifiuti), la componente MUD (Modello Unico Dichiarazione Ambientale), bensì, potrà operare direttamente su una realtà virtuale molto simile a quella reale perché descritta da una nuvola di punti (catturata da moderni strumenti di digitalizzazione 3D), innestata su una modellazione tridimensionale mediante la quale il professionista sarà in grado di descrivere facilmente i materiali (codifica CER – Codifica Europea dei Rifiuti) di cui l’immobile è composto. Questo vero e proprio ‘Brogliaccio di cantiere’, oltre alle tradizionali operazioni di ‘due diligence’ (comparazione tra realtà documentale e realtà territoriale), consentirà, a un elevato contenuto di automazione, la produzione della citata modulistica, propria dei processi certificati di smaltimento dei rifiuti, in una modalità che si addice a un vero processo di digitalizzazione.
I moduli necessari all’espletamento burocratico proprio dei processi di smaltimento dei rifiuti verranno automaticamente prodotti dal modellatore che fornirà, all’occorrenza, anche un cronoprogramma (GANTT) relativo alla Demolizione selettiva utile ai processi di sostituzione edilizia che verranno sempre più richiesti in ragione del fatto che i nuovi Piani Regolatori privilegeranno il riuso di aree antropizzate all’occupazione di nuove aree.

Antonio Bottaro - CEO GEOWEB S.p.A.

A breve sarà pubblicato un approfondimento sul magazine GEOmedia.

(Fonte: GEOWEB)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4uuy

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

ict scansione 3D BIM openstreetmap hexagon slam coste sentinel drone spazio cosmo skymed oceanografia cnr dati geografici GTER droni faro reti tecnologiche esri italia internet of things scienze della terra termografia rndt cartografia trasporti sicurezza gestione emergenze uso del suolo codevintec vidalaser CAD big data formazione osservazionedella terra lidar topografia terremoto open source 3DTarget qgis informazione geografica dati geospaziali geomatica utility energia Harris misurazione progettazione urbanistica sar sinergis copernicus ambiente fotogrammetria interferometria leica tecnologie avanzate open geo data ortofoto posizionamento satellitare technologyforall catasto smart mobility ricevitori apr flytop INTERGEO catasto europeo GNSS microgeo planetek digital geography realta aumentata sensore telerilevamento Stonex storytelling tecnologia open data geomax leica geosystems osservazione della terra 3D metadati rischio asita arcgis pianificazione monitoraggio Toponomastica meteorologia monitoraggio satelitare autodesk beni culturali geofisica app galileo realtà virtuale terrelogiche Epsilon Italia mare satelliti Digital Twins laser scanner geodesia autocad esri geoportale webGIS archeologia terra e spazio servizi mobilita nuvole di punti uav smart city ISPRA modellazione 3d cantiere intelligenza artificiale geolocalizzazione stazione totale INSPIRE FOIF rilievo 3d territorio gps geospatial protezione civile asi ingv dissesto idrogeologico osservazione dell'universo smartphone infrastrutture in cantiere remote sensing teorema top dati topcon trimble mappe rilievo esa mobile mapping agricoltura geologia aerofotogrammetria GIS
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy