Webinar gratuito di Planetek Italia e Hexagon Geospatial: “Processing automatizzato con lo Spatial Modeler di ERDAS IMAGINE”

Stampa

Come risolvere i problemi legati all’estrazione rapida di informazioni dai Big Data geospaziali? Il secondo appuntamento Webinar, organizzato da Planetek Italia per Venerdì 14 Ottobre, illustrerà come creare procedure automatizzate di elaborazione dei dati satellitari, grazie allo Spatial Modeler di ERDAS IMAGINE.

Dopo il primo appuntamento, che ha visto la partecipazione di oltre 270 persone interessate al tema degli “Open data satellitari: ricerca, download e import in ERDAS IMAGINE”, il secondo appuntamento Webinar organizzato da Planetek Italia si occupa di coloro che hanno la necessità di ridurre i tempi e le complessità legate alle procedure di elaborazione dei dati satellitari.

Lo Spatial Modeler di ERDAS IMAGINE consente di modellare operazioni di geoprocessing, anche complesse, attraverso procedure personalizzate e ripetibili, consentendo all'utente di costruire dei workflow personalizzati per l'elaborazione delle immagini.

L’incontro si configura come un seminario on-line, che illustra passo passo l'argomento trattato. Utilizzando immagini di esempio Sentinel-2 e Landsat-8 vedremo concretamente i passaggi per realizzare elaborazioni personalizzate in modo semplice e automatico. Durante il webinar ai partecipanti verrà fornito un tutorial, realizzato in lingua italiana dagli esperti di Planetek Italia, corredato da dati satellitari demo e altre risorse.

Webinar: Processing automatizzato con lo Spatial Modeler di ERDAS IMAGINE
Venerdì 14 Ottobre, ore 12,00
Le iscrizioni al webinar gratuito sono già aperte.
Il webinar è organizzato da Planetek Italia e Hexagon Geospatial.

 

Gli argomenti del webinar:
- Le caratteristiche dello Spatial Modeler di ERDAS IMAGINE;
- Tipologie di operatori disponibili;
- Modellazione grafica e configurazione del processing;
- Spatial Modeler e Python;
- Esempi di modelli di processing automatico di dati;
- Esempi di elaborazione di Dati Sentinel-2 e Landsat-8;
- Preview e analisi dei risultati;
- Salvataggio di un modello, export di un modello criptato;
- Q&A;
- Conclusioni;

Nel corso degli ultimi anni la quantità di informazioni e dati offerte dai sistemi di osservazione della Terra è andata progressivamente crescendo.
Non a caso si parla spesso di big data satellitari, proprio in riferimento alla grande mole di dati potenzialmente utilizzabili per l’estrazione di informazioni utili.

Affinché questi dati possano esprimere tutto il loro valore è necessario trovare delle soluzioni tecnologiche che permettano di estrarre in tempi brevi le informazioni, mediante dei processi automatizzati di elaborazione dei dati. Chi lavora con dati geospaziali in maniera tradizionale è infatti spesso costretto ad impiegare molto tempo in operazioni ripetitive (download dei dati, l’elaborazione attraverso molteplici software, ecc.) che sottraggono tempo ad attività di maggiore valore come l’analisi dei risultati ottenuti, fondamentale per l’adozione di decisioni.

La soluzione a questo problema è costituita creazione di flussi di lavoro automatizzati, che assicurino risultati standardizzati e ripetibili.

Il calendario dei Webinar
• Open data Satellitari: ricerca, download e import in ERDAS IMAGINE 2016 (22 settembre 2016)
• Processing automatizzato con lo Spatial Modeler di ERDAS IMAGINE 2016 (14 ottobre 2016)
• La Change Detection con ERDAS IMAGINE 2016: i tool disponibili ed esempi pratici di utilizzo (04 novembre 2016)
• Estrazione di nuvole di punti e modelli del terreno in 3D da stereocoppie satellitari ad altissima risoluzione (25 novembre 2016)

Consulta il calendario completo e iscriviti su Planetek Italia

(Fonte: Planetek Italia)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche